Come ci si sente a ricevere il vaccino COVID-19? Le rassicurazioni dell'Università di Yale sugli effetti collaterali

Effetti collaterali al vaccino, una preoccupazione diffusa: i vaccini COVID-19 sono arrivati, e tra non molto, terminata la somministrazione alle “fasce sensibili”, verranno diffusi alla gente comune.

Le domande ed i dubbi sono diffusi, e le opinioni degli specialisti della Yale Medicine sembrano particolarmente adatte a dissiparli.

Effetti collaterali del vaccino: mi farà male ricevere le dosi di anti COVID-19?

“Questi vaccini COVID non sono diversi da qualsiasi altro vaccino che si potrebbe ottenere – e questo include il vaccino antinfluenzale annuale”, spiega Onyema Ogbuagu, MBBCh, specialista di malattie infettive della Yale Medicine e principale esperto di Yale su questi vaccini COVID-19.

Come il vaccino antinfluenzale, il COVID-19 comporta un’iniezione.

“Il destinatario riceve una dose di vaccino di piccolo volume, quindi non entra nell’organismo molto fluido”.

Se hai domande su cos’altro aspettarti mentre attendi la tua vaccinazione, ecco cinque cose da sapere.

1. Potresti avere effetti collaterali al vaccino COVID-19, ma non è necessariamente detto.

Gli effetti collaterali del vaccino COVID-19 non sono rari e non sono nemmeno qualcosa da temere.

“Saranno lievi per la maggior parte delle persone”, afferma il dottor Ogbuagu.

“Penso anche che quando usiamo il termine ‘effetti collaterali’, ciò determini un immaginario negativo.

Tecnicamente, ci riferiamo a loro come reattogenicità.

Questi sono solo sintomi che significano che stai rispondendo al vaccino – il tuo sistema immunitario sta davvero operando una protezione per te”.

Se si verificano effetti collaterali, in genere appaiono e scompaiono entro 48 ore.

Una buona cosa da sapere, però, è che alcune persone hanno riportato effetti collaterali che sembrano sintomi dell’influenza. Potrebbero presentarsi la febbre o la stanchezza.

Il seguente è un elenco dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) degli effetti collaterali comuni tra le persone che ricevono un vaccino COVID-19.

Nel sito di iniezione:

  • Dolore
  • Gonfiore

In tutto il resto del corpo:

  • Mal di testa
  • Stanchezza
  • Brividi
  • Febbre

Alcune persone hanno lamentato una sensazione di pesantezza nel braccio dove è stata fatta l’iniezione, dice il dottor Ogbuagu, notando che questo potrebbe essere legato alla tecnica di iniezione e/o al vaccino stesso.

Mentre la maggior parte delle persone trova gli effetti collaterali tollerabili, l’esperto di Yale suggerisce di parlare con il medico se il rossore o la tenerezza dura più di 24-48 ore, o se gli effetti collaterali sono preoccupanti o non vanno via dopo pochi giorni.

“ Questi vaccini COVID non sono diversi da qualsiasi altro vaccino che si potrebbe ottenere – e questo include il vaccino antinfluenzale annuale. ”

2. Vaccino COVID-19: sì, hai bisogno di due dosi. Anche in presenza di effetti collaterali

Entrambi i vaccini Pfizer-BioNTech e Moderna richiedono due dosi per la massima protezione.

Sarà importante sapere quale vaccino si ottiene, poiché entrambi dovrebbero provenire dallo stesso produttore e il tempo tra le iniezioni varia.

Sono stati comunque recentemente approvati vaccini monodose, che non presentano grandi variazioni rispetto al punto 1.

  • Pfizer-BioNTech: 21 giorni dopo la prima iniezione
  • Moderna: 28 giorni dopo la prima iniezione

Si dovrebbe fare la seconda iniezione il più vicino possibile ai tempi raccomandati, anche se la prima causa effetti collaterali.

È anche importante sapere che i due vaccini non devono essere mescolati, quindi se la prima dose è il vaccino Moderna, anche la seconda dose deve essere Moderna.

Su questo punto c’è stata un po’ di confusione di recente, negli Stati Uniti come in Italia, poiché i CDC hanno aggiornato le proprie raccomandazioni sul vaccino alla fine di gennaio per consentire la seconda dose di COVID-19 da un produttore diverso in “situazioni eccezionali”.

Secondo un portavoce del CDC, “l’intenzione non è quella di suggerire alle persone di fare qualcosa di diverso, ma di fornire ai medici una flessibilità per circostanze eccezionali”.

Un’altra ragione per cui sono necessarie due dosi è che gli scienziati stanno ancora determinando la lunghezza e la durata della protezione del vaccino – è qualcosa che stanno monitorando, dice il dottor Ogbuagu.

“Il secondo colpo è quello che probabilmente migliorerà la durata del vaccino. Lo abbiamo visto nei dati dei nostri studi clinici in fase iniziale”, dice.

“Alcune persone non hanno mai raggiunto i livelli di anticorpi target con una sola iniezione. Quindi, il richiamo [seconda iniezione] è ciò che è veramente necessario per raggiungere, o superare, i livelli anticorpali target”.

3. Al netto di sporadici effetti collaterali potete sentirvi sicuri nel prendere il vaccino COVID-19

“Per i vaccini mRNA, abbiamo iniziato con i dati di circa 74.000 persone, da studi che erano multinazionali, attraverso linee razziali ed etniche, dentro e fuori gli Stati Uniti, anche in Sud America, Sud Africa ed Europa”, dice il dottor Ogbuagu, aggiungendo che è stato uno dei primi a ricevere il vaccino a Yale quando è diventato disponibile per gli operatori sanitari.

“Ho osservato personalmente quasi 300 pazienti che hanno ricevuto i vaccini, quindi conosco gli effetti collaterali.

Voglio rassicurare tutti che il vaccino è sicuro ed efficace come sembra”.

Alcune persone hanno espresso preoccupazione per la rapidità con cui questi vaccini sono stati sviluppati – meno di un anno.

Ma entrambi usano una tecnologia che i ricercatori hanno studiato per decenni contro altre infezioni, tra cui l’influenza e Zika.

Entrambi sono vaccini a RNA messaggero (mRNA) che utilizzano una tecnologia che è molto facile da produrre in massa.

“La linea di fondo è che gli studi clinici sono stati fatti in modo più efficiente di quanto sarebbero stati se avessimo avuto più tempo. Non ci sono state scorciatoie”, dice il dottor Ogbuagu.

Questo è il modo in cui gli studi clinici dovrebbero essere fatti in risposta a un’emergenza di salute pubblica”.

COVID-19 ha galvanizzato le aziende farmaceutiche, le istituzioni accademiche come la nostra a Yale e i ricercatori come me”.

4. Le reazioni allergiche sono rare e trattabili.

Potreste aver sentito che alcune persone hanno avuto gravi reazioni allergiche ai vaccini, ma il dottor Ogbuagu sostiene che queste reazioni sono state rare (si stima che siano circa 2/1.000.000 dosi di vaccino Pfizer-BioNTech somministrate, secondo il Vaccine Adverse Event Reporting System [VAERS] del CDC) e che questo può accadere anche con altri vaccini e farmaci.

“La stragrande maggioranza delle persone è stata bene”, dice.

Il termine “reazione allergica grave” significa che le persone che ne sperimentano una devono essere trattate con epinefrina o un EpiPen©, o hanno dovuto andare in ospedale.

Ci sono state anche alcune segnalazioni di reazioni non gravi come orticaria, gonfiore e affanno.

Se avete una storia clinica  di gravi allergie ad altro vaccino o farmaco, dovreste discuterne con il vostro medico prima di fare la vaccinazione.

Inoltre, sappiate che il CDC ha raccomandato di monitorare le persone per qualsiasi reazione per almeno 15 minuti dopo la vaccinazione – e per almeno 30 minuti per quelli con una storia di reazioni.

I siti di vaccinazione avranno farmaci e attrezzature per trattare le reazioni, e i fornitori in loco sanno come usarli per fornire cure rapide, se necessario.

5. Sì, si dovrebbe mantenere la distanza sociale e indossare una maschera anche dopo la vaccinazione.

“Non credo che siamo pronti a dire alle persone di buttare via le loro maschere o evitare la distanza sociale abbastanza ancora”, dice il dottor Ogbuagu.

“Sappiamo che le maschere funzionano per impedirti di diffondere il COVID-19 agli altri, e ora sappiamo che ti protegge anche dall’acquisirlo”.

Come per il vaccino antinfluenzale, è sempre tecnicamente possibile essere infettati dal COVID-19 anche se si ottiene il vaccino.

Mentre i vaccini Pfizer-BioNTech e Moderna sono considerati efficaci al 95%, rimane circa il 5% delle persone che possono contrarre il virus anche se sono state vaccinate.

Anche se il loro caso è lieve o non hanno sintomi, potrebbero ancora diffondere il virus ad altri, così come le persone che non sono ancora state vaccinate o la cui immunità non si è ancora sviluppata dal vaccino, poiché ci vuole un po’ di tempo.

“Ma la buona notizia è che se sempre più persone si vaccinano, le probabilità che qualcuno di noi si ammali scendono e – con questi vaccini – possiamo iniziare a immaginare un giorno in cui il COVID-19 non dominerà più le nostre vite”, dice il dottor Ogbuagu.

Per approfondire:

COVID-19, il ruolo degli immunomodulatori (anakinra, sarilumab, siltuximab e tocilizumab) nel trattamento

Covid, vaccino in siringhe pronte: le istruzioni per gestirle

Fonte dell’articolo:

Università di Yale – sito ufficiale

I commenti sono chiusi.