COVID-19 in Africa, il Malawi è travolto dalla seconda ondata

Dopo essere stato relativamente risparmiato dalla pandemia di COVID-19 nel 2020, il Malawi è ora travolto da una nuova e rapida ondata della malattia che sta rapidamente travolgendo il sistema sanitario.

Nelle prime settimane di gennaio 2021, il numero di persone confermate con la malattia è raddoppiato ogni quattro o cinque giorni, e mentre la capacità locale è già satura, l’accesso ai vaccini è probabilmente lontano qualche mese.

Médecins Sans Frontières (MSF) ha risposto all’appello delle autorità sanitarie di Blantyre, e ha lanciato attività di emergenza per affrontare l’aumento esponenziale del numero di pazienti gravi nella zona.

Fabrice Weissman, membro del team di risposta di MSF COVID-19 in Malawi, descrive la situazione

Quali sono gli ultimi aggiornamenti su questa nuova ondata di COVID-19 in Malawi?

“La pandemia si sta sviluppando ad un ritmo rapido da metà dicembre.

A quel tempo, la maggior parte dei nuovi casi è stata trovata tra i lavoratori malawiani di ritorno dal Sudafrica, mentre oggi quasi tutti i nuovi casi sono il risultato della trasmissione locale.

C’è un’altissima probabilità che la variante COVID-19 500Y.V2, identificata in Sudafrica, sia responsabile di questa seconda ondata.

Secondo le attuali conoscenze scientifiche, questa variante è il 50% più trasmissibile del ceppo originale, il che ha portato a una rapida impennata del numero di persone che hanno bisogno di essere ricoverate.

Questo numero è raddoppiato ogni settimana dall’inizio di gennaio.

Se l’epidemia nel paese segue lo stesso modello del Sudafrica (dove il picco della seconda ondata è stato raggiunto dopo nove settimane), possiamo aspettarci che il numero di pazienti gravi che hanno bisogno di cure ospedaliere aumenti senza sosta fino a metà febbraio.

I punti caldi dell’epidemia sono le due città principali del paese, Lilongwe nel centro e Blantyre nel sud, che contano circa due milioni di persone.

A Blantyre, in Malawi, MSF gestisce un programma oncologico al Queen Elizabeth Central Hospital (QECH), dove vengono ricoverati anche i pazienti affetti da COVID-19. Cosa stanno osservando lì le équipe di MSF?

Il numero di pazienti COVID-19 gravi ricoverati al QECH è aumentato da 12 a 107 tra il 1° e il 21 gennaio, superando la capacità massima dell’ospedale per i pazienti COVID-19, che attualmente è di 80 pazienti.

Questo mette a dura prova la struttura, in particolare per quanto riguarda le risorse umane, le attrezzature mediche e i materiali di consumo e le forniture di ossigeno – in tutte e tre le aree, il direttore dell’ospedale ha chiesto un supporto di emergenza, che abbiamo iniziato a fornire”.

Fabrice Weissman non nasconde la propria preoccupazione rispetto alle condizioni di salute degli operatori sanitari, in prima linea nella lotta a COVID-19: sono 10 i membri di MSF risultati positivi a Covid negli ultimi 10 giorni.

Un altro fronte di lotta alla pandemia riguarda il tasso di mortalità dei pazienti, e da questo punto di vista MSF si sta prodigando nella fornitura non solo di personale sanitario, ma anche di ossigeno e altri importanti presidi ospedalieri.

“Ma per contenere il numero di infezioni e morti causate da questa nuova ondata della malattia, il Malawi ha urgente bisogno di accedere alla vaccinazione – cosa che purtroppo è improbabile che accada prima dell’aprile 2021, e anche allora, solo per una parte della sua popolazione.

A quel punto, la pandemia potrebbe aver già raggiunto l’apice, e ucciso molti che avrebbero potuto essere protetti dalla vaccinazione”, ha concluso l’esponente di MSF.

Per approfondire:

Read The English Article

Brasile, emergenza Covid in Amazzonia: MSF lancia allarme, Venezuela invia ossigeno

Contagi da COVID-19, una soluzione da gocce nasali con anticorpi di pollo? Una ricerca in Australia

Fonte dell’articolo:

Sito ufficiale MSF

I commenti sono chiusi.