COVID-19, quale il significato clinico degli anticorpi IgG anti-SARS-CoV-2 specifici?

COVID-19, gli anticorpi anti-SARS-CoV-2 specifici stanno interessando in misura crescente la comunità scientifica, quella medica e, chiaramente, quella farmaceutica.

Tra una settimana o due, a quanto dichiarato, dovrebbero entrare in commercio gli anticorpi monoclonali anti-Covid.

Essi fungeranno da “shuttle”: con una copertura contro il coronavirus che durerà, pare, per circa sei mesi, ci traghetteranno all’uscita del vaccino contro COVID-19 vero e proprio.

Ma quale significato clinico hanno gli anticorpi IgG anti covid-19?

Qualche utile spiegazione ce la danno Gabriela Gama Freire Albercae Ricardo Wesley Alberca, dell’Università di San Paolo (Brasile), che analizzano un recente studio pubblicato da Chong e altri, dal titolo “Significato clinico della rilevazione delle IgG specifiche per la SARS-CoV-2 con un kit anticorpale rapido per i pazienti affetti da COVID-19”.

“I pazienti infetti da SARS-CoV-2 – spiegano – possono generare elevati titoli di isotipi anticorpali specifici per la SARS-CoV-2, come IgA, IgG e IgM.

I rapporti hanno rilevato la produzione di IgG tra 5 e 9 giorni dopo l’infezione.

Tuttavia, i pazienti con alcune comorbidità, come l’HIV, possono presentare una risposta immunitaria ritardata contro la SARS-CoV-2, con immunoglobuline anti-SARS-CoV-2 rilevabili solo dopo 60 giorni dall’infezione.

Le IgG anti-SARS-CoV-2 IgG possono bloccare e neutralizzare la SARS-CoV-2 e prevenire lo sviluppo di COVID-19.

Tuttavia, gli studi hanno chiaramente dimostrato che la presenza di IgG anti-SARS-CoV-2 non indica una clearance virale.

Ciononostante, un rapporto di Long e altri ha verificato che pazienti affetti da COVID-19 moderati e gravi presentano un decorso produttivo distinto di IgM e IgG.

I pazienti gravi sviluppano precocemente la sieroconversione IgG in relazione ai pazienti moderati.

Un altro rapporto di Ko et altri ha identificato che i pazienti asintomatici e lievi producono meno anticorpi neutralizzanti in relazione ai pazienti con COVID-19 grave.

Anticorpi anti COVID-19: la capacità di prevenire la reinfezione delle IgG anti-SARS-CoV-2 prodotte dopo un’infezione naturale da SARS-CoV-2 è ancora da determinare

Pertanto, ipotizziamo che la gravità dell’infezione iniziale possa influenzare la produzione di anticorpi anti-SARS-CoV-2 e la sua efficacia di eliminazione virale.

Inoltre, sono stati segnalati alcuni casi confermati di reinfezione.

Le due ipotesi principali sarebbero una mutazione o un diverso ceppo di SARS-CoV-2 o una riduzione dei livelli di anticorpi anti-SARS-CoV-2.

Un precedente rapporto sull’infezione da SARS-CoV-1 ha verificato che dopo la clearance virale, i pazienti sono rimasti positivi con titoli rilevabili di IgG anti-SARS-CoV-1 per un anno.

Chong et altri hanno verificato un paziente IgG-positivo per oltre 30 giorni dopo l’infezione; tuttavia, un recente rapporto ha verificato una rapida riduzione delle IgG anti-SARS-CoV-2 in 90 giorni dopo la clearance virale.

La sovrapposizione delle IgG anti-SARS-CoV-2 IgG e il rilevamento della SARS-CoV-2 mediante reazione a catena della polimerasi in campioni di tamponi rinofaringei e/o orofaringei indicano che questi individui potrebbero essere in grado di trasmettere il virus.

Oltre al possibile rapido decadimento delle IgG anti-SARS-CoV-2, questo potrebbe portare a una reinfezione e a un ciclo infettivo nell’intera popolazione.

Un’altra possibile implicazione è il potenziamento anticorpo-dipendente (ADE), che potrebbe facilitare l’infezione da SARS-CoV-2 e rendere peggiore un’infezione secondaria.

Questo meccanismo di infezione è stato descritto per la SARS-CoV-1 e potrebbe rappresentare un fattore importante nello sviluppo di trattamenti per la COVID-19.

Pertanto, le implicazioni cliniche a lungo termine delle IgG anti-SARS-CoV-2 IgG devono essere ulteriormente studiate, con un’indagine longitudinale sui titoli anticorpali, soprattutto nei pazienti asintomatici e lievi affetti da COVID-19, per valutare se un’infezione naturale può fornire una protezione a lungo termine contro la SARS-CoV-2.

Anticorpi contro COVID-19, la pubblicazione:

IG G covid-19 coronavirus

Per approfondire:

India, uno Studio commissionato dal governo indica anticorpi a COVID-19 in un quarto della popolazione

Fonte dell’articolo:

Wiley online library

I commenti sono chiusi.