COVID-19, Rapporto WHO: “Wuhan non necessariamente origine del virus, oltre 500 specie animali bersaglio del coronavirus”

COVID-19, dal WHO un rapporto, quello pubblicato, dai contenuti veramente interessanti. Che pone l’accento su alcuni punti fermi riguardanti le origini geografiche e le modalità di diffusione del coronavirus, e soprattutto pone le basi per un progetto di mappatura che possa, in futuro, evitare il ripetersi di talune dinamiche.

COVID-19, WHO: non è affatto detto che il coronavirus sia originato a Wuhan, in Cina

Questa affermazione era già stata lanciata, alcuni mesi or sono da un professore di Oxford alla prestigiosa emittente britannica BBC.

Ma il riconoscimento formale di questa ipotesi da parte del massimo organismo mondiale in tema di sanità cambia notevolmente lo spessore della stessa.

I presupposti adottati dal WHO per giustificare l’affermazione sono essenzialmente due.

  • Il primo riguarda la notevole stabilità genetica del virus, identico in vasti tratti del proprio genoma nei vari ceppi, ad indicare il suo essere adatto a colpire l’organismo umano, rimanendo magari a lungo silente. A confermarlo l’analisi delle acque reflue di alcuni luoghi del mondo, che dimostrano la presenza del virus prima del dicembre 2019, attimo in cui la medicina ha registrato i primi casi di manifestazione del COVID-19, al mercato di Wuhan, per l’appunto.
  • Il secondo la sua propensione ad utilizzare ospiti vettori, organismi intermedi: è passato alla storia il famoso pippistrello di Wuhan, ma le cose non stanno esattamente così.

Gli studi raccolti dal WHO, organismo collettore di tutti i case report mondiali, hanno evidenziato come come SARS-CoV-2 sia in effetti presente in numerose altre specie animali, e che con esse l’uomo possa dare vita a svariate forme di zoonosi.

COVID-19, WHO: sono almeno 500 le specie animali infettate o infettabili dal coronavirus

Alcuni esempi citati dal rapporto dell’Organizzazione Mondiale di Sanità sono i gatti, molte forme di primati non umani, i pangolini (sono formichieri), i toporagno, tigri e leoni (negli USA), i furetti, i famosi visoni (in Danimarca una mattanza), gamberi e salmone.

Sono oltre 500 le specie animali che possono fungere da organismo intermedio nel passaggio del coronavirus all’uomo, sulla base di recettori ACE adatti al COVID-19.

Anche se, sottolinea il rapporto WHO, non è dimostrato il passaggio alimentare da cibo animale ad uomo, quello degli animali, soprattutto del loro viaggiare per arrivare sulle nostre tavole, è un tema importante, volendo risalire alle origini del Covid e volendolo quindi incasellare in un contesto conosciuto.

Il rapporto dell’Organizzazione Mondiale di Sanità dice chiaramente che non è possibile dimostrare una zoonosi di origine alimentare, mentre studi di vari luoghi del mondo hanno chiaramente dimostrato come la contaminazione di superfici sia alla base di un certo numero di contagi.

Facciamo un esempio concreto, per facilitare la comprensione di un passaggio difficile del rapporto.

Siete di fronte al vostro pranzo. Un salmone o una bistecca fumante vi ricordano che avete appetito, e quel piatto è una soluzione al vostro appetito.

Il rapporto WHO asserisce che non è affatto dimostrato che quel cibo vi contagerà, ma che è assolutamente dimostrato che sarà contaminato il lavello su cui avete appoggiato la bistecca, il sacchetto della spesa in cui l’avete contenuta, il bancone del supermercato nel quale è stata appoggiata, il bancale del grossista che l’ha consegnata al supermercato, l’area di mercato cui si è recato il grossista, il mattatoio cui si è rivolto il mercato, e via a ritroso fino all’allevatore dell’animale che ha poi generato la carne di quella bistecca.

Il tema quindi è l’attenzione all’igiene.

Capire le origini e inserirle in un quadro preciso è l’obiettivo vero e proprio del rapporto WHO: “mentre la pandemia continua a svilupparsi – recita nell’incipit, che trovate in forma integrale in coda all’articolo-, è essenziale capire come è iniziata l’epidemia per prevenire ulteriori introduzioni di virus della SARS-CoV-2 e contribuire a prevenire l’introduzione di nuovi virus in il futuro.

Potrebbe anche potenzialmente contribuire allo sviluppo di trattamenti e vaccini (Zhang Z. et al. 2020).

Identificare l’origine del virus, tuttavia, è un compito complesso, che richiede una forte collaborazione internazionale e multisettoriale, e l’impegno a sfruttare le competenze, le capacità e la lavorare a livello globale”.

Piano di attuazione WHO per la mappatura epidemiologica del COVID-19

“Saranno condotti studi a breve termine (Fase 1) per capire meglio come il virus possa essere iniziato che circolano a Wuhan.

Sulla base dei risultati di questi studi a breve termine e della letteratura scientifica, studi a più lungo termine saranno sviluppati (Fase 2).

Il quadro di riferimento e gli approcci metodologici attuati in Cina potrebbero essere utilizzati anche per studiare il virus ha origine altrove, se giustificato.

Ad esempio, i metodi per le indagini sierologiche tra gruppi di popolazione potenzialmente esposti ad animali ospiti possono essere standardizzati per il confronto.

Team di studio WHO, fase 1: studi a breve termine su COVID-19

a) Studio epidemiologico descrittivo

1. 1. Esame approfondito dei registri ospedalieri per i casi compatibili con COVID-19 prima di dicembre.

Questo può includere le immagini ad alta risoluzione-CT di pazienti con polmonite di eziologia sconosciuta e sarà intrapresa per qualsiasi polmonite di tipo COVID-19. I campioni conservati saranno testati, se disponibili.

2. 2. Esame delle tendenze di sorveglianza della malattia nei mesi precedenti l’epidemia per confrontare a livelli di base di mesi simili negli anni precedenti per individuare eventuali scostamenti rispetto a quelli previsti tendenza attraverso adeguate analisi statistiche. Ad esempio, individuare le deviazioni dalle tendenze di polmonite di origine sconosciuta, o la revisione delle tendenze di sorveglianza sindromica per ILI e SARI, confrontando l’andamento del secondo semestre 2019 con quello di analoghi periodi degli anni precedenti.

3. 3. Riesame delle tendenze della mortalità per tutte le cause e revisione dei registri dei decessi per cause specifiche di morte compatibile con COVID-19.

4. 4. Colloqui approfonditi e revisioni dei primi casi attualmente identificati e potenzialmente precedenti casi identificati attraverso gli studi sopra descritti per quanto riguarda la loro storia di esposizione. Saranno presi in considerazione tutti i potenziali fattori di esposizione, tra cui la storia dei viaggi, l’esposizione professionale, l’esposizione al mercato, il contatto con gli animali, caratterizza i loro contatti sociali dell’epoca e altri. Il processo sarà probabilmente iterativo.

5. 5. Studi sierologici basati su campioni di sangue/siero immagazzinati raccolti in settimane e mesi prima del dicembre 2019. Si dovrebbe prendere in considerazione il gruppo di popolazione di riferimento (ad esempio gruppi a più alto rischio di esposizione come i lavoratori in prima linea, di laboratorio, in aziende agricole). Inoltre, il lavoro può includere test sierologici mirati sui campioni di siero immagazzinato di pazienti sospetti COVID-19 e di morti sospette identificate con retrospettiva.

b) Studio di epidemiologia analitica

1. 1. Progettare e intraprendere uno studio epidemiologico completo per verificare se specifici fattori epidemiologici sono associati a COVID-19 nella parte iniziale del focolaio (per casi segnalati o identificati retrospettivamente nel 2019).

L’approccio comprenderà:

a. Lo sviluppo di un appropriato progetto di studio. Approcci come il case-cohort, in cui le esposizioni tra i casi sono confrontate con quelle di un campione casuale della popolazione, o le sue variazioni, possono essere particolarmente adatte.

b. L’attuazione dello studio. Lo studio sarà condotto con personale altamente qualificato, uso di strumenti elettronici per la raccolta dei dati e di strumenti adeguati per l’acquisizione dei dati, gestione dei dati e analisi avanzate.

2. 2. Sviluppare ulteriori studi secondo le necessità e secondo le indicazioni di cui ai punti 1 e 2. Ad esempio, impostare studi sierologici all’interno di specifici gruppi di popolazione, come indicato sopra.

c) Studi su animali, prodotti e ambiente

1. 1. Una mappatura delle attività e degli articoli scambiati sul mercato di Wuhan (e potenzialmente altri rilevanti) a fine novembre e dicembre 2019, compresi i tipi di animali (catturati allo stato brado, animali selvatici e domestici d’allevamento) e bancarelle (per tutti i tipi di merci) presenti al mercato di Wuhan.

2. 2. Mappatura delle catene di approvvigionamento per tutti gli animali e i prodotti rilevanti, compresi i prodotti alimentari, venduti al mercato di Wuhan e ad altri mercati di Wuhan, come risulta dai risultati del studi epidemiologici.

Le catene di approvvigionamento potrebbero essere locali, nazionali o internazionali. Sulla base di conoscenze attuali sulla suscettibilità degli animali, il team svilupperà un elenco di soggetti ad alto rischio animali commercializzati al mercato, e le loro catene di approvvigionamento, per sviluppare un campionamento degli animali. Questo esercizio di mappatura può fornire ulteriori indizi su possibili aree geografiche adatte a future indagini sierologiche animali e umane.

3. 3. Analisi di campioni di acque reflue congelate per dimostrare la circolazione prima del dicembre 2019.

4. 4. Altri studi e approcci, se del caso.

Dagli studi a breve termine ci si aspetta una serie di risultati. Questi includono:

1. 1. Rapporti dettagliati per i vari studi.

2. 3. Identificazione delle principali lacune di conoscenza.

3. 3. Formulazione di ipotesi di lavoro

4. 4. Sviluppo di piani per studi a più lungo termine, a seconda dei casi

Fase 2: Piani a più lungo termine

Il team internazionale svilupperà piani per studi dettagliati a lungo termine sulla base dei risultati degli studi a breve termine della Fase 1 e di ogni nuova prova scientifica nazionale o internazionale pertinente generato. Questi contribuiranno a definire meglio la portata degli studi della Fase 2, sia in termini di geografica, le specie animali da osservare e l’approccio scientifico, e sosterrà lo sviluppo di piani per il rintracciamento dell’origine globale.

Questi studi possono includere quanto segue:

1) approfondite valutazioni epidemiologiche, virologiche, sierologiche nell’uomo in specifiche aree geografiche aree o impostazioni specifiche, come indicato dagli studi iniziali a breve termine e da altri studi internazionali.

risultati

2) studi epidemiologici, virologici, sierologici approfonditi tra le popolazioni animali prima e dopo dopo l’epidemia (potenziali ospiti e serbatoi) in aree geografiche mirate

3) studi più dettagliati, a seconda dei risultati iniziali degli studi a breve termine

Studi su COVID-19, composizione del team WHO

Il team internazionale fornirà una vasta gamma di competenze, dalla Cina e da diversi altri paesi, garantendo un’ampia gamma di competenze scientifiche.

Il team comprenderà esperti di salute pubblica e salute animale e di interfaccia uomo-animale, epidemiologia, virologia, genomica, salute ambientale, sicurezza alimentare, tra gli altri, sia a livello nazionale e a livello internazionale, compresi il mondo accademico, gli scienziati delle organizzazioni governative e gli scienziati di OMS, OIE e FAO.

La composizione finale del team internazionale dovrebbe essere concordata sia dalla Cina che dall’OMS.

WHO, Modalità di lavoro nella ricerca su COVID-19

Sarà sviluppato un programma di lavoro per il team internazionale che opererà come segue:

– Il team si occuperà inizialmente dello sviluppo dei protocolli di studio e del materiale di studio.

– Verrà mantenuta un’interazione regolare per condividere i risultati scientifici relativi al rintracciamento dell’origine dalla Cina e da altri paesi

– Contribuire alla realizzazione degli studi della Fase 1, ove necessario

– Effettuare una visita in Cina di tutto il team, al momento opportuno

– Sviluppare piani di studio a più lungo termine (Fase 2).

Il rapporto completo dell’Organizzazione Mondiale di Sanità su origini, metodi di diffusione obiettivi di ricerca su SARS-CoV-2

Coronavirus covid-19-tors-chn-and-who-agreed-final-version (1)

Per approfondire:

Read The English Article

Plasma iperimmune, Pisa difende il progetto ‘Tsunami’ dagli attacchi: “Nessuna commistione con Kedrion”

COVID-19, dietrofront WHO. L’Organizzazione Mondiale della Sanità: “basta lockdown, creano solo povertà”

Fonte dell’articolo:

Rapporto ufficiale WHO su sito istituzionale dell’Organizzazione Mondiale di Sanità

I commenti sono chiusi.