Il Sistema Sanitario in UK fronteggia la variante inglese: come funziona l'Unità di terapia intensiva Regno Unito

Unità di Terapia Intensiva in UK sulle pagine dei giornali di tutto il mondo: gli effetti della cosiddetta “variante inglese” del COVID-19.

Gli ospedali del Regno Unito, un po’ come in Italia, dispongono di reparti speciali chiamati Unità di terapia intensiva (Terapia Intensiva) che forniscono cure e monitorano le persone molto malate o sottoposte a interventi chirurgici.

In questi reparti vengono impiegati operatori sanitari appositamente formati e dotati di sofisticate apparecchiature di monitoraggio.

Ci sono diverse condizioni e situazioni che richiedono cure intensive, come ad esempio:

Casi di incidente – incidente stradale, grave trauma cranico, grave caduta o gravi ustioni

Condizioni gravi come un attacco di cuore – come un infarto o un ictus

Infezioni o patologie potenzialmente letali, come sepsi o polmonite grave

Procedura chirurgica – Può trattarsi di recupero post-operatorio o di complicazioni improvvise

Cosa comporta la terapia intensiva in UK?

I pazienti in terapia intensiva saranno seguiti da vicino da un team di personale di terapia intensiva.

Normalmente c’è un’infermiera ogni 1 o 2 pazienti.

Questa attrezzatura viene utilizzata per monitorare la salute e sostenere il corretto funzionamento del corpo fino al completo recupero dei pazienti.

Di solito, l’attrezzatura utilizzata in un’unità di terapia intensiva comprende: un ventilatore, un’apparecchiatura di monitoraggio, linee e pompe endovenose, tubi di alimentazione, scarichi e cateteri.

I pazienti in terapia intensiva sono spesso sotto l’effetto di antidolorifici, poiché alcune delle apparecchiature utilizzate possono risultare scomode.

Nel Regno Unito, le unità di terapia intensiva sono anche chiamate unità di terapia intensiva (CCU) o unità di terapia intensiva (ITU).

Gli operatori sanitari fanno sapere al paziente e ai parenti quali opzioni di trattamento hanno a disposizione.

In caso di comunicazione errata o di reclami, il PALS (Patient Advice and Liaison Service) dell’ospedale aiuta a trovare la soluzione ai problemi.

Statistiche e dati relativi alle Unità di Terapia Intensiva in UK

Secondo uno studio pubblicato nel marzo 2020, negli ultimi anni il numero totale dei letti per le cure intensive è aumentato.

Nel 2011/12 c’erano circa 5.400 posti letto di terapia intensiva, che sono saliti a 5.900 nel 2019/20.

Di questi letti, il 70% è destinato agli adulti e il restante per bambini e neonati.

Il governo ha esaminato i servizi di assistenza critica e ha riscontrato una sostanziale variazione nel numero di letti per l’assistenza critica mantenuti per 100.000 persone nei sistemi sanitari avanzati (7).

In precedenza, un confronto tra otto sistemi europei avanzati ha rivelato che il Regno Unito era il secondo paese con il minor numero di letti per l’assistenza critica rispetto alla popolazione (4).

Il Regno Unito ha meno posti letto ospedalieri per 1.000 residenti rispetto a molti altri sistemi sanitari di diversi paesi.

Situazione post Covid-19 delle Unità di Terapia Intensiva in UK

Durante la prima fase della pandemia COVID-19, c’è stata la necessità di aumentare il numero di letti per le cure critiche a più di 10.000 in Inghilterra per accogliere tutti i pazienti che necessitano di cure critiche.

Questo obiettivo è stato raggiunto grazie all’espansione delle strutture ospedaliere esistenti del NHS, che hanno ampliato la loro capacità di assistenza critica ricollocando il personale ospedaliero.

Le strutture e le attrezzature private per l’assistenza critica sono state utilizzate al meglio.

La creazione degli ospedali temporanei NHS Nightingale ha aumentato la capacità di letti per le cure critiche. In seguito si è osservato che questa capacità aggiuntiva non era di routine necessaria durante la prima fase della pandemia.

Per ridurre la pressione sulle unità di terapia intensiva, gli ospedali hanno sviluppato servizi e strutture di assistenza perioperatoria migliorati.

Queste unità hanno fornito assistenza a pazienti chirurgici che potrebbero non aver bisogno dell’intera gamma di servizi che le unità di terapia intensiva forniscono, ma che necessitano comunque di un maggiore monitoraggio e di un trattamento che non è disponibile in un reparto generale.

Articolo per Emergency Live di Irawati Elkunchwar

Per approfondire:

Read The English Article

Ambulanza e rete di soccorso UK: come funziona il sistema di emergenza NHS?

Fonte dell’articolo:

https://www.nhs.uk/

https://icusteps.org/

https://www.kingsfund.org.uk/

  • Bittner M-I, Donnelly M, Van Zanten A, Andersen J, Guidet B, Trujillano Cabello J, Gardiner S, Fitzpatrick G, Winter B, Joannidis M (2013). Come viene rimborsata la terapia intensiva? Una rassegna di otto paesi europei. Annali della Terapia Intensiva, vol. 3, n. 37.
  • Smith G, Nicholson K, Fitch C, Mynors-Wallis (2015). The Commission to Review the Provision of Acute Inpatient Psychiatric Care for Adults in England, Wales and Northern Ireland: background briefing paper. Londra: La Commissione per le cure psichiatriche per adulti in acuto
  • Monitor (2014). Confronti internazionali di linee di servizio selezionate in sette sistemi sanitari: Allegato 3 – Riesame delle linee di servizio: assistenza critica [online]. Sito web GOV.UK.

https://healthmanagement.org/

I commenti sono chiusi.