L’OMS lancia il grido d’allarme: il lockdown da Covid-19 mimetizza le violenze contro i bambini

Un documento che è un pugno in pieno volto, quello pubblicato dal WHO (l’Organizzazione Mondiale della Sanità) in materia di violenza sui bambini: la pandemia da coronavirus Covid-19 nasconde gli effetti e amplifica le opportunità. Perché il lockdown segrega le vittime con i carnefici.

Covid-19, la dichiarazione dei Joint Leader’s

La pandemia COVID-19 sta avendo un impatto devastante in tutto il mondo. Gli sforzi per contenere il coronavirus sono vitali per la salute della popolazione mondiale, ma stanno anche esponendo i bambini ad un aumentato rischio di violenza, inclusi maltrattamenti, violenza di genere e sfruttamento sessuale.

Come leader di organizzazioni impegnate a porre fine alla violenza contro i bambini, ci uniamo in solidarietà per condividere la nostra profonda preoccupazione, chiedere un’azione e impegnare il nostro sostegno per proteggere i bambini dalla violenza e ridurre l’impatto di COVID-19 sui bambini in ogni paese e comunità.

Un terzo della popolazione mondiale è in stato di blocco COVID-19 e le chiusure delle scuole hanno avuto un impatto su oltre 1,5 miliardi di bambini. Restrizioni al movimento, perdita di reddito, isolamento, sovraffollamento e alti livelli di stress e ansia stanno aumentando la probabilità che i bambini sperimentino e osservino abusi fisici, psicologici e sessuali a casa – in particolare quei bambini che vivono già in situazioni familiari violente o disfunzionali. E mentre le comunità online sono diventate centrali per mantenere l’apprendimento, il supporto e il gioco di molti bambini, sta anche aumentando la loro esposizione al cyberbullismo, comportamenti online rischiosi e sfruttamento sessuale.

La situazione è aggravata dalla mancanza di accesso dei bambini agli amici, agli insegnanti, agli assistenti sociali e allo spazio e ai servizi sicuri offerti dalle scuole. I bambini più vulnerabili – compresi rifugiati, migranti e bambini sfollati, privati ​​della libertà, che vivono senza cure parentali, vivono in strada e nei quartieri poveri, con disabilità e vivono in zone colpite da conflitti – sono particolarmente preoccupati . Per molti, la crescente vulnerabilità economica aumenterà la minaccia del lavoro minorile, del matrimonio e della tratta di minori.

Dobbiamo agire ora. Insieme, chiediamo ai governi, alla comunità internazionale e ai leader di ogni settore di rispondere urgentemente con uno sforzo unito per proteggere i bambini dall’accresciuto rischio di violenza, sfruttamento e abuso come parte della più ampia risposta a COVID-19.

I governi hanno un ruolo centrale da svolgere. Devono garantire che i piani di prevenzione e risposta COVID-19 integrino misure adeguate all’età e sensibili al genere per proteggere tutti i bambini da violenza, abbandono e abusi. I servizi di protezione dell’infanzia e i lavoratori devono essere designati come essenziali e dotati di risorse adeguate.

Lavorando con e sostenendo i governi, la nostra risposta collettiva deve includere: mantenere i servizi sanitari e di assistenza sociale essenziali, inclusi la salute mentale e il supporto psicosociale; fornire la gestione dei casi di protezione dei minori e le misure di assistenza alternativa in caso di emergenza; garantire la protezione sociale per i bambini e le famiglie più vulnerabili; assistenza e protezione continue per i bambini nelle istituzioni; e comunicare con e coinvolgere genitori, caregiver e bambini stessi con informazioni e consigli basati sull’evidenza. Le linee guida nazionali, i consulenti scolastici e altri meccanismi di segnalazione a misura di bambino consentono ai bambini in difficoltà di chiedere aiuto e devono essere adattati alle sfide di COVID-19.

Dati i maggiori rischi di danni online, le aziende tecnologiche e i fornitori di servizi di telecomunicazione devono fare tutto il possibile per proteggere i bambini online. Ciò include l’accesso a servizi di assistenza all’infanzia gratuiti, servizi adeguati all’età e piattaforme di educazione elettronica sicure e l’utilizzo delle loro piattaforme per condividere i consigli sulla sicurezza online dei minori. Devono anche fare di più per rilevare e bloccare le attività dannose contro i minori online, compresa la cura e la creazione e distribuzione di immagini e video di abusi sessuali su minori.

Come organizzazioni globali che lavorano per porre fine alla violenza contro i bambini, continueremo a sostenere e investire in soluzioni efficaci per la protezione dei minori. Svilupperemo e condivideremo collettivamente risorse tecniche e orientamento per politici, professionisti, genitori, operatori sanitari e bambini stessi. E sosterremo la coraggiosa salute, la protezione dei minori e i professionisti umanitari che lavorano 24 ore su 24 per mantenere i bambini al sicuro in questi tempi senza precedenti.

Negli ultimi anni, la comunità globale ha fatto notevoli progressi nel proteggere i bambini dalla violenza. Non dobbiamo permettere che tali guadagni vadano persi durante l’attuale tumulto. Dobbiamo fare tutto il possibile per mantenere i bambini al sicuro ora. E dobbiamo pianificare insieme insieme, in modo che una volta finita l’immediata crisi sanitaria, possiamo tornare sulla buona strada verso l’obiettivo di porre fine a tutte le forme di violenza, abuso e abbandono dei bambini.

FONTE

SITO UFFICIALE DELL’ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ

I commenti sono chiusi.