Nel Lazio più di 19mila test sierologici. L’assessore alla Sanità: “i positivi al Covid-19 sono nove”

I primi a risultare preoccupati da un risultato forse “troppo buono”, per così dire, sono proprio gli amministratori della Regione Lazio. Qualche settimana fa avevano annunciato un’iniziativa encomiabile, quella della più vasta operazione di test sierologici in Italia.

 

E così è avvenuto, in effetti: oltre 19 mila, quelli eseguiti

TEST SIEROLOGICI NEL LAZIO, PARLA L’ASSESSORE D’AMATO:

“Ad oggi nel Lazio abbiamo eseguito 19.414 test sierologici. Di questi, la presenza di anticorpi IgG è stata riscontrata in 422 persone, pari al 2,17 per cento. Queste 422 persone sono state sottoposte a tampone e soltanto 9 sono risultati positivi“.

Lo ha annunciato l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato, nel corso di una conferenza stampa all’Istituto Spallanzani di Roma, alla presenza del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

“Il 2,17% era l’incidenza che ci attendevamo- ha spiegato D’Amato- Ora andiamo avanti fino ad arrivare ai 300mila test sierologici, che riguardano tutte le forze dell’ordine e tutto il personale sanitario pubblico e privato. Questo sistema ci porterà a scovarne uno per uno. Andremo avanti nell’ottica delle tre ‘T’: testare, trattare e tracciare“.

TEST SIEROLOGICI NEL LAZIO, LA REAZIONE DI ZINGARETTI: “NON PRENDIAMOCI IN GIRO, TUTTI CON LE MASCHERINE”

“Faccio un appello a tutti: uscite di casa e indossate le mascherine. So che è fastidioso e fa caldo, ma non prendiamoci in giro, le dobbiamo tenere fino a che non si trova un vaccino“. Lo ha detto il presidente della Regione Lazio e segretario del Pd, Nicola Zingaretti, durante una conferenza stampa all’Istituto Spallanzani di Roma.

“Dai dati emerge che i nuovi cluster pericolosi sono gli ambiti familiari e i rapporti con gli amici. Quindi anche se la preoccupazione ricade sui luoghi più affollati, bisogna ricordarsi che l’infezione può avvenire proprio dove pensiamo di poter allentare la tensione- ha spiegato Zingaretti- Su questo l’attenzione deve rimanere altissima. Per questo è importante continuare a portare le mascherine, a lavarsi le mani, a lasciare le scarpe fuori dall’ingresso di casa e a sanificare gli ambienti”.

TEST SIEROLOGICI, L’APPELLO AI GIOVANI DEL LAZIO:

“Alle ragazze e ai ragazzi che possono tornare a frequentare i locali la sera, dico: pensate a voi stessi, ai vostri genitori, ai vostri nonni, perché potete essere vettori del virus. Per questo mi auguro che la mascherina, oltre ad essere una protezione, diventi la moda dell’estate”, ha detto Zingaretti.

Confido nella creatività italiana– ha aggiunto Zingaretti- D’altronde le mascherine le dobbiamo tenere, quindi devono diventare un oggetto di uso comune come la cravatta, il foulard, un braccialetto, un piercing”.

PER APPROFONDIRE:

PARTE DAL LAZIO IL TEST SIEROLOGICO DI MASSA PIÙ VASTO D’ITALIA

ALTAMEDICA MEDICAL CENTER: TEST SIEROLOGICO? NON INFALLIBILE

SANIFICARE AMBIENTI DOMESTICI E ABITI: L’ISS SPIEGA COME FARE

RIANIMAZIONE DI PAZIENTE COVID-19 POSITIVO IN ARRESTO CARDIACO: ECCO COME SI PRATICA

SINDROME POST TERAPIA INTENSIVA PICS E PTSD IN PAZIENTI CORONAVIRUS

FONTE DELL’ARTICOLO:

AGENZIA DIRE

I commenti sono chiusi.