Sindrome post terapia intensiva (PICS) e PTSD nei pazienti COVID-19: una nuova battaglia è iniziata

I pazienti sopravvissuti al COVID-19 potrebbero dover lottare su un altro fronte. Ci riferiamo alla battaglia contro la sindrome da terapia post-intensiva (PICS), che potrebbe mostrarsi come una combinazione di disabilità fisiche e mentali. Le persone che soffrono di PICS possono provare ansia, difficoltà del sonno, depressione o disturbo post traumatico da stress (PTSD).

 

PICS e PTSD : il COVID-19 lascia spesso cicatrici profonde nei pazienti, dopo la terapia intensiva:

Le conseguenze di una terapia Covid-19 sulla salute mentale sono particolarmente vere per i più malati che hanno passato molto tempo in terapia intensiva e intubazione.

Costoro possono manifestare la già citata “sindrome da terapia post-intensiva” (PICS) in modo severo.

E la sindrome da terapia post-intensiva può influire notevolmente sulla qualità della vita sia a breve che a lungo termine.

Oppure potrebbe anche trasformarsi in disturbo post traumatico da stress (PTSD).

Questo è ciò che ha spiegato la dottoressa Sapna Kudchadkar, dottorato di ricerca alla Johns Hopkins Medicine di Baltimora.

La sindrome da terapia post-intensiva (PICS) ha un impatto non solo sul paziente, ma anche sulla famiglia e sui caregiver.

Potrebbe anche essere un problema per i sopravvissuti di malattie critiche in età pediatrica.

I pazienti adulti colpiti da PICS possono avere difficoltà a riprendere le attività della vita quotidiana o fare fatica a tornare al lavoro.

Dal punto di vista cognitivo, questi individui possono manifestare problemi di concentrazione e memoria e tali problemi possono essere particolarmente pronunciati nelle persone con una storia di demenza.

Fisicamente, i pazienti possono soffrire di debolezza muscolare e dolore cronico, afferma Sapna Kudchadkar.

le preoccupazioni dei sanitari nei pazienti sopravvissuti al coronavirus

La preoccupazione principale dei sanitari verso questi pazienti è che anche coloro che erano in buona salute prima della loro degenza in terapia intensiva, per COVID-19 o altre malattie critiche, sono a rischio di PICS dopo la dimissione, ha osservato la dottoressa Kudchadkar.

Perciò ecco che sopravvivere agli effetti metabolici dell’infezione da coronavirus COVID-19 potrebbe non implicare, e spesso non implica, un ritorno alla vita quotidiana vera e propria. Non immediatamente, almeno.

A leggere lo studio della professoressa Sapna Kudchadkar si intuisce come per questi pazienti occorra prefigurare un “dopo”, cioè un percorso che affronti PICS o PTSD e li risolva.

PICS e PTSD in pazienti COVID-19. Tra DPI e stanze di isolamento

I pazienti COVID-19 hanno probabilmente un rischio più elevato di sindrome da terapia intensiva (PICS), che come suggerisce il nome colpisce i pazienti trattati nel loro complesso.

Per i sopravvissuti la debolezza fisica è evidente e può essere profonda.

Un altro segno di evidente difficoltà per i pazienti è l’elevata incidenza di delirio persistente, anche in coloro che erano stati ventilati solo meccanicamente o in terapia intensiva per alcuni giorni.

Ad esempio, una cosa che può causare difficoltà è la vista continua di operatori sanitari e infermieri con DPI.

Questo li sta lasciando quasi senza volto e ciò può spaventare i pazienti anche nel “dopo”.

Per mitigare ciò, alcuni operatori sanitari hanno appeso una foto della loro faccia sul petto, allo scopo di mettere a proprio agio il paziente, ha spiegato la professoressa Jessi Gold, MD, della Washington University di St. Louis.

La questione del delirio in terapia intensiva: PICS e PTSD in pazienti colpiti dal SARS-CoV-2

Secondo una recensione e una meta-analisi, il delirio si è verificato in circa il 65% dei pazienti con COVID-19 (26 su 40 pazienti in terapia intensiva).

Il 69% ha registrato agitazione e il 21% ha alterato la coscienza.

Uno studio ha rilevato che il 33% dei pazienti con COVID-19 (15 su 45 dello studio) presentava una sindrome disesecutiva alla dimissione.

Kudchadkar ha aggiunto che il miglioramento del rapporto con il sonno per questi pazienti può anche rafforzare la loro capacità di partecipare ad una veloce riabilitazione.

Anche la terapia fisica precoce, la terapia occupazionale, la terapia e i progressi nel linguaggio potrebbero aiutare ad aumentare le possibilità del paziente di riguadagnare una buona qualità di vita.

L’obiettivo è fare del proprio meglio per umanizzare l’esperienza in terapia intensiva, fornendo ai pazienti tutti i modi possibili di comunicare.

Come si possono sviluppare PICS e PTSD nei pazienti colpiti da coronavirus?

Guardare oltre alla mera sopravvivenza in terapia intensiva è molto importante, ha affermato Gold, e gli operatori sanitari faranno bene a prendere sul serio questi potenziali problemi di salute mentale dopo le dimissioni.

Quelli che sono stati recuperati da un grave caso di COVID-19 potrebbero sperimentare incubi, risposta allarmata, PTSD, disturbi del sonno, instabilità emotiva, depressione, alterazioni dell’appetito e perdita di interesse.

Quei pazienti COVID-19 che sono stati anche intubati possono sperimentare flashback di traumi, reali o immaginari.

Un esempio potrebbe essere che un paziente in terapia intensiva possa ascoltare una conversazione tra operatori sanitari su un altro paziente nel letto accanto a loro e includere nella sua mente tali informazioni.

Questi sentimenti e situazioni probabilmente non lasceranno i pazienti una volta tornati a casa.

È difficile tornare di nuovo “normale” dopo una strada così lunga e stressante in ospedale.

Ecco perché possono verificarsi casi di terapia post-intensiva (PICS) e PTSD in pazienti COVID-19 dimessi dalla terapia intensiva.

READ THE ENGLISH ARTICLE

PER APPROFONDIRE:

PLASMATERAPIA, JOHN HOPKINS UNIVERSITY SUGGERISCE AGLI OSPEDALI DI TUTTO IL MONDO LE LINEE GUIDA SUL PLASMA IPERIMMUNE

PTSD, QUANDO VEDERE MORIRE LE PERSONE COLPISCE I SOCCORRITORI E GLI OPERATORI SANITARI

VACCINO PER IL CORONAVIRUS, DAGLI USA MODERNA ANNUNCIA LA POSITIVA CONCLUSIONE DELLA SPERIMENTAZIONE FASE 1

CORONAVIRUS, IL PRESIDENTE USA DONALD TRUMP ATTACCA WHO: MARIONETTA DELLA CINA

I commenti sono chiusi.