Polmonite, perché quella da COVID-19 è più letale da quella comune? Differenze e caratteristiche

La polmonite da COVID-19 è da immediatamente divenuta la patologia più importante nel trattamento dei pazienti

E’ oggi noto che il coronavirus COVID-19 non colpisce solo l’apparato respiratorio, ma anche cervello e apparato digerente, piuttosto che sistema nervoso in generale e altri organi vitali.

Ma certo la polmonite ha caratterizzato fortemente i protocolli per il trattamento dei pazienti Covid, e in modo motivato.

I ricercatori della Northwestern Medicine di Chicago si sono chiesti per quali meccanismi la polmonite COVID-19 duri più a lungo e sia maggiormente letale della polmonite comune (o per meglio dire, delle polmoniti comuni, date le differenti eziologie).

Polmonite da COVID-19, come si sviluppa?

Per lo studio, il team ha analizzato le cellule immunitarie dei polmoni dei pazienti con polmonite COVID-19 e le ha confrontate con cellule di pazienti con polmonite causata da altri virus o batteri.

Mentre altri tipi di polmonite infettano rapidamente grandi regioni dei polmoni, COVID-19 inizia in numerose piccole aree dei polmoni.

Poi utilizza le cellule immunitarie dei polmoni stessi per diffondersi nei polmoni per molti giorni o addirittura settimane.

Questo è simile al modo con cui più incendi si diffondono attraverso una foresta, hanno spiegato gli autori dello studio.

Nel suo migrare lento attraverso i polmoni, COVID-19 lascia dietro a sé aree di tessuto polmonare danneggiato, e questo incrementa lo stato febbrile, la bassa pressione sanguigna e il danno d’organo che accomuna i diversi pazienti Covid.

Il rapporto è stato pubblicato questa settimana sulla rivista Nature.

Il ruolo di macrofagi e cellule T nella polmonite da COVID-19

I ricercatori hanno anche identificato le cellule immunitarie – macrofagi e cellule T – che potrebbero essere obiettivi importanti nel trattamento della polmonite COVID-19 grave.

I macrofagi in genere proteggono i polmoni, ma possono essere infettati dal nuovo coronavirus e contribuire a diffondere l’infezione attraverso i polmoni, ha osservato il team in un comunicato stampa nord-occidentale.

In uno studio clinico all’inizio di quest’anno, gli investigatori hanno in programma di testare un farmaco sperimentale che prende di mira queste cellule immunitarie nei pazienti affetti da polmonite COVID-19.

Il farmaco riduce la risposta infiammatoria di queste cellule immunitarie.

“Il nostro obiettivo è quello di rendere COVID-19 leggero invece che grave, rendendolo paragonabile a un brutto raffreddore”, ha detto il coautore dello studio, il dottor Scott Budinger, nel comunicato stampa.

È il capo della medicina polmonare e delle cure critiche alla Northwestern University Feinberg School of Medicine.

Il coautore dello studio, il dottor Richard Wunderink, professore di medicina polmonare e critica presso la Feinberg University e direttore medico della Northwestern Medicine ICU, ha aggiunto che “questo sforzo rappresenta davvero un ‘colpo di luna’ nella ricerca COVID-19”.

Per approfondire:

Più mortale di COVID-19? Polmonite sconosciuta scoperta in Kazakistan

Polmonite da COVID-19, lo studio dell’Università di Harvard sull’andamento bifasico dell’infezione

Polmonite da COVID-19, contro le forme più gravi trattamento con anakinra e metilprednisolone: lo studio del Policlinico di Milano

Vaccino COVID-19, quanto dura l’immunità? E’ dibattito, ma uno studio dalla California prospetta una lunga copertura

Pleurite, come individuare cause e sintomi dell’infezione ai polmoni?

Fonte dell’articolo:

UPI

I commenti sono chiusi.