Prevenire atti di violenza o danno nel soccorso pre-ospedaliero

Prevenire atti di violenza o danno nel soccorso pre-ospedaliero

Le aggressioni ai soccorritori e agli agenti di pubblica sicurezza stanno aumentando sempre di più. Botte, ferite, vandalismi contro ambulanze, sedi di Pronto Soccorso o volontari riempiono i giornali, soprattutto nei fine settimana, quando lo “sballo” contribuisce alla perdita della ragione di alcuni personaggi che vengono soccorsi per strada. Il problema è presente da tempo in tutta Europa e molte realtà si sono già attrezzate per tutelare i soccorritori e i Vigili del Fuoco. Poco tempo fa è iniziato il dibattito negli Stati Uniti – per esempio – sulla possibilità di armare sia i Pompieri che i Paramedici. Nel 2007 il Ministero della Salute ha emesso una raccomandazione molto importante per il mondo sanitario. Si tratta della

Raccomandazione per prevenire gli atti di violenza e danno a carico degli operatori sanitari.

Nel nostro Paese mancano statistiche sulla diffusione del fenomeno, tuttavia la prevenzione è già da tempo un principio da applicare in ogni soccoroso Con questo documento il Ministero ha voluto incoraggiare l’analisi dei luoghi di lavoro e dei rischi correlati e l’adozione di iniziative e programmi, volti a prevenire gli atti di violenza e attenuarne le conseguenze negative.

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X