Elisabetta, tirocinante all’EMSA ci ha raccontato in maniera dettagliata la sua esperienza

Elisabetta, tirocinante all’EMSA ci ha raccontato in maniera dettagliata la sua esperienza

Ciao Elisabetta, raccontaci come sei capitata all’EMSA e di cosa ti occupavi esattamente

Lo scorso anno, grazie ad un corso post laurea organizzato da una Banca di Torino ( Fondazione CRT), ho vinto una borsa di tirocinio da svolgersi esclusivamente all’estero. In seguito a numerose ricerche su internet mi sono imbattuta su un tirocinio presso la European Maritime Safety Agency, previsto da ottobre 2012 a febbraio 2013, ho inviato l’apposita domanda, la prima di una lunga serie presso altri enti e istituzioni estere, e sono stata selezionata per l’unità Risorse Umane, in particolare nella sezione “Eventi e Missioni”. L’EMSA svolge con cadenza mensile numerosi incontri, corsi di aggiornamento tra tecnici e meeting tra autorità della Commissione Europea; io mi sono occupata della gestione di tali eventi, per cui ho svolto attività collegate alla logistica e al rimborso spese dei partecipanti, nonché della gestione dei loro documenti.

Quale missione fra le tante dell’EMSA ti è sembrata la più importante, o meglio quella per la quale in questo momento vi è necessità di intervenire con più urgenza?

Non essendo io un tecnico esperto di sicurezza marittima posso affermare che il momento più importante che ho vissuto è stata l’organizzazione del Board Meeting, incontro tra i vari rappresentanti delle istituzioni e personalità di spicco della Commissione. L’intera unità Eventi e Missioni era coinvolta per la riuscita di tale evento. Per quanto riguarda la sicurezza ho potuto apprendere, confrontandomi con i colleghi, che i vari seminari che svolgono all’interno dell’EMSA per istruire i tecnici sono di       un’ importanza vitale, in quanto oltre ad apprendere nuove tecnologie per la gestione degli incidenti, la sicurezza e la pulizia dei mari, gli esperti vengono anche informati sulla prevenzione.

Come viene organizzato il lavoro in un’istituzione come l’EMSA? Cosa accade concretamente all’interno della struttura organizzativa?

Lo Staff dell’Agenzia è composto da più di 250 persone, appartenenti a differenti paesi e culture e quindi differenti lingue. Ho potuto notare durante il mio tirocinio che è fondamentale l’integrazione tra i differenti dipartimenti; il lavoro viene svolto in sinergia e in team, dove anche i tirocinanti ricoprono un ruolo e possono far tesoro dell’esperienza.

Che peso ti è sembrato di percepire un’organizzazione come l’EMSA, oltre che a livello europeo, possa avere a livello internazionale?

L’Agenzia ricopre a livello europeo un ruolo sicuramente fondamentale, in quanto si occupa insieme alla Commissione di monitorare ed implementare la legislazione dell’Unione Europea per quanto riguarda la costruzione e la manutenzione delle navi, occupandosi quindi di: sicurezza, certificazioni di strutture marittime ed ispezioni.Per quanto riguarda i paesi non appartenenti all’Unione, l’EMSA si occupa di addestrare tecnici ed esperti in merito anche al Port State Control, organismo che verifica che le competenze degli ufficiali di bordo e le condizioni delle navi siano in accordo con le convenzioni internazionali e che le operazioni siano svolte a bordo secondo la normativa di diritto internazionale.

Grazie mille Elisabetta, alla prossima!

 

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X