Ingrossamento linfonodi dopo il vaccino? “Se accade fare un controllo”

Post vaccino, non solo ingrossamento dei linfonodi: segnalati anche casi di alterazione del ciclo mestruale. L'intervista a Anna Franca Cavaliere, direttore dell'Unità operativa complessa di Ginecologia e ostetricia dell'Ospedale Santo Stefano di Prato-Usl Toscana Centro

Segnalati casi di aumento di dimensioni dei linfonodi dopo il vaccino: ecco cosa fare

« Sono segnalati casi, dopo la vaccinazione, di aumento delle dimensioni dei linfonodi del cavo ascellare dal lato in cui è stata effettuata la vaccinazione.

Questo ha creato molto allarme e conseguentemente molte mammografie e molti accertamenti, nonché ansia per le donne che vi si sottoponevano ».

A illustrare questo specifico sintomo provocato, in alcuni casi, dalla vaccinazione anti-Covid, è Anna Franca Cavaliere, direttore dell'Unità operativa complessa di Ginecologia e ostetricia dell'Ospedale Santo Stefano di Prato-Usl Universica Centro Universica Centro del Sacro Cuore di Roma, la quale tiene a chiarire che “individuare un linfonodo sotto-ascellare dopo la vaccinazione non corrisponde ad avere una neoplasia al seno.

Al contempo, sentire un linfonodo sotto-ascellare subito dopo il vaccino non deve far sottovalutare quello stesso linfonodo ed è bene sottoporsi a un controllo, soprattutto se fino a quel momento non lo si è fatto ».

L'esperta aggiunge che “ci sono dati relativi all'alterazione, temporanea e transitoria, del ciclo mestruale provocata dal vaccino.

Ma questorassicura- non incide sulla fertilità né sul ciclo ormonale e ovulatorio”.

En conclusion, Cavaliere tiene a ribadire che “le reazioni legate al vaccino sono sintomi transitori che non corrispondono a danni biologici irrecuperabili”.

Pour en savoir plus:

Emergenza Covid: dall'Ema primo ok all'uso del vaccino Moderna nei giovani da 12 anni in su

Brusaferro (ISS): "Completare il ciclo vaccinale estremamente efficace control il virus"

Fonte dell'articolo:

Agence Dire

Vous aimerez aussi