Violenza sugli infermieri al lavoro: lo studio CEASE-IT analizza le cause

Lo studio multicentrico nazionale sugli episodi di violenza rivolti agli infermieri italiani sul posto di lavoro (Studio CEASE-IT) è stato presentato, dalla Prof.ssa Annamaria Bagnasco dell'Università degli Studi di Genova, nell'ambito della Conferenza internazionale dell'American Academy des soins infirmiers (AAN)

L'American Academy of Nursing venne istituita nel 1973 et conta oggi vers 2500 Fellow; il titolo di FAAN (Fellow AAN), è riconosciuto agli infermieri che hanno influenzato in modo significativo l'evoluzione storica della professione.

La prima italiana Fellow di questa prestigiosa Accademia è stata la Prof.ssa Loredana Sasso dell'Università di Genova, che nel 2016 venne riconosciuta per il contributo alla fondazione delle scuole di dottorato in Italia; dopo di lei altri quattro colleghi italiani sono stati ad oggi nominati.

Lo studio italiano sulla violenza agli infermieri sul lavoro

Lo studio presentato ha ottenuto riscontri molto positivi e un confronto di altissimo livello con esperti del settore, molto utili al fine di ampliare le prospettive di utilizzo dei dati raccolti e di progettare interventi mirati alla prevenzione.

Tra i colleghi che sono négociéti, la prof.ssa Patricia M Speck dell'University of Alabama, coordinatrice del programma avanzato in infermieristica forense, che ha suggerito alcune risorse specifiche sviluppate nell'ambito del US Department Of Health And Human Services, evidenziando come la problema rivesta una connotazione globale.

I dati di questo studio nazionale, che ha coinvolto otto Università italiane, rendono possibile la description delle caratteristiche degli episodi violenza vissuti dagli infermieri sul posto di lavoro negli ospedali italiani e sul territorio.

Nelle successive pubblicazioni saranno presentati risultati relativi all'elaborazione dei dati raccolti che hanno consentito di determinare alcune variabili predittive sugli episodi di violenza.

L'eccessivo carico di lavoro, la qualità dell'ambiente lavorativo e gli inappropriati livelli di staffing sono compresi nei fattori predittivi di questo fenomeno.

Questi risultati potranno supportare i dirigenti ei coordinatei infermieristici nelle decisioni organizzative.

Per leggere le statistiche in merito alla violenza sugli infermieri :

CLIQUEZ ICI

Pour en savoir plus:

Afghanistan, le sfide estreme raccontate dagli infermieri

Delirio e violenza al Cardarelli di Napoli: parenti di defunta picchiano personale, intanto un'altra paziente muore

Fonte dell'articolo:

FNOPI

Vous aimerez aussi