Drone ambulanza: gli Stati Uniti hanno completato il primo trasporto aereo di organi e tessuti senza pilota

Drone ambulanza, un futuro di cui si parla da tempo. In vari luoghi del mondo si è già sperimentato con successo il volo di droni per il trasporto di sangue, da qualche tempo la Cina ha iniziato l’utilizzo di materiali sanitari tra centri Covid, ed è pronta al trasporto umano.

 

Negli Stati Uniti due società, MissionGO e Nevada Donor Network, hanno trasportato con successo un organo e tessuti umani tramite un sistema aereo senza pilota (UAS). Negli USA è l’acronimo più utilizzato per indicare i droni.

Questa tecnologia potrebbe essere applicata a un drone ambulanza?

Il dispositivo UAS utilizzato per questo trasporto può essere considerato una sorta di piccolo drone ambulanza.

MissionGO, un fornitore di soluzioni per i voli senza pilota, e Nevada Donor Network, un’organizzazione per l’approvvigionamento di organi (OPO) che serve lo stato del Nevada, hanno annunciato che due voli di prova della loro consegna senza pilota di organi e tessuti umani sono stati completati con successo il 17 settembre.

L’organo consegnato è stato immediatamente utilizzato per un trapianto.

L’esito dell’utilizzo del drone ambulanza UAS? La consegna di organi più lunga di questo tipo

Hanno dovuto trasportare un rene da un aeroporto ad una cittadina nel deserto di Las Vegas.

È stato il volo di consegna di organi più lungo nella storia dei droni.

Nell’aprile 2019, i membri del team MissionGO Anthony Pucciarella e Ryan Henderson, nei loro ruoli presso il sito di test UAS dell’Università del Maryland e in collaborazione con il Centro medico dell’Università del Maryland, hanno consegnato il primo rene, che è stato poi trapiantato con successo in un paziente.

Anthony Pucciarella, Presidente di MissionGO, ha dichiarato: “Questi voli sono un entusiasmante passo in avanti anche in prospettiva di distanze maggiori.

Siamo grati di poter testare la nostra tecnologia con i nostri partner del Nevada Donor Network e non vediamo l’ora di scoprire cosa possiamo ottenere assieme in voli sperimentali simili a questo”.

La necessità di un drone ambulanza UAS per trasportare organi negli Stati Uniti e il futuro di questa tecnologia

Dato che la maggior parte degli organi donati a Las Vegas deve attualmente essere spedita a destinatari in altri Stati, a causa dei limitati programmi di trapianto disponibili a livello locale, il secondo test di volo di MissionGO ha sottolineato un’entusiasmante possibilità per il futuro del trasporto di organi, all’interno dell’area di Las Vegas in particolare.

L’uso di droni, velivoli senza pilota, inseriti in una catena dell’emergenza e dell’urgenza, ridurrà il tempo tra la donazione e il trapianto di organi, ridurrà l’emissione di gas tossici (utilizzando velivoli elettrici) e potenzialmente amplierà l’efficienza dell’approvvigionamento di organi, salvando più vite.

La ricerca sull’aviazione del Nevada è l’inizio di una serie di voli di ricerca medica e aeronautica.

Drone ambulanza nel futuro utilizzato per la consegna di organi per il settore di ricerca e soccorso? Ci si lavora

Come dichiarato nella comunicazione ufficiale, MissionGO ha in programma ulteriori test di volo per la fine dell’anno e per tutto il 2021 con ulteriori partner per l’innovazione OPO in tutto il paese, come nel Regno Unito.

La Maritime and Coastguard Agency del Regno Unito sarà una di quelle, che sta anche studiando il potenziale per gli UAS di innovare il settore della ricerca e del salvataggio.

PER APPROFONDIRE:

READ THE ENGLISH ARTICLE

CINA, AMBULAR E’ IL DRONE AUTOAMBULANZA CHE FA SPOLA TRA OSPEDALI COVID-19

DRONI IN EMERGENZA E SOCCORSO, DA RESCUE DRONES NETWORK UN’ESERCITAZIONE CON UN NUMERO RECORD DI SQUADRE ALL’OPERA

FONTE DELL’ARTICOLO:

AIRMED&RESCUE

I commenti sono chiusi.