Giappone, gli esperti frenano le riaperture: “Bastano 15 giorni perché riprendano le infezioni di Coronavirus”

Coronavirus, gli esperti in Giappone: “se non continuiamo a ridurre il contatto diretto tra persone, i nostri sforzi potrebbero essere stati vani”

 

CORONAVIRUS, LA SITUAZIONE IN GIAPPONE

Il numero di nuove infezioni da coronavirus potrebbe iniziare ad aumentare entro 15 giorni se le persone tornassero completamente al loro stile di vita pre-pandemico dopo che lo stato di emergenza verrà revocato, una stima ha dimostrato.

L’allarme è stato lanciato da Jun Ohashi, professore di genetica delle popolazioni all’Università di Tokyo, che ha effettuato ricerche sul tema e avverte: “Se non continuiamo a ridurre il contatto diretto tra persone, i nostri sforzi potrebbero essere stati vani”.

Ohashi ha ipotizzato che una persona infetta trasmetta il virus a una media di 2,5 persone e che il numero di persone colpite da una persona infetta diminuisca gradualmente man mano che il virus si diffonde.

Il ricercatore ha quindi ipotizzato che le persone si mettano in quarantena per 30 giorni dal giorno in cui il numero di persone non trattate con il coronavirus raggiunge le 50 per 100.000 persone per stimare lo spostamento della curva dei contagi.

Il risultato ha mostrato che se tutti riducessero dell’80% il contatto diretto con altre persone, il numero di casi inizierebbe a calare il quinto giorno della quarantena di 30 giorni, ma se tutti tornassero ai normali livelli di attività, il dato tornerebbe ad aumentare 15 giorni dopo la fine dell’auto-quarantena.

Allo stesso tempo, se le persone mantenessero il livello di riduzione dei contatti tra loro al 70%, allentando parzialmente l’isolamento autoimposto dopo la fine del periodo di auto-quarantena di 30 giorni, il numero di persone infette continuerebbe a diminuire gradualmente.

Ohashi stima che 74 giorni dopo il periodo di quarantena, o 44 giorni dopo che le persone sono passate alla riduzione del 70% dei contatti sociali, il numero di infezioni scenderà a meno di 10 persone ogni 100.000.

CORONAVIRUS IN GIAPPONE: L’ISOLAMENTO REGIONE PER REGIONE

Nel frattempo, ci sono anche dati che mostrano l’andamento e i risultati dello stato di emergenza, evidenziando come il distanziamento sociale sia diverso da regione a regione.

Un team di ricercatori del Canon Institute for Global Studies ha proiettato i tassi di riduzione delle uscite fuori casa della popolazione, confrontando i dati delle aree residenziali durante il giorno e la notte e raccogliendo dati ogni 500 metri quadrati, grazie ai dati di tracciamento trasmessi dalle compagnie telefoniche.

Le analisi in ciascuna prefettura hanno mostrato chele uscite a Tokyo sono diminuite del 58,1%, seguito dalla Prefettura di Kanagawa a sud della capitale al 55%, dalla Prefettura di Osaka al 51,7%, dalla vicina Prefettura di Hyogo Hyogo al 50,9% e dalla prefettura sud-occidentale di Fukuoka al 50,5%.

Il calo più basso è stato registrato nella Prefettura di Miyazaki nel sud-ovest del Giappone al 32,2%, seguito dalla Prefettura di Kagoshima nella stessa regione del Kyushu al 33%, la prefettura più meridionale del Giappone di Okinawa al 35,3%, la prefettura più settentrionale dell’Hokkaido al 35,6% e la Prefettura di Tottori nella ovest al 36,2%.

Takayuki Mizuno, professore associato di scienze sociali computazionali presso l’Istituto Nazionale di Informatica e membro del gruppo di ricerca, afferma: “Mostrando il risultato ottenuto dagli sforzi di autoisolamento delle persone per regione, possiamo valutare la situazione e aiutare le autorità a prendere provvedimenti calibrati sulla singola regione“.

PER APPROFONDIRE:

LINEE GUIDA BLS E ALS PER PAZIENTI CON PATOLOGIE ED AFFETTI DA COVID-19

CUBA INVIA MEDICI E INFERMIERI IN AIUTO DEL SUDAFRICA

SARS-COV-2, PUGNO DURO CONTRO LE BANDE A EL SALVADOR

FONTE DELL’ARTICOLO:

AGENZIA DIRE

I commenti sono chiusi.