Napoli, due donne del 118 aggredite: calci e pugni ad infermiera e autista soccorritrice di ambulanza India

A Napoli nuova aggressione ai danni di operatori sanitari del 118: prese a calci e a pugni dai parenti di un paziente soccorso, ieri sera, un’infermiera e un’autista soccorritrice

A denunciare l’ennesima violenza ai danni di un equipaggio di ambulanza, l’associazione Nessuno Tocchi Ippocrate.

Napoli, nuova aggressione ad operatori 118: picchiate selvaggiamente due soccorritrici

“In data odierna – fanno sapere -, 14/01/2021 , alle ore 19.26 circa a via Salvator Rosa a Napoli ,due donne , infermiere ed autista soccorritore in servizio presso la postazione 118 India Carlo III , vengono aggredite da parenti e affini di un paziente (perdita di coscienza in strada ) con calci e pugni e addirittura vengono strattonate per i capelli.

Il motivo di tale violenza è attribuibile ad un ritardo inesistente nei soccorsi.

Nonostante gli attimi di inaudita violenza, le due professioniste hanno portato a termine l’intervento soccorrendo il paziente ( codice rosso), trasportandolo presso il nosocomio partenopeo “A. Cardarelli “ , lì giunte alle ore 19.38 circa.

Naturalmente le due professioniste del 118 si sono fatte refertare al pronto soccorso per i traumi subiti”.

Scioperare non si può, e nemmeno reagire con pari violenza.

Ma forse quella legge, nata per perseguire chi commette tali reati, avrebbe dovuto prevedere l’istituzione della figura di pubblico ufficiale per il soccorritore 118: lo sono controllori del bus e capostazione, non si capisce bene perché non lo possano essere i soccorritori di un’ambulanza.

Per approfondire:

Aggressioni ai soccorritori: filmate con il telefonino ed offese solo perché l’ambulanza era di tipo India

Nuova aggressione ad un soccorritore: è successo ad autista soccorritore del Saut 118 di Avellino

Accadia, ambulanza 118 con freni manomessi: Als e Sanitaservice hanno sporto denuncia

Ambulanza con paziente a bordo: “Se mi vieni addosso ti sparo!”. Autista soccorritore preso a pugni

Fonte dell’articolo:

Nessuno Tocchi Ippocrate

I commenti sono chiusi.