Plasma iperimmune, o convalescente, The New England Journal: “Nessun effetto significativo sui pazienti”

Plasma iperimmune (o convalescente), uno studio pubblicato sul prestigioso The New England Journal of Medicine mette in serio dubbio l’utilità del plasma da paziente convalescente nel trattamento contro COVID-19

Plasma iperimmune, lo sudio dell’Hospital Italiano di Bueno Aires

“Il plasma convalescente, o iperimmune – scrivono gli autori della pubblicazione, facenti parte dell’ Hospital Italiano di Bueno Aires – è spesso somministrato a pazienti affetti da Covid-19 ed è stato segnalato, in gran parte sulla base di dati osservazionali, per migliorare i risultati clinici.

Sono disponibili dati minimi provenienti da studi randomizzati e controllati adeguatamente alimentati”.

Gli autori hanno quindi analizzato i dati riportati negli studi randomizzati.

“Abbiamo assegnato a caso pazienti adulti ricoverati in ospedale con polmonite Covide-19 grave in un rapporto di 2:1 per ricevere plasma convalescente o placebo. Il risultato primario è stato lo stato clinico del paziente 30 giorni dopo l’intervento, misurato su sei punti”.

Il risultato dello studio su pazienti che hanno ricevuto plasma iperimmune o convalescente?

“Non sono state osservate differenze significative nello stato clinico o nella mortalità complessiva tra i pazienti trattati con plasma convalescente e quelli che hanno ricevuto placebo“.

È questo, in sintesi, il risultato di uno studio randomizzato sul plasma convalescente nella polmonite grave da Covid-19 pubblicato sul ‘The New England Journal of Medicine’.

La ricerca ha esaminato 228 pazienti, che hanno ricevuto la terapia del plasma da convalescente, e 105 che hanno avuto il placebo.

“Dopo 30 giorni- hanno fatto sapere i ricercatori dell’Hospital Italiano di Buenos Aires- nessuna differenza significativa nei risultati clinici è stata notata tra il gruppo che ha avuto la terapia del plasma e il gruppo con il placebo”.

La mortalità complessiva è stata del “10,96% nel gruppo del plasma convalescente e dell’11,43% nel gruppo placebo”, hanno concluso i ricercatori.

A Randomized Trial of Convalescent Plasma in Covid-19 Severe Pneumonia

nejmoa2031304

Per approfondire:

COVID-19 in Uganda, il Ministro della Salute annuncia test clinico randomizzato per utilizzo del plasma iperimmune

Plasma iperimmune, Pisa difende il progetto ‘Tsunami’ dagli attacchi: “Nessuna commistione con Kedrion”

Plasmaterapia nella terapia per il Covid-19: la John Hopkins University pubblica una guida per gli ospedali

Da Roma a San Diego, Alba Grifoni è la ricercatrice che combatte il Covid-19

Read The English Article

Fonte dell’articolo:

The New England Journal of Medicine

I commenti sono chiusi.