Sindrome di Kawasaki e COVID-19, il Perù si confronta con i primi casi di bambini affetti

Una bambina colpita da COVID-19 con sintomi da sindrome di Kawasaki è stata trasportata da un’ambulanza SAMU al National Institute of Children’s Health di San Borja . Anche il paese andino si confronta con un fenomeno che sta preoccupando la pediatria di tutto il mondo.

 

SINDROME DI KAWASAKI E COVID-19, LA SITUAZIONE IN PERU’

La bimba, accolta in una capsula di biocontenimento, è stata quindi affidata alle sapienti e attente mani del personale medico-sanitario della Terapia Intensiva di quell’ospedale.

Le pediatrie di tutto il pianeta, come scrivevamo, stanno riflettendo su una possibile correlazione tra malattia di Kawasaki e infezione da coronavirus.

Allo stato attuale delle cose, ma la situazione è evolutiva, la comunità scientifica è orientata a ritenere che la rara condizione nei bambini che provoca infiammazione delle pareti dei vasi sanguigni sia in realtà una sindrome con sintomi e decorso molto simile, e quindi confondibile, a quella scoperta nel 1967 dal pediatra giapponese Tomisaku Kawasaki, che colpisce soprattutto i pazienti di età inferiore ai cinque anni.

La patologia COVID-linked è stata battezzata come sindrome infiammatoria polisistemica pediatrica.

In coda il link più recente che abbiamo dedicato all’argomento: andando a ritroso si possono leggere tutti gli articoli correlati.

Una tesi avvallata anche dai medici peruviani.

PERU’, I PEDIATRI SPIEGANO LA CORRELAZIONE TRA COVID-19 E MALATTIA SIMIL SINDROME DI KAWASAKI

Come riportato da Franklin Mendoza, un medico intensivista dell’INSN di San Borja, nella risposta infiammatoria si manifestano comportamenti diversi in tutti i pazienti in tutto il mondo.

Va sottolineato che l’incidenza di questa condizione nei bambini è bassa in Perù e nel mondo, ma è necessario che il personale sanitario sia attento a fare una diagnosi precoce e quindi garantire che i bambini possano essere trattati urgentemente nel specialità altamente complesse.

Nel National Institute of Child Health-San Borja ci sono 11 piccoli gravi, di cui due mostrano il nuovo colpo di COVID -19 all’organismo.

La bambina di 3 anni trasportata in ambulanza è stata trasferita all’Istituto Nazionale di Sanità infantile di San Borja dall’ospedale Sergio Bernales de Collique.

Ha subito immediatamente un ecocardiogramma, poiché la “sindrome di Kawasaki atipica”, altro modo di indicare questa nuova condizione pediatrica, può coincidere con gravi lesioni coronariche nei bambini.

Kristel Morales, cardiologo pediatrico dell’INSN di San Borja , sostiene che dovrebbe essere trattata per evitare problemi post-cardiaci.

I sintomi caratteristici sono la febbre da giorni e un’eruzione cutanea. La diagnosi e il trattamento precoci sono fondamentali.

La sindrome infiammatoria polisistemica pediatrica, è segnalata come una malattia apparentemente associata al coronavirus , ma ancora senza prove definitive, ed è caratterizzata da un’eccessiva risposta infiammatoria che colpisce più organi nei bambini.

Tra i sintomi dell’infiammazione, i bambini esibiscono una febbre che persiste per più di 5 giorni; acne; occhi rossi o rosa; labbra, lingua, mani e piedi gonfie e rosse; problemi gastrointestinali, bassa pressione sanguigna; e scarso flusso di sangue agli organi.

Casi segnalati di sindrome infiammatoria polisistemica pediatrica, che assomiglia a una sindrome atipica di Kawasaki nei sintomi, è raro in Perù e nel mondo, ma è chiaro che una tanto diffusa casistica nel mondo suggerisce attenzione e ricerca di soluzioni.

PER APPROFONDIRE:

READ THE ENGLISH ARTICLE

KAWACOVID, L’ ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA’ SPIEGA CORRELAZIONE TRA SINDROME DI KAWASAKI E CORONAVIRUS

BAMBINI E POST LOCKDOWN, LA PREOCCUPAZIONE DEI PEDIATRI ITALIANI

VISITA IL SITO UFFICIALE DELLA MUNICIPALITA’ DI SAN BORJA

FONTE DELL’ARTICOLO:

SITO UFFICIALE DI CANAL N

I commenti sono chiusi.