COVID-19 che colpisce i pazienti più deboli? Studio su JAMA relaziona su infiammazione cardiaca tra gli atleti

E’ stato osservato che il 15% di giovani atleti, dopo aver contratto il COVID-19, sviluppa un’infiammazione cardiaca. A rimarcare come il coronavirus non lasci tracce solo sul corpo delle persone deboli, ma anche su quello di esseri umani giovani e in forma.

 

COVID-19, INFIAMMAZIONE CARDIACA PER MOLTI ATLETI: LO STUDIO SU JAMA

Molti atleti sopravvissuti al COVID-19 hanno presentato un’infiammazione cardiaca.

Una ricerca condotta dalla Ohio State University, riportata venerdì in una lettera di ricerca in Cardiologia JAMA, lo ha dimostrato.

Ha stabilito che questi atleti universitari erano in buona salute, eppure hanno mostrato uno stato di infiammazione cardiaca dopo la guarigione dal coronavirus.

Infiammazione cardiaca dopo il COVID-19 negli atleti: l’inizio dello studio

Secondo quanto riportato su IbTimes, “Lo studio è arrivato durante la preparazione di un certo numero di giovani atleti alle loro stagioni sportive, anche se ci sono quelli che hanno optato per mettere temporaneamente in pausa i programmi a causa dell’aumento dei casi di coronavirus”.

Per procedere con lo studio, i ricercatori hanno esaminato qualsiasi segno di miocardite, un tipo di malattia cardiaca caratterizzata dall’infiammazione del muscolo cardiaco riduce la capacità del cuore di pompare. Provoca anche ritmi cardiaci anormali o rapidi.

Parlando di infiammazione cardiaca (miocardite) dopo il COVID-19…

La miocardite sarebbe causata da un’infezione.

Secondo gli studi, è considerata la causa del 7-20% degli arresti cardiaci negli sportivi.

Anche se questi decessi non sono eventi comuni, le conseguenze sono spesso tragiche.

Il legame tra COVID-19 e i problemi cardiaci è stato individuato già nel primo periodo della pandemia.

Tuttavia, i medici hanno visto che la maggior parte dei casi erano quelli che presentavano condizioni croniche, quelli vulnerabili o quelli ricoverati in ospedale.

Uno degli autori dello studio, il dottor Saurabh Rajpal, assistente professore di cardiologia della Ohio State University e anche specialista in risonanza magnetica cardiaca, ha rivelato di aver già ricevuto informazioni su problemi cardiaci che coinvolgono i pazienti ospedalizzati.

Per quanto riguarda gli atleti che eseguono esercizi ad alta intensità, Rajpal e colleghi hanno pensato a quello che potrebbe essere il test più ideale per determinare se gli atleti soffrono di infiammazione cardiaca.

Infiammazione cardiaca dopo COVID-19: Risonanza magnetica tra gli atleti

L’IbTimes continua: “Le risonanze magnetiche degli atleti che i ricercatori hanno controllato erano quelle di pallacanestro, pista, calcio, calcio e lacrosse.

Dei 26 atleti che hanno controllato, 12 hanno mostrato sintomi lievi e il resto erano asintomatici.

Quelli sintomatici si sono ripresi già al momento della risonanza magnetica e questo tra gli 11 e i 53 giorni dopo aver confermato la positività alla COVID-19.

Erano quattro, circa il 15%, che mostravano segni di infiammazione cardiaca.

I ricercatori hanno notato che questo non significa necessariamente che gli atleti che si sono ripresi dal COVID-19 siano in pericolo.

Dr Eugene Chung, elettrofisiologo cardiaco dell’Università del Michigan, e che non faceva parte dello studio dello stato dell’Ohio, ha dichiarato che quelli nello studio sono già in fase di recupero.

Tuttavia, raccomanda cautela a quelli con risultati di risonanza magnetica, dicendo che avrebbe raccomandato una limitazione dell’esercizio fisico fino a tre mesi”.

Lo studio pubblicato su Cardiologia JAMA quindi, prima ancora di porre l’accento sui rischi per la salute di atleti che abbiano vissuto la malattia COVID-19 (e non quindi che siano stati semplicemente contagiati) sfata il mito per il quale il coronavirus lasci tracce evidenti su pazienti con patologie pregresse o deboli in generale, anziani su tutti.

PER APPROFONDIRE:

READ THE ENGLISH ARTICLE

FONTE DELL’ARTICOLO:

IBTIMES

I commenti sono chiusi.