Infezioni batteriche: la malattia di Lyme e la tiroide

La malattia di Lyme è un’infezione causata dal batterio spirocheta – Borrelia burgdorferi – che viene trasmessa a persone e animali attraverso il morso di una zecca di cervo infetta, nota come zecca dalle zampe nere

Secondo i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), la malattia di Lyme è la più comune malattia trasmessa da artropodi negli Stati Uniti.

I batteri introdotti dal morso della zecca attraversano il flusso sanguigno e si insediano in vari tessuti e organi.

Con il tempo, può causare sintomi significativi.

L’American Lyme Disease Foundation (ALDF) descrive la malattia di Lyme come una “malattia infiammatoria multisistemica che colpisce la pelle nella sua fase iniziale, localizzata, e si diffonde alle articolazioni, al sistema nervoso e, in misura minore, ad altri sistemi di organi nelle sue fasi successive, disseminate”.

Prevalenza della malattia di Lyme

Il CDC degli Stati Uniti afferma che l’età, il sesso e l’esposizione all’aperto sono fattori di rischio per chi si ammala di malattia di Lyme.

La malattia è più comune nei ragazzi sotto i 15 anni e negli uomini tra i 40 e i 60 anni, gruppi che hanno maggiori probabilità di giocare all’aperto e di praticare attività all’aperto.

“Se vi è stato diagnosticato l’ipotiroidismo, ma non sembrate rispondere al trattamento sostitutivo con ormoni tiroidei, familiarizzate con i segni e i sintomi della malattia di Lyme”.

Sintomi della malattia di Lyme

Entro il primo mese dall’esposizione, i sintomi della malattia di Lyme possono essere simili all’insorgenza dell’influenza, e comprendono:

  • febbre
  • Brividi
  • mal di testa
  • Stanchezza
  • Dolore generale
  • Linfonodi gonfi
  • Dolori articolari e muscolari

Il sintomo più caratteristico della malattia di Lyme, tuttavia, è un’eruzione cutanea chiamata eritema migrante

Questa eruzione cutanea ha di solito un caratteristico aspetto a occhio di bue intorno al punto in cui è stata morsa la zecca.

Si stima che l’eritema migrante si manifesti fino all’80% delle infezioni da malattia di Lyme e può iniziare già tre giorni dopo il morso o fino a 30 giorni, ma in genere si manifesta entro una settimana.

L’eruzione cutanea è di solito larga circa 15 centimetri, ma può arrivare fino a 20 centimetri di larghezza o più.

Appare in qualsiasi parte del corpo e di solito dura dalle tre alle cinque settimane.

Sulla pelle scura, l’eruzione cutanea può assomigliare a un livido.

Nelle prime settimane e mesi dopo il morso iniziale della zecca, possono comparire altri sintomi.

Tra questi vi sono:

  • forti mal di testa
  • Rigidità del collo
  • Ulteriori eruzioni cutanee da eritema migrante in altre sedi
  • artrite, dolore e gonfiore alle articolazioni, spesso a carico delle ginocchia e di altre articolazioni più grandi
  • Dolore ai muscoli
  • Paralisi o paralisi facciale, con aspetto cadente e/o perdita del tono muscolare del viso
  • Palpitazioni cardiache, battito cardiaco irregolare
  • Vertigini periodiche o mancanza di respiro
  • Infiammazione del cervello e del midollo spinale
  • Dolore ai nervi
  • Dolore, intorpidimento e formicolio alle mani e ai piedi
  • Nebbia cerebrale e problemi di memoria a breve termine
  • Cambiamenti nella visione
  • Febbre continua
  • Stanchezza grave
  • Mesi o addirittura anni dopo il morso iniziale della zecca, la malattia di Lyme non trattata può provocare
  • forti mal di testa
  • Artrite, con dolore e gonfiore delle articolazioni
  • Anomalie cardiache
  • Disturbi mentali, compresa la depressione
  • Disturbi cognitivi e neurologici, come confusione, perdita di memoria a breve termine e grave annebbiamento del cervello
  • Intorpidimento delle estremità

Diagnosi della malattia

La malattia di Lyme di nuova insorgenza viene solitamente diagnosticata in base ai sintomi, alla presenza dell’eritema migrante e alla possibile esposizione a zecche infette.

Inoltre, è consigliato un esame del sangue noto come processo “a due fasi”.

Il CDC degli USA descrive questo processo di analisi nelle sue linee guida: “Raccomandazioni per l’esecuzione e l’interpretazione del test dalla seconda conferenza nazionale sulla diagnosi sierologica della malattia di Lyme”.

In particolare, le due fasi comprendono:

  • Fase 1: viene eseguito il test “EIA” (enzyme immunoassay) o, meno comunemente, il test di immunofluorescenza (IFA).
  • Fase 2: se l’EIA o l’IFA sono positivi o non conclusivi, il secondo test eseguito è un test immunoblot, noto anche come “Western blot”. Se i sintomi sono di nuova insorgenza (meno di 30 giorni), si esegue il Western Blot IgM.

Se i sintomi sono presenti da più di 30 giorni, un test EIA o IFA positivo o non conclusivo è seguito dal test Western Blot IgG.

Trattamento della malattia di Lyme

Per il trattamento della malattia di Lyme si utilizzano due antibiotici fondamentali: l’amoxicillina e la tetraciclina.

In genere, viene prescritto un ciclo di 10-21 giorni.

In alcuni casi, vengono utilizzati gli antibiotici cefuroxima o doxiciclina.

Nei casi di malattia di Lyme di lunga durata, vengono talvolta utilizzati antibiotici per via endovenosa (IV), in alcuni casi per un periodo più lungo.

Secondo la ricerca del National Institutes of Health (NIH), la maggior parte delle persone guarisce dalla malattia di Lyme dopo un ciclo di antibiotici.

Sindrome post-trattamento della malattia di Lyme

In alcuni casi, i sintomi della malattia di Lyme come affaticamento, dolori muscolari e problemi cognitivi persistono per più di sei mesi.

Si tratta della cosiddetta “sindrome post-trattamento della malattia di Lyme” (PTLDS), o sindrome post-malattia di Lyme (PLDS).

A volte si parla anche di “malattia di Lyme persistente” o “malattia di Lyme cronica”.

I ricercatori stimano che circa il 10-20% dei pazienti abbia la PTLDS, con infiammazione articolare continua e altri sintomi di Lyme per mesi o anni dopo il trattamento.

Alcuni esperti raccomandano l’uso a lungo termine di antibiotici – compresa la terapia antibiotica endovenosa – per aiutare a risolvere la PTLDS.

La malattia di Lyme, l’autoimmunità e la tiroide

Il motivo per cui alcune persone sviluppano la PTLDS non è noto, ma si pensa che la resistenza agli antibiotici e una reazione autoimmune giochino un ruolo.

Alcuni esperti teorizzano che una risposta autoimmune sia innescata dall’infezione della malattia di Lyme, causando un aumento dei livelli di anticorpi che attaccano le articolazioni.

Alcune ricerche hanno anche dimostrato che, in presenza di una predisposizione genetica all’autoimmunità, la malattia di Lyme può dare origine a una serie di malattie autoimmuni che attaccano altri tessuti, organi o ghiandole, tra cui la tiroidite di Hashimoto.

Si stanno inoltre studiando nuovi trattamenti per la malattia di Lyme e la PTLDS, soprattutto se in concomitanza con una malattia autoimmune della tiroide.

Come parte della sua difesa dei pazienti affetti da malattia di Lyme, il dottor Holtorf ha richiamato l’attenzione sulla ricerca all’avanguardia sul disulfiram (Antabuse), un farmaco solitamente utilizzato per trattare persone con problemi di abuso di alcol.

Il disulfiram si sta rivelando promettente come possibile trattamento della PTLDS e sono in corso ulteriori ricerche.

Per approfondire

Emergency Live ancora più…live: scarica la nuova app gratuita del tuo giornale per iOS e Android

Guida al primo soccorso per la rimozione delle zecche

Punture di insetto e morsi di animali: trattare e riconoscere segni e sintomi nel paziente

Vespe, api, tafani e meduse: che fare in caso di puntura o morso?

Shock ostruttivo: ecco cosa può comportare questa sindrome

Principi di gestione e gestione dei fluidi nello shock settico: è tempo di considerare le quattro D e le quattro fasi della fluidoterapia

Sindrome da shock tossico in emergenza: di cosa si tratta?

Cos’è e che sintomi ha la malattia di Lyme?

Malattia di Lyme: attenzione al morso di zecca

Malattia di Lyme e ADHD: esiste un collegamento?

Pidocchi e zecche: come fare per rimuoverli

Fonte dell’articolo

Health Central

Potrebbe piacerti anche