Risposta globale alla pandemia COVID-19: 250 infermieri da tutto il mondo al webinar ICN

COVID-19, il 15 dicembre 2020, il Consiglio Internazionale degli Infermieri (ICN) e Nursing Now hanno collaborato a un webinar per condividere le esperienze di lavoro degli infermieri sui fronti della pandemia COVID-19.

Il webinar, istituito dal Co-Presidente del Panel indipendente per la preparazione e la risposta alla pandemia, l’ex primo ministro neozelandese Helen Clark, contribuisce alla revisione della risposta mondiale alla pandemia COVID-19, compresa quella dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Il webinar è stato presieduto da Marion Subah, direttore nazionale di Last Mile Health in Liberia, e il panel era composto dalla signora Clark, dal presidente di ICN Annette Kennedy, dall’amministratore delegato di ICN Howard Catton e dal direttore esecutivo di Nursing Now Barbara Stillwell.

Più di 250 infermieri provenienti da tutto il mondo si sono uniti al webinar, e gli infermieri in prima linea e i rappresentanti dell’Associazione Nazionale Infermieri di Ghana, India, Italia, Messico, Nuova Zelanda, Corea del Sud, Uganda, Emirati Arabi Uniti e Zimbabwe, così come i membri dei gruppi di Nursing Now hanno contribuito direttamente durante la discussione.

Emergenza COVID-19, i temi principali del webinar del Consiglio Internazionale degli Infermieri

I temi principali della discussione hanno riguardato il livello di preparazione dei paesi per la pandemia; il tributo che COVID-19 ha avuto sul benessere fisico e mentale degli infermieri; la carenza di personale infermieristico immediato e a lungo termine e i termini e le condizioni in cui gli infermieri lavorano; la necessità di sostenere e assistere gli infermieri, molti dei quali hanno lavorato per lunghe ore e non hanno visto le loro famiglie per settimane; i maltrattamenti e le violenze subiti dagli infermieri e la necessità di apportare cambiamenti e di coinvolgere maggiormente gli infermieri nello sviluppo dei sistemi sanitari del futuro.

A conclusione del webinar, la signora Kennedy ha riflettuto su una serie di questioni sollevate dai partecipanti che l’ICN ha messo in evidenza fin dall’inizio della pandemia, tra cui gli infermieri sotto stress e il gran numero di infermieri che stanno considerando di abbandonare la professione:

“Siamo molto preoccupati di non avere una forza lavoro che si occupi delle persone, perché senza infermieri nella forza lavoro non c’è personale sanitario”.

La signora Kennedy ha sottolineato che gli infermieri hanno fornito una forte leadership e hanno trovato modi innovativi per affrontare la pandemia. In quanto forza lavoro in gran parte femminile, il contributo delle infermiere deve essere incluso nei processi di definizione delle politiche in futuro, ha detto, piuttosto che essere semplicemente tenuto a svolgere qualsiasi compito venga loro richiesto “senza domande”.

“Non credo che la gente abbia colto il numero di cose innovative che gli infermieri hanno fatto durante questa pandemia, ad esempio la formazione di gruppi di medici e infermieri per la cura di pazienti in posizione prona e l’introduzione di cambiamenti che fanno sì che i DPI durino più a lungo”.

Gli infermieri cercano sempre di trovare soluzioni innovative e creative per affrontare i loro problemi, e credo che questo non venga riconosciuto.

Non avete idea di quanto sia importante per gli infermieri essere ascoltati” ha detto.

La signora Clark ha sottolineato la necessità che i responsabili politici ascoltino ciò che gli infermieri hanno da dire e che gli infermieri siano assistiti, ponendosi la domanda: “Chi si prenderà cura degli assistenti?

Ha detto che la pandemia ha messo a nudo le lacune di così tanti sistemi sanitari, tra cui la mancanza di dispositivi di protezione personale, che portano a minacce per la salute e il benessere degli infermieri.

Gli infermieri: non dimenticheremo mai le immagini di alcuni paesi nei quali si sono indossati sacchi della spazzatura come dpi anti COVID-19

“Non si dimenticheranno mai le immagini che abbiamo visto sui nostri media in alcuni Paesi di infermieri che indossano letteralmente sacchi della spazzatura al posto della protezione, o di aver sentito più volte la necessità di indossare le maschere N95.

Sono sicuro che il fatto che non ci siano abbastanza infermieri nel mondo, un vuoto di milioni di infermieri, porta anche all’esaurimento e al burnout, e queste lacune contribuiscono a loro volta alla malattia e alla morte”.

Il signor Catton ha detto che il webinar ha fornito una visione unica e potente delle esperienze degli infermieri durante la pandemia del 2020.

“Ciò che emerge dal webinar e dai messaggi che abbiamo sentito dalle nostre Associazioni nazionali di infermieri dall’inizio della pandemia, è che abbiamo bisogno di azioni e investimenti per sostenere i nostri sistemi sanitari sotto pressione.

“I partecipanti hanno espresso chiaramente che con la carenza di personale infermieristico, non si tratta solo dell’impatto sulla forza lavoro infermieristica, ma anche della sicurezza e della qualità dell’assistenza”.

L’assistenza infermieristica non deve scomparire dalla scena o essere affiancata quando la pandemia è finita.

I riflettori che abbiamo ora devono rimanere e gli infermieri devono rimanere al centro della progettazione dei sistemi sanitari per il futuro.

Quando la signora Clark porterà il suo rapporto all’Assemblea Mondiale della Sanità l’anno prossimo, l’ICN vorrà che includa degli indicatori in modo da sapere se stiamo facendo progressi, così non ci ritroveremo mai a doverci svegliare con una carenza di sei milioni di persone, ma sappiamo se stiamo facendo abbastanza e dobbiamo agire”.

ICN ha chiesto ai governi di istituire fondi per l’educazione sanitaria e le opportunità di riqualificazione (HERO) per consentire alle persone, che hanno perso il lavoro a causa dei disagi causati a molte industrie dalla pandemia, di formarsi per diventare le infermiere registrate del futuro.

Per approfondire:

L’ICN Disaster Fund sostiene gli infermieri in Libano a seguito dell’esplosione a Beirut

Emergenza COVID-19, nel 2021 una moneta celebrativa per dire GRAZIE al personale sanitario

COVID-19, almeno 1.500 infermieri e operatori sanitari deceduti: ICN analizza la guida WHO per la gestione del personale sanitario

Read The English Article

Fonte dell’articolo:

Sito ufficiale ICN

I commenti sono chiusi.