Terapia intensiva in Bangladesh: quanti ospedali sono dotati di questo reparto così essenziale nella pandemia di COVID-19?

Terapia intensiva in COVID-19: fin dall’inizio di questa emergenza e crisi sanitaria da coronavirus, il Bangladesh ha sofferto molto a causa dell’inadeguata capacità delle unità di terapia intensiva (ICU) sia negli ospedali governativi che in quelli privati.

Gli esperti dicono che il Bangladesh deve essere pienamente preparato a combattere questa pandemia globale immediatamente, a meno che non speriamo che in futuro succeda qualcosa di terribile.

Il Bangladesh è una terra di 17 milioni di persone, uno dei Paesi più densamente popolati del mondo.

Rispetto al numero di persone, in Bangladesh abbiamo un numero insufficiente di unità di terapia intensiva in grado di accogliere i pazienti del COVID-19.

Bangladesh, un grave deficit di posti letto in Terapia Intensiva rispetto ai pazienti COVID-19

Covid-19, un nuovo ceppo di coronavirus, è costato più di milioni di vite in tutto il mondo.

Tuttavia, il Bangladesh rileva un numero enorme di pazienti positivi al COVID-19 che vengono ricoverati negli ospedali.

I pazienti infetti hanno sofferto di complicazioni neurologiche e respiratorie potenzialmente letali e le unità di terapia intensiva e i ventilatori sono un supporto indispensabile per garantire loro un’assistenza e un risultato adeguati.

Secondo lo standard internazionale, un ospedale con 100 posti letto dovrebbe avere un minimo di 5 unità di terapia intensiva. Ma la realtà in Bangladesh è dura.

Nonostante il numero di 432 ospedali governativi e 737 privati, abbiamo solo 1169 posti letto in terapia intensiva in tutto il Paese per i 17 milioni di persone.

In termini di posti letto generali, abbiamo solo 141.903, il che significa solo 8,7 posti letto ogni 10 mila bangladesi.

Se confrontiamo i nostri dati con quelli di altri Paesi sviluppati, abbiamo visto che gli Stati Uniti hanno 28 letti d’ospedale, la Cina ne ha 43, la Corea del Sud ne ha 123, e l’Italia ha 32 letti generici per un numero simile di pazienti.

Inoltre, il Bangladesh ha un’enorme carenza di medici e infermieri qualificati rispetto ad altri Paesi. Abbiamo solo 8,5 professionisti della salute ogni 10 mila cittadini.

Anche se l’Istituto di epidemiologia, controllo delle malattie e ricerca (IEDCR) ha annunciato l’istituzione di circa 150 unità di terapia intensiva in tutto il Bangladesh per i pazienti del COVID-19.

Anche così, abbiamo una grande carenza di unità di terapia intensiva rispetto ai pazienti COVID-19

Inoltre, se ci occupiamo della distribuzione delle unità di terapia intensiva in tutto il Paese, possiamo notare che la capitale del Bangladesh, Dhaka, comprende quasi 816 posti letto di unità di terapia intensiva tra il totale di 1169 unità di terapia intensiva.

E il resto è distribuito in modo sproporzionato nei restanti 63 distretti.

È chiaro che se il tasso di infezione aumenterà nei prossimi due mesi, avremo bisogno di più unità di terapia intensiva per sostenere i nostri pazienti, ma non sappiamo come potremo soddisfare le esigenze dei nostri pazienti.

Articolo scritto per Emergency Live dal Dr. Shamsul Alam Roky 

Per approfondire:

Read The Italian Article

“Ho la febbre”: come vengono distinti i sintomi di influenza e COVID-19 in Bangladesh?

I commenti sono chiusi.