Covid-19, medici e odontoiatri volontari in prima linea: 100 linee di supporto per Bergamo

Covid-19, nato dall’iniziativa del Rotary distretto 2042 un numero verde dedicato ( 02 8498 8498 ) , al quale rispondono medici e odontoiatri volontari da tutta Italia.

 

Covid-19, i 100 medici e odontoiatri volontari che hanno risposto “sì”

In 100 hanno aderito al progetto Rotary2042covid19 offrendosi in modo volontario in appena 48 ore .

Un numero di telefono dove il personale medico risponde alle domande delle persone malate di Covid o di coloro che sospettano di esserlo , o che sono in isolamento.

Un servizio che non si sostituisce ai servizi ufficiali ma che è di supporto , applicando i protocolli condivisi con ATS e AREU.

Abbiamo voluto quindi immergerci in questo progetto contattando ed intervistando uno dei medici volontari che quotidianamente dedicano il loro tempo e la loro professionalità a questo servizio.

Il Dott. Dario Re Cecconi è un medico odontoiatra, laureato presso la facoltà di Odontoiatria e Protesi Dentaria presso l’Università degli Studi di Milano, collabora in studi dentistici lombardi e piemontesi.

Una vecchia conoscenza di quella macchina ben oleata che è il volontariato italiano: quando nel 2012 lo abbiamo incontrato per la prima volta, si spendeva a supporto della popolazione per il terremoto dell’Emilia Romagna .

Sono passati otto anni dalla nostra prima chiacchierata ma come tutti , abbandoniamo il “lei” ed iniziamo l’intervista.

Covid-19, medici e odontoiatri volontari: l’intervista:

“Dario , di cosa ti occupi nel servizio dedicato al supporto telefonico ?”

– Aiuto nel coordinamento di 100 sanitari , soprattutto medici ed odontoiatri, impegnati in un call center che offre supporto alla popolazione lombarda (soprattutto nelle zone rosse, bergamasca ma non solo) che si trova in isolamento a causa del covid-19.

Il servizio non sostituisce i numeri tradizionali delle emergenze ma è in supporto ad esse.

Il mio compito è variabile: posso aiutare ad installare l’applicazione per ricevere le telefonate, organizzare il materiale formativo, prendere decisioni su come gestire l’utente del servizio.

Ed a volte mi occupo della salute dei nostri volontari.

Spesso si ritrovano a parlare con utenti soli che hanno perso qualche caro, o le loro stesse famiglie sono state colpite da questo virus.

Tutto ciò è emotivamente molto difficile, a volte crea uno stato di sconforto diffuso.

“Durante questo supporto come riesci a gestire l’uomo e il professionista che deve dare supporto ?”

– Nella fase iniziale, l’uomo è stato completamente annullato: dormivo 2/3 ore a notte per circa 6 giorni.

E’ stato anche molto complesso superare le difficoltà gestionali e burocratiche, soprattutto perché non è il mio lavoro “tradizionale”.

Il grosso delle responsabilità è a carico del responsabile, dott. Maurizio Maggioni, ma coordinare 100 persone diverse è molto complesso.

Ora, grazie anche all’esperienza maturata in queste settimane e all’aiuto dei volontari, riesco a dedicare qualche ora in più a me stesso, che passo cucinando o pulendo casa, visto che sono in isolamento volontario da più di un mese.

“Quali sono le situazioni più drammatiche che stai toccando con mano in questo servizio?”

– Le chiamate che riceviamo sono di ogni tipologia, dal procurare cibo e farmaci all’ aiutare il medico di base o il 112.

La situazione più critica fino ad ora riguarda una signora che saturava 70 e che tramite il 112, il medico di base ed il nostro supporto è stata gestita presso il proprio domicilio.

Dopo circa 6 giorni si è stabilizzata e sta molto meglio: il nostro operatore l’ha in seguito chiamata quotidianamente per accertarsi delle sue condizioni cliniche.

Non nascondo che nei primi giorni ero molto preoccupato, per il quadro clinico della paziente: temevo un rapido peggioramento.

“Si parla sempre più della prima linea della guerra al Covid-19, che passa dal servizio 118 fino alla Terapia Intensiva: secondo la tua esperienza giornaliera il supporto ai malati in isolamento domiciliare quali fattori fa’ emergere ?”

– Credo che la problematica più rilevante sia la sensazione di “solitudine” che prova un paziente in isolamento domiciliare.

Spesso sento pazienti isolati in casa: con altri familiari, ma “rinchiusi” in una stanza.

Credo che a volte si sottovaluti la solitudine, e che in alcune circostanze basti considerare il paziente, facendolo sentire seguito e curato anche da una semplice voce al telefono.

Quell’infinito donarsi che in questa guerra segna ed unisce , raccontando a volte storie al limite , ma soprattutto quella necessità di combattere la solitudine e di ridare vigore al corpo e allo spirito è il cuore pulsante di questo call center.

PER APPROFONDIRE:

VISITA LA PAGINA DEDICATA ALL’INIZIATIVA

CORONAVIRUS, CALA LA PRESSIONE SU OSPEDALI E REPARTI DI TERAPIA INTENSIVA

LE ASSOCIAZIONI NON SI FERMANO MAI: NASCE “IO TI ASCOLTO”

CORONAVIRUS E SISTEMA SANITARIO NAZIONALE

CROCE ROSSA IN PRIMA LINEA: OLTRE 75 MILA INTERVENTI DALL’INIZIO DELLA PANDEMIA

LE RIFLESSIONI DEL COMMISSARIO ARCURI SULLA CRISI ECONOMICA

PANDEMIA E BULLISMO, LE OFFESE RICEVUTE DA UN VOLONTARIO DISABILE

AMNESTY INTERNATIONAL: RICORDIAMO DEGLI OLTRE 150 LAVORATORI DELLA SANITÀ DECEDUTI

I° MAGGIO, LE AMBULANZE NON RESTANO CHIUSE NEI BOX

SARS-COV-2, LE INDICAZIONI ISS PER IGIENIZZARE AUTO E MEZZI

I commenti sono chiusi.