Coronavirus: si abbassa la pressione sugli ospedali. In totale però i morti in Italia sono 28.710

Coronavirus, le persone attualmente ricoverate nelle terapie intensive degli ospedali sono 1.539

 

CORONAVIRUS ED OSPEDALI, LA SITUAZIONE AL 2 MAGGIO:

Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 2 maggio, il totale delle persone che hanno contratto il virus è 209.328, con un incremento rispetto a ieri di 1.900 nuovi casi. Il numero totale di attualmente positivi è di 100.704, con una decrescita di 239 assistiti rispetto a ieri.

Tra gli attualmente positivi- continua la nota- 1.539 sono in cura presso le terapie intensive, con una decrescita di 39 pazienti rispetto a ieri.17.357 persone sono ricoverate con sintomi, con un decremento di 212 pazienti rispetto a ieri. 81.808 persone, pari all’ 81% degli attualmente positivi, sono in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi. Rispetto a ieri i deceduti sono 474 e portano il totale a 28.710.

Il numero complessivo dei dimessi e guariti sale invece a 79.914, con un incremento di 1.665 persone rispetto a ieri.

CORONAVIRUS ED OSPEDALI: I CASI REGIONE PER REGIONE

Nel dettaglio delle regioni i casi attualmente positivi sono 36.667 in Lombardia, 15.719 in Piemonte, 9.323 in Emilia-Romagna, 7.431 in Veneto, 5.365 in Toscana, 3.598 in Liguria, 4.452 nel Lazio, 3.205 nelle Marche, 2.721 in Campania, 1.282 nella Provincia autonoma di Trento, 2.954 in Puglia, 2.186 in Sicilia, 1.109 in Friuli Venezia Giulia, 1.879 in Abruzzo, 703 nella Provincia autonoma di Bolzano, 196 in Umbria, 730 in Sardegna, 98 in Valle d’Aosta, 713 in Calabria, 191 in Basilicata e 182 in Molise.

PER APPROFONDIRE:

PSICOSI DA COVID-19, IL BULLISMO SUBITO DA UNA PERSONA DISABILE

PANDEMIA, IL COMMISSARIO ARCURI: NON SAPPIAMO QUANDO FINIRÀ LA CRISI ECONOMICA

CROCE ROSSA: OLTRE 75MILA I SERVIZI EFFETTUATI DALL’INIZIO DELL’EMERGENZA

GIAPPONE, GLI ESPERTI FRENANO SULLE RIAPERTURE

COVID-19 E PUNTI DEBOLI DEL SISTEMA SANITARIO NAZIONALE

FONTE DELL’ARTICOLO:

AGENZIA DIRE

I commenti sono chiusi.