Appendicite acuta in bambini con sindrome infiammatoria multisistemica da COVID-19: case report dal Sudafrica

Appendicite acuta, una case report dal Sudafrica. La Sindrome infiammatoria multisistemica legata a COVID-19 è stata forse la patologia pediatrica collegata alla pandemia da coronavirus che ha maggiormente interrogato i ricercatori di tutto il mondo.

Inizialmente confusa con la Sindrome di Kawasaki, con cui condivide una parte importante della sintomatologia, è ancora oggi oggetto di studi. In una interessante pubblicazione sull’appendicite acuta in bambini in Sudafrica con questa sindrome è apparsa The Pediatric Infectious Disease Journal.

Il case report “Acute Appendicitis in Multisystem Inflammatory Syndrome in Children With COVID-19” è a firma Lishman, Juanita FCPaed; Kohler, Charles MBChB, MRCS; de Vos, Corne FCPaedSurg; van der Zalm, Marieke M. PhD; Itana, Justina MBChB; Redfern, Andrew FCPaed; Smit, Liezl FCPaed; Rabie, Helena PhD

Case report dal Sudafrica: Appendicite acuta in bambini con sindrome infiammatoria multisistemica da COVID-19

Il Sudafrica ha il più alto numero di casi di COVID-19 in Africa fino ad oggi, con Città del Capo epicentro iniziale.

Fino al 20 agosto 2020, 78 bambini con reazione a catena della polimerasi positiva (PCR), sindrome respiratoria acuta grave (SARS)-CoV-2 sono stati ricoverati al Tygerberg Hospital di Città del Capo.

Presentiamo 4 di questi bambini, di età compresa tra i 5 e i 12 anni (2 maschi) con appendicite e confermato la SARS-CoV-2 sulla PCR di campioni respiratori (Tabella 1).

A tre bambini è stata inizialmente diagnosticata un’appendicite acuta ed è stata trattata chirurgicamente e la sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini (MIS-c) è stata diagnosticata in tutti e tre dopo l’appendicectomia.

Il quarto bambino è stato ricoverato con appendicite clinica e testato per la SARS-CoV-2 a causa della politica ospedaliera, ma è stato gestito non chirurgicamente e non ha avuto il MIS-c.

Analogamente a una recente serie di casi londinesi, si evidenzia che i bambini con COVID-19 possono presentare caratteristiche cliniche che suggeriscono un’appendicite o un’appendicite atipica come parte del MIS-c.

I casi 1 e 2 sono stati inclusi in un recente rapporto sul MIS-c a Città del Capo, e tutti i bambini sono stati diagnosticati con appendicite durante un periodo in cui è stato identificato un aumento di questi casi nel nostro centro.

Tuttavia, a differenza dei bambini di Londra, tutti i bambini con MIS-c e appendicite sono risultati positivi alla PCR per la SARS-CoV-2.

Inoltre, ai bambini della serie di Londra è stata diagnosticata l’ileite terminale e nessuno ha richiesto un intervento chirurgico.

Nella nostra serie di MIS-c, 3 dei bambini avevano un’appendicite confermata chirurgicamente (Tabella 1): 2 con appendicite complicata con perforazione e pus intra-addominale e il terzo è stato confermato istologicamente.

La possibile relazione dell’ingresso virale attraverso i recettori dell’enzima di conversione dell’angiotensina 2, abbondantemente presente nell’ileo terminale, e la sua relazione con l’ileite terminale è stata ben documentata.

Appendicite acuta, una complicanza di COVID-19?

Ciò che non è chiaro, è se l’appendicite può verificarsi come complicanza della SARS-CoV-2 attraverso meccanismi simili proposti, legati all’infiammazione associata all’ingresso virale o all’iperplasia linfoide reattiva che causa l’ostruzione luminale.

L’appendicite acuta è nota per essere associata alla malattia di Kawasaki, di cui il MIS-c condivide molte caratteristiche cliniche e patologiche comuni, possibilmente correlate alla vasculite dell’arteria appendicolare.

Nella malattia di Kawasaki, le caratteristiche addominali possono rappresentare una malattia più grave.

Non sono state trovate fecoliti in nessuno dei bambini che richiedono l’appendicectomia, possibilmente a supporto dell’infiammazione o della vasculite come meccanismo patologico.

Laddove le emergenze chirurgiche non sono gestite in collaborazione con i pediatri, i chirurghi dovrebbero familiarizzare con le caratteristiche del MIS-c per facilitare l’identificazione precoce e il rinvio di possibili casi.

L’importanza comprende l’impatto sulla diagnosi dell’appendicite, il recupero postoperatorio e la gestione del coinvolgimento multisistemico, che differenzia questa entità dal decorso regolare dell’appendicite acuta isolata.

La nostra esperienza suggerisce che, come nel caso della malattia di Kawasaki, i pediatri che diagnosticano il MIS-c dovrebbero essere vigili e continuare a valutare attentamente i bambini per le complicanze chirurgiche, tra cui l’appendicite e la perforazione, in particolare se il dolore addominale è parte del disturbo presentato.

L’accesso ad una diagnostica per immagini sofisticata per differenziare l’appendicite dall’ileite terminale può essere limitato in alcuni contesti, ma in caso di dubbio si dovrebbe cercare la diagnostica per immagini più sofisticata disponibile.

La nostra esperienza evidenzia ulteriormente la sospetta associazione tra appendicite acuta, COVID-19, e MIS-c.

Questo dovrebbe sempre essere considerato in particolare nei bambini con appendicite clinica che sono positivi alla PCR per la SARS-CoV-2 al momento della presentazione.

Il case report su The Pediatric Infectious Disease Journal:

Acute_Appendicitis_in_Multisystem_Inflammatory.40

Per approfondire:

Pediatria, sindrome multisistemica infiammatoria associata al COVID. Su The Lancet uno studio sul PIMS-TS

COVID-19, Bambino Gesù: scoperto meccanismo che scatena nei bambini la sindrome infiammatoria multisistemica

Sindrome infiammatoria multisistemica associata a COVID-19 nei bambini in Pakistan: studio su The Lancet

Coronavirus e sindrome post-Covid, l’infettivologo: “Su numerosi pazienti rimangono i segni della malattia”

Read The English Article

Fonte dell’articolo: 

The Pediatric Infectious Disease Journal

I commenti sono chiusi.