Cina, è allarme e dibattito per COVID-19 nel gelato: attenzionati i prodotti alimentari da Tianjin

Gelato e Covid-19, un rapporto sorprendente. In Cina politici e media osservano con attenzione quanto sta accadendo attorno ad un prodotto popolare e inaspettato: il gelato, sorprendente diffusore di COVID-19

Le autorità sanitarie cinesi (non è quindi un’inchiesta giornalistica, ma di natura sanitaria ed epidemiologica) hanno individuato almeno cinque campioni di gelato prodotti nella città di Tianjin, nel nord della Cina, contenenti COVID-19.

Sotto indagine è finito il latte in polvere utilizzato, di provenienza ucraina.

Dei cinque campioni, tre provenivano dalla stessa confezione e due di altra confezione del medesimo lotto.

Cinque campioni, va detto, su oltre 2.800 analizzati del medesimo gelato. Tutto lo stock è stato “richiamato”, cioè individuato e ritirato dagli scaffali.

Covid-19, l’attenzione della Cina per i prodotti alimentari non riguarda solo il gelato

Non è la prima volta che la Cina mette all’indice prodotti, surgelati o meno, di importazione, e nel recente passato ciò ha determinato frizioni con paesi partners commerciali quali per esempio l’Argentina.

Più recentemente è stato deciso un blocco dell’importazione del salmone, dopo casi di Covid-19 nella capitale Pechino.

Ma il dibattito cinese pone anche la questione sul cibo come vettore di coronavirus.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha affermato, tempo addietro, che la possibilità di contrarre il Covid-19 dal cibo congelato è bassa, ma la Cina ha collegato le infezioni al cibo importato.

A novembre, per esempio, un camionista, sempre di Tianjin, è stato infettato da un ceppo di Covid-19 trovato anche sulla carne di maiale importata dal Nord America che aveva maneggiato, secondo le autorità locali.

Il che riconduce ad una seconda forma di contagio, quella non da ingestione dell’alimento ma derivante dal toccarne la confezione e la superficie.

Ma certo il contagio per il latte in polvere “sposta l’asticella” agli ingredienti per la preparazione degli alimenti, e questo inquieta.

La contaminazione Covid-19 del gelato proveniente da Tianjin spiegata dal prof. Han Jie

Dell’argomento si sta occupando Han Jie, professore di scienze ambientali dell’Università cinese Xian Jiaotong.

“La contaminazione delle materie prime del gelato è diversa dalla contaminazione che si è verificata in precedenza durante il trasporto e la vendita al dettaglio di alimenti a catena fredda”, ha detto in una risposta via e-mail.

“I cibi surgelati sono di solito sicuri da mangiare dopo essere stati trattati con alte temperature, come la cottura.

Ma il gelato non verrebbe trattato con le alte temperature.

Se il virus possa infettare le persone attraverso il tratto digestivo nel caso entri nel corpo attraverso il cibo? Per quanto ne so non ci sono ancora prove definitive”.

Han è stato il coautore di una recensione pubblicata sulla rivista Environmental Chemistry Letters in ottobre, che ha esaminato le prove disponibili all’epoca sulla possibilità che Covid-19 possa essere trasmesso attraverso il cibo e ha identificato le aree che necessitano di ulteriori ricerche.

“L’ambiente continuo a bassa temperatura mantenuto attraverso la conservazione e il trasporto di alimenti refrigerati e surgelati può prolungare drasticamente la sopravvivenza di Sars-CoV-2, una caratteristica comunemente osservata su altri coronavirus”, ha detto la recensione.

“Il frequente rilevamento di Sars-CoV-2 nei cibi surgelati suggerisce che non si tratta di incidenti isolati e casuali, ma piuttosto di segni che la contaminazione virale e la trasmissione di origine alimentare possono presentare un rischio sistematico nella pandemia in corso”.

Ricerche precedenti hanno mostrato che il coronavirus è sopravvissuto più a lungo a 4 gradi Celsius (39 gradi Fahrenheit) che a temperature più elevate.

I provvedimenti del governo cinese

Altri coronavirus, tra cui quello che causa la sindrome respiratoria acuta grave (Sars), sono stati trovati a sopravvivere a 4 gradi Celsius per 14 a 49 giorni, a seconda del materiale in cui sono stati conservati, ma la ricerca specifica sulla sopravvivenza di Sars-CoV-2 sulle superfici alimentari era carente, ha detto la revisione.

Il Centro nazionale cinese per la valutazione dei rischi per la sicurezza alimentare ha affermato che le ispezioni casuali hanno dato risultati positivi solo 0,48 volte su 10.000 campioni.

Degli 873.475 campioni di cibo congelato ispezionati casualmente dalla dogana cinese, solo 13 hanno dato risultati positivi per il coronavirus, secondo l’agenzia.

Per cercare di prevenire le infezioni causate da alimenti contaminati, la Cina ha intensificato le capacità di tracciamento.

Una piattaforma di condivisione dei dati è in fase di test per condividere informazioni con i ristoranti sullo stato di elaborazione, vendita al dettaglio e vendita di oltre il 90% degli alimenti surgelati importati dal Paese, secondo l’autorità di regolamentazione del mercato cinese.

La Cina ha incoraggiato i produttori alimentari a tenere dei registri per aiutare la tracciabilità in caso di incidenti legati alla sicurezza alimentare.

Per approfondire:

COVID-19, “76 giorni”: il film che racconta l’orrore e l’eroismo di Wuhan / VIDEO

COVID-19, il team del WHO inizierà l’inchiesta in Cina il 14 gennaio

Fonte dell’articolo:

South China Morning Post

I commenti sono chiusi.