COVID-19 e POTS (sindrome da tachicardia ortostatica posturale): una spiegazione dalla Johns Hopkins

POTS (sindrome da tachicardia ortostatica posturale), connessioni con il coronavirus? COVID-19 non è sempre una malattia “dentro e fuori”: anche chi ne guarisce può portare con sé delle “cicatrici” sul corpo che lo accompagnano per il resto della vita

E’ ormai evidenze scientifiche la Pics e la Ptds, ma anche gli effetti sui normali tempi di gestazione in gravidanza, e su diverse sindromi.

Per approfondire: COVID-19 e gestione dei pazienti sopravvissuti alla terapia intensiva: gli infermieri e la PICS

Un altro collegamento potrebbe esserci tra COVID-19 e POTS, la sindrome da tachicardia ortostatica posturale

La POTS è una condizione che colpisce le funzioni involontarie del sistema nervoso, come la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna, di solito in piedi da una posizione reclinata.

La Johns Hopkins ha un programma dedicato alla POTS, diretto da Tae Chung, M.D., specialista neuromuscolare e medico di riabilitazione.

“I POTS – spiega l’accademico della forse più nota scuola di Medicina al mondo (o comunque nel gotha delle eccellenti) – possono essere scatenati da una varietà di condizioni, tra cui infezioni virali o batteriche.

Alcuni ricercatori ritengono che il coronavirus possa essere un fattore scatenante per i POTS, poiché un numero crescente di persone che si sono riprese da COVID-19 stanno ora sperimentando sintomi simili ai POTS, come nebbia cerebrale, tachicardia (aumento della frequenza cardiaca) e grave stanchezza cronica.

Questa somiglianza nei sintomi ha portato i medici ad iniziare a testare i pazienti per i POTS.

Il sistema nervoso autonomo regola funzioni che non controlliamo consapevolmente, come la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna, la sudorazione e la temperatura corporea.

Il malfunzionamento in una di queste aree può produrre sintomi che possono essere condivisi da numerose condizioni.

I medici che non hanno familiarità con i POTS possono liquidare questi sintomi come effetti persistenti di COVID-19 – o anche sintomi psicologici.

Allo stesso tempo, i POTS possono essere molto debilitanti e richiedono un trattamento specifico, quindi una diagnosi accurata è fondamentale”.

Le persone con casi più gravi di COVID-19 hanno maggiori probabilità di sviluppare i POTS?

“La ricerca in questo settore è ancora in corso.

Finora, ci sono state segnalazioni di persone con sintomi lievi di COVID-19 che sviluppano POTS”.

Sto avendo alcuni sintomi di COVID-19 persistenti. Come faccio a sapere se si tratta di POTS?

“Dovrebbe parlare con il suo medico se ha avuto la COVID-19 e sta avendo dei sintomi persistenti, tra cui:

  • Grave stanchezza
  • Stordimento
  • Nebbia cerebrale
  • Problemi di memoria
  • Traballante
  • Mal di testa
  • Frequenza del polso a picco con attività fisica minima o lieve
  • Nausea cronica e vomito

Il vostro medico cercherà prima di tutto di escludere altre complicazioni.

“Siamo molto attenti a diagnosticare i nostri pazienti con POTS, perché sappiamo che COVID-19 può causare coaguli di sangue o cicatrici nei polmoni, che possono causare sintomi simili ai POTS ma richiederebbero un trattamento molto diverso”, spiega Chung.

In cosa consiste il trattamento per i POTS post-COVID-19?

Ad oggi, non esiste un approccio standard per i pazienti post-COVID con sintomi simili ai POTS, e il trattamento dovrebbe essere personalizzato, in base alla diagnosi.

“Se i POTS sono confermati, in genere iniziamo un’idratazione aggressiva, modifiche dietetiche e alcuni farmaci”, dice Chung.

Alla fine, la terapia fisica è fondamentale, ma spesso ci vogliono mesi prima che i pazienti rispondano al trattamento in modo sufficiente per essere pronti per un regime di terapia fisica.

“Penso che ‘non arrendersi’ sia probabilmente uno dei principi più importanti del trattamento”, spiega Chung.

E se avessi avuto dei POTS prima di ammalarmi di COVID-19? Le mie condizioni peggioreranno?

Come per qualsiasi infezione virale, COVID-19 può temporaneamente peggiorare i sintomi di POTS, il che potrebbe rendere più difficile la guarigione.

Poiché si tratta di una nuova malattia, gli effetti a lungo termine di COVID-19 nei pazienti con POTS non sono ben noti.

“Se avete i POTS e contraete COVID-19, dovreste lavorare con il vostro medico per gestire i sintomi mentre vi riprendete”, dice Chung.

“Questo potrebbe includere un aumento temporaneo del dosaggio di alcuni farmaci, così come gli aggiustamenti dietetici”.

Per approfondire:

Tachicardia ventricolare fascicolare: come si presenta e come comportarsi

Bangladesh, quale impatto di COVID-19 sui neonati nei paesi a medio e basso reddito? Uno studio sui neonati ricoverati al Dhaka Shishu Hospital

Fonte dell’articolo:

Johns Hopkins official website

I commenti sono chiusi.