Ingestione pile a bottone da parte dei bambini: dagli accessi al Pronto Soccorso l'allarme del Gaslini di Genova

Ingestione accidentale di pile a bottone da parte di bambini, un tema che sembra proporsi in modo significativo, ultimamente: desta preoccupazione il ripetersi di accessi al Pronto Soccorso causati da questo tipo di incidente domestico

“Nelle ultime settimane sono arrivati al Pronto Soccorso dell’Istituto Giannina Gaslini quattro casi di ingestione di pila a bottone, uno dei quali con manifestazione di emorragia digestiva, fortunatamente senza complicanze.

Con i nostri  specialisti, anche alla luce di un protocollo multidisciplinare condiviso, abbiamo deciso di richiamare ancora una volta l’attenzione dei genitori sulla prevenzione di questo tipo di grave incidente, dagli esiti potenzialmente mortali” spiega Raffaele Spiazzi, Direttore Sanitario dell’ospedale Gaslini.

Per approfondire: Principi di Rianimazione Pediatrica: quali manovre rianimatorie in soffocamento o arresto cardiaco?

I 4 casi di ingestione di pile a bottone da parte di bambini del Gaslini

“Nei 4 casi di ingestione di pila a bottone, la risposta dei genitori è avvenuta in tempi diversi e con prognosi potenziale molto diversa.

In uno dei casi la bimba era stata portata dai genitori presso uno dei Pronto Soccorso della Regione, trascorsi diversi giorni dall’ingestione della pila, in seguito all’evacuazione della pila insieme a feci nere, segno di sanguinamento digestivo alto (esofago, stomaco e duodeno).

In questo caso ha funzionato molto bene la collaborazione tra le strutture del territorio ed il Gaslini: è stato applicato il protocollo condiviso e consolidato a livello italiano ed internazionale.

Esso prevede l’invio del bambino all’hub pediatrico e l’attivazione immediata di tutti gli specialisti: radiologo, cardiochirurgo e anestesista, gastroenterologo mentre il bambino è ancora in viaggio, per pianificare immediatamente dopo l’arrivo in Pronto Soccorso tutte le misure da prendere, in un ambito clinico, dove è vitale essere tempestivi.

Cosa prevede il protocollo in caso di ingestione accidentale di pile a bottone da parte di bambini?

Il protocollo prevede, tra le altre cose, di sottoporre il bambino ad una immediata angiografia TC con contrasto, per valutare la presenza della complicanza più temibile dell’ingestione di una pila a bottone, rappresentata dalla fistola aorto-esofagea” racconta Paolo Gandullia direttore dell’UOC Gastroenterologia del Gaslini.

Nel recente caso della bambina arrivata al Gaslini nel periodo natalizio, fortunatamente questo tipo di esame ha dato esito negativo per fistola, è stata eseguita la gastroscopia per la ricerca di altre lesioni emorragiche meno gravi, con esito anche in questo caso negativo.

La bimba è stata tenuta in osservazione una settimana e dimessa dopo aver fornito ai genitori una approfondita informativa su questo tipo di incidente domestico.

“Considerata la nota ed elevata mortalità correlata a questo incidente domestico è nostro dovere riportare l’attenzione su quello che in letteratura pediatrica viene chiamato “il killer silenzioso” avverte il dottor Gandullia.

“L’ingestione di corpi estranei nel bambino piccolo rappresenta un pericolo reale e un frequente motivo di accesso al Pronto Soccorso.

Esistono corpi estranei particolarmente pericolosi e dannosi per le strutture interne dell’organismo: in particolare le pile a bottone, alcaline o al litio.

Si tratta di  dischi metallici delle dimensioni di un bottone o di una piccola moneta che si trovano nei giocattoli, oltre che in una serie di strumenti di uso quotidiano come orologi, sveglie, apparecchi acustici, telecomandi, etc.

La loro azione lesiva avviene per il corto circuito tra polo positivo e negativo, soprattutto nei segmenti digestivi a stretto contatto con le mucose ed in particolare nell’esofago dove le lesioni ulcerative possono essere potenzialmente presenti  già dopo 2 ore dall’ingestione.

Pertanto l’ingestione di una pila a bottone, specie se avviene lontano dagli occhi di chi accudisce i bambini,  può provocare sanguinamenti intestinali, dolore toracico o dorsale, improvviso rifiuto del cibo, vomito, scialorrea, tosse e sintomi respiratori” spiega Emanuela Piccotti, direttore del Pronto Soccorso del Gaslini.

GENITORI, FATE ATTENZIONE ALLE PILE A BOTTONE! ECCO LE REGOLE DI PREVENZIONE PER I VOSTRI BAMBINI

Seguite questi importanti consigli di prevenzione PRIMARIA facendo in  modo che l’incidente NON avvenga:

  • Non permettete ai bambini piccoli di giocare o toccare oggetti che contengono pile.
  • Fate attenzione se bambini di età pre-scolare giocano con tali oggetti.
  • Assicuratevi che i giocattoli o gli oggetti per adulti abbiano un vano chiuso ermeticamente.
  • Non fate “scorta” di tali pile in quanto è difficile tenerle tutte in posti sicuri per i bambini.
  • Quando sostituite le pile “ esaurite”, smaltitele negli appositi contenitori senza lasciarle incustodite

Se anche solo sospettate che il vostro bambino abbia ingerito una pila a bottone recatevi immediatamente al Pronto Soccorso o, se impossibilitati, chiamate il 112/118.

Per approfondire:

Sant’Orsola, cisti sulle corde vocali: laser e microscopio per salvare neonato di 5 giorni dal soffocamento

Soffocamento: cosa fare nei 5-6 minuti che abbiamo a disposizione

Trasporto aereo urgente, bimba di appena sette mesi da Sassari al Gaslini di Genova: ambulanza 118 e Aeronautica cruciali

Medevac per un bambino di 18 mesi: dalla terapia intensiva di Skopje, in Macedonia, a quella del Gaslini di Genova

Fonte dell’articolo:

Sito ufficiale Gaslini

I commenti sono chiusi.