Nigeria, la necessità di rispondere ad un'epidemia di febbre gialla nel mezzo della pandemia COVID-19

Nigeria alle prese con un’epidemia di febbre gialla. All’inizio di novembre 2020 sono stati segnalati campioni positivi per la febbre gialla provenienti da cinque stati nigeriani.

La Nigeria è un Paese ad alto rischio per la febbre gialla ed è un Paese prioritario per la strategia globale di eliminazione delle epidemie di febbre gialla (EYE).

La riemersione del virus nel settembre 2017 è stata caratterizzata da focolai in tutto il Paese.

La nazione ha fatto grandi passi avanti verso il rafforzamento della protezione contro la febbre gialla e dal 2017 ha vaccinato circa 70 milioni di persone attraverso attività reattive e preventive.

Tuttavia, con gli sforzi di risposta di COVID-19 in corso, il sistema sanitario e le risorse umane del Paese sono messi a dura prova, rendendo la risposta una sfida.

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) sta sostenendo la Nigeria per rispondere all’epidemia da febbre gialla

Al 3 dicembre e dall’inizio dell’epidemia, il Centro per il controllo delle malattie del Paese ha segnalato un totale di 530 casi sospetti e 48 casi confermati, con 172 decessi tra i casi sospetti, nei cinque Stati colpiti.

Sono in corso test a campione presso i laboratori nazionali di riferimento del Paese.

La febbre gialla è causata da un virus che si è diffuso attraverso la puntura di zanzare infette delle specie Aedes e Haemogogogus

Il tipo di punture di zanzara Aedes aegypti durante il giorno. Le persone infette possono sviluppare sintomi gravi, tra cui febbre alta, perdita di appetito, nausea, dolori muscolari, mal di testa, convulsioni e itterizia.

Alcuni muoiono per le complicazioni di emorragie interne e di insufficienza di organi.

Con l’insorgenza dell’attuale epidemia, epidemiologi e altri professionisti della salute sono stati dispiegati in ciascuno degli stati colpiti.

L’indagine sull’epidemia è in corso attraverso le squadre di risposta rapida (RRT) sotto il coordinamento dei rispettivi Ministeri della Sanità dello Stato.

I lavoratori di alcuni ospedali selezionati in ciascuno dei cinque stati colpiti sono stati formati e forniti di forniture per il trattamento dei pazienti affetti da febbre gialla.

La dottoressa Onyinye Emefiene, funzionaria della sorveglianza nazionale dell’OMS/coordinatrice statale, sta guidando una delle squadre di risposta all’epidemia nello Stato del Delta.

“Quando ho avuto notizia dell’epidemia, la prima risposta è stata quella di partire immediatamente con il Rapid Response Team per investigare l’epidemia molto presto il sabato mattina”, ha detto la dottoressa Emefiene.

“Da allora, è stata una maratona per assicurare che la ricerca attiva dei casi sospetti sia fatta, che i casi siano gestiti in modo appropriato e che la vaccinazione reattiva sia iniziata.

Anche se la vaccinazione con reagente nelle aree colpite si è conclusa, la battaglia continua a contenere e controllare le epidemie di febbre gialla nello Stato del Delta e oltre, rafforzando il nostro sistema di sorveglianza e fornendo potenti vaccini a tutte le persone idonee dello Stato”.

Una campagna accelerata di vaccinazione preventiva di massa contro la febbre gialla è iniziata nelle altre aree del governo locale nello Stato del Delta la prima settimana di dicembre 2020.

Nel frattempo, nelle comunità colpite è in corso una campagna di sensibilizzazione per evitare le punture di zanzare durante il giorno, per mantenere pulito l’ambiente domestico e per ripulire le aree di allevamento delle zanzare.

L’infezione da virus della febbre gialla è facilmente prevenuta da un vaccino che fornisce immunità per tutta la vita

Le grandi epidemie di febbre gialla si verificano quando le persone infette introducono il virus in aree densamente popolate con un’alta densità di zanzare e una bassa copertura per il vaccino contro la febbre gialla.

Nello Stato del Delta, ad esempio, tutti i casi non hanno precedenti di vaccinazione contro la febbre gialla, compresi i bambini di un anno.

Contemporaneamente all’epidemia, gli sforzi di risposta di COVID-19 in Nigeria hanno richiesto una quantità straordinaria di tempo e risorse al sistema sanitario del Paese, mentre blocchi, restrizioni di viaggio e altre attenuazioni per rallentare la diffusione hanno gravemente interrotto l’accesso ai servizi sanitari essenziali.

Le autorità nazionali e statali sono attualmente concentrate sulla risposta alla pandemia COVID-19, limitando le risorse umane necessarie per condurre indagini e attività di risposta alle epidemie di febbre gialla.

La relativa vicinanza degli stati di Delta, Enugu, Benue ed Ebonyi con Lagos è un’ulteriore preoccupazione perché l’introduzione di epidemie di febbre gialla in ambiente urbano con un’ampia popolazione non vaccinata può portare a una rapida amplificazione con conseguenti gravi impatti.

I movimenti di popolazione che potrebbero contribuire alla diffusione del virus potrebbero essere stati ridotti nel contesto di COVID-19.

Tuttavia, mancano dati al riguardo e il rischio di diffusione dovrebbe essere monitorato.

Parlando dell’epidemia, il dottor Walter Kazadi Mulombo, rappresentante dell’OMS in Nigeria, afferma che il paese è uno dei paesi ad alta priorità nell’attuazione della strategia di eliminazione delle epidemie di febbre gialla (EYE).

Lanciata nel 2017, la strategia coinvolge più di 50 partner a sostegno di 40 Paesi a rischio in Africa e nelle Americhe per prevenire, individuare e rispondere ai casi e alle epidemie di febbre gialla.

Il partenariato mira a proteggere le popolazioni a rischio, a prevenire la diffusione internazionale del virus e a contenere rapidamente le epidemie di febbre gialla

Attraverso il lavoro intrapreso nell’ambito di questa strategia, entro il 2026 si prevede che più di un miliardo di persone saranno protette dalla malattia.

Questa strategia è guidata dall’OMS, da Gavi, dall’Alleanza per il vaccino e dal Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF).

Quest’anno sono state pianificate campagne di vaccinazione proattive per la maggior parte degli stati a rischio in Nigeria, incluso il Delta.

In totale, oltre 31 milioni di persone saranno protette.

“Come parte della strategia EYE, la Nigeria ha sviluppato un piano strategico decennale per l’eliminazione delle epidemie di febbre gialla.

Attraverso questa strategia, il Paese prevede di vaccinare almeno l’80% della popolazione target in tutti gli Stati entro il 2026”, ha detto il dottor Mulombo.

Trentaquattro paesi in Africa e 13 paesi nelle Americhe sono endemici per la febbre gialla o hanno regioni endemiche per la febbre gialla.

L’individuazione tempestiva della febbre gialla e la risposta rapida attraverso campagne di vaccinazione reattiva sono essenziali per il controllo delle epidemie.

Tuttavia, la mancata denuncia è una fonte di preoccupazione – il numero reale di casi è stimato essere da 10 a 250 volte superiore a quello che viene ora segnalato.

Per approfondire:

Diventare infermieri in Nigeria: percorso formativo e prospettive lavorative di una delle professioni più nobili nel paese africano

Nigeria, quali sono le barelle più usate e perché

Salute materno-infantile, in Nigeria una donna ogni ventidue perde la vita durante la gravidanza o per l’evento parto

Read The English Article

Nigeria, Medici Senza Frontiere nella lunga stagione della malaria a Borno

World Mosquito Day: 725mila persone l’anno, è la zanzara il peggior killer

Chikungunya a Roma: cosa sapere e perché andare a donare sangue è molto importante, adesso

Fonte dell’articolo:

Sito ufficiale WHO Africa

I commenti sono chiusi.