Novax da Covid-19: sintetizzati i vaccini, lo Stato potrà renderli obbligatori?

Il Covid-19 sta ponendo agli italiani nuovi quesiti, soprattutto in materia di libertà individuali.

Le polemiche relative all’app Immuni hanno riguardato soprattutto la privacy, ma è indubbio che più in generale è quello della libertà individuale, il tema che più di altri ha imposto la pandemia da coronavirus.

Libertà di spostamento, libertà dai dispositivi di protezione individuale, libertà di aggregazione e socialità, e via con un lungo elenco.

Tanti, tutti verrebbe da scrivere, attendono la scoperta di un vaccino, che pare arriverà nella primavera del 2021.

Anzi, è più corretto usare il plurale. Le case farmaceutiche all’opera, infatti, sono innumerevoli e non è ipotizzabile sarà sintetizzato un solo vaccino, quanto piuttosto vaccini differenti risultati ciascuno da approcci diversi al problema.

E questo aprirebbe ad una domanda: lo Stato potrà imporli ai propri cittadini?

Nell’ipotesi, tutt’altro che remota, di una componente “covid novax”, potrebbe il governo imporre sanzioni o preclusioni a chi rifiutasse di vaccinarsi? Avrà esso gli strumenti legislativi per costringere anche i più recalcitranti alla vaccinazione?

I VACCINI OBBLIGATORI IN ITALIA:

Nel nostro paese la vaccinazione è obbligatoria solo per i bambini, ai quali viene somministrata per una decina di malattie. In coda all’articolo, il testo della legge più recente, del 2017.

Alle vaccinazioni si associano i richiami. Il genitore (o il tutore di un minore) che non assolvesse agli obblighi previsti dalla legge, sarebbe soggetto a multe e precluderebbe al minore stesso la frequentazione del ciclo scolastico dell’infanzia.

I VACCINI PER GLI ADULTI:

Riassunto lo spirito della Legge n. 119/2017 del 31.07.2017 , che riguarda per l’appunto i bambini, resta aperta la domanda relativa agli adulti.

Allo stato attuale esistono solo vaccinazioni raccomandate, non obbligatorie.

Un quadro normativo che è figlio di uno spirito costituzionale “pre-Covid”: da molti decenni il mondo occidentale non si confrontava con un’epidemia tanto aggressiva e letale, e questo si è riflesso nella legislazione.

E’ proprio la nostra Costituzione, articolo 32, a ricordarci che a nessuno può essere imposto un trattamento sanitario, se non per disposizione di legge.

Il che sposterebbe per inciso il cerino nelle mani del governo, chiamato a far votare dal Parlamento una legge che imponga la somministrazione del vaccino anche contro la volontà del singolo.

VACCINI COVID-19 PER LEGGE:

L’ipotesi precedente, ancorché percorribile ma non semplice da applicare, avrebbe il sapore e l’odore dell’autoritarismo, è indubbio.

Su un piano legale e formale si tratterebbe de facto di un trattamento sanitario obbligatorio, del tutto simile a quello applicato ai soggetti con fragilità psichiatrica che possono costituire un pericolo per sé e per gli altri.

A sostenere un percorso di questo tipo sarebbe quindi un valore superiore, quello della sacralità della salute pubblica.

In subordine lo Stato potrebbe adottare una linea più morbida, simile a quella già esistente per i vaccini obbligatori dei bambini, da considerarsi dei trattamenti sanitari non coattivi, cioé non coercibili fisicamente: sanzioni economiche e limitazioni da stabilire per chi rifiuterà di sottoporsi al vaccino da Covid-19.

VACCINI COVID-19 E RITORNO ALLA NORMALITÀ:

Quale dei due ipotetici scenari si prefigurerà? E’ complicato, a dirsi: la comunità scientifica è già oggi molto divisa, riferendosi all’efficacia di un futuro vaccino.

E non stiamo alludendo a questo o quel virologo opinionista televisivo, bensì ad organismi istituzionali forti come l’Istituto Superiore di Sanità, l’Agenzia Europea del Farmaco e vari enti espressione dell’ONU.

Un qualsiasi avvocato difensore di cittadino refrattario al vaccinarsi avrebbe fonti autorevoli da citare nelle proprie istanze e nelle fasi dibattimentali.

Sarà quindi un 2021 interessante, da osservare con attenzione, quello che si propone: ci racconterà quanto abbiamo appreso da questo periodo così tragico e imprevisto.

L’epidemia da Covid-19 ha ridefinito tutta una serie di termini, quali lavoro, socialità, e…libertà. E’ un dato di fatto.

PER APPROFONDIRE:

LEGGE SUI VACCINI, UN TESTO E MILLE POLEMICHE

APP IMMUNI, ARCURI: DATI PERSONALI CANCELLATI IL 31 DICEMBRE

CORONAVIRUS, COME SI DIFFERENZIA UNA MASCHERINA DA GETTARE NEI RIFIUTI?

PLASMA IPERIMMUNE, AL VIA AL COTUGNO DI NAPOLI IL RECLUTAMENTO DEI DONATORI

L’ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ: IMPENSABILE UN RITORNO ALLA NORMALITÀ PRIMA DEL VACCINO

VACCINO CORONAVIRUS, OMS E ONU LANCIANO UN’ALLEANZA INTERNAZIONALE

VACCINO, JOHNSON & JOHNSON AL LAVORO: RISULTATI ENTRO CAPODANNO

CASE HISTORY DA RICORDARE: LA MENINGITE IN TOSCANA DI POCHI ANNI FA

VACCINAZIONI E REAZIONE AVVERSA: COSA SUCCEDE SE SI FA IL VACCINO CON LA FEBBRE?

A PROPOSITO DI VACCINAZIONI E BAMBINI: LA SCARLATTINA

CENTRO VACCINI A PARMA: UN SONDAGGIO CHE HA AIUTATO A CAPIRE LA PAURA DI VACCINARSI

I VACCINI FANNO DIVENTARE AUTISTI SOCCORRITORI: ECCO QUANDO E PERCHÉ VACCINARSI PER IL 118

VACCINO ANTIDIFTERICO, PER NON DIMENTICARE: L’EMERGENZA IN SPAGNA POCHI ANNI FA

I commenti sono chiusi.