Autismo, il test dell'udito neonatale può migliorare la diagnosi precoce: ricerca della Harvard Medical School

Pediatria, una interessante ricerca della Harvard Medical School in tema di autismo.

Il disturbo dello spettro autistico comprende una serie di condizioni complesse di sviluppo neurologico che tipicamente emergono nei primi anni di vita.

Condizioni, sia detto per inciso, da sempre piuttosto complesse da individuare.

Il problema è che quanto più precoce è la diagnosi di autismo quanto più efficace è l’intervento sul bambino.

Autismo, la ricerca condotta da Harvard Medical School su udito neonatale

Una ricerca condotta dai ricercatori della Harvard Medical School e condotta in collaborazione con i colleghi dell’Università di Miami suggerisce che un test dell’udito relativamente semplice – già utilizzato nei neonati di tutto il mondo – potrebbe migliorare gli sforzi di screening.

Lo studio, pubblicato su Autism Research, mostra che i neonati con punteggi anomali nei loro risultati uditivi sono a maggior rischio per una diagnosi successiva con un disturbo dello spettro autistico.

“La ricerca ha dimostrato che se potessimo rilevare l’autismo e iniziare a trattarlo all’età di 2 anni invece di 4, potremmo migliorare drasticamente i risultati tra i bambini con la condizione,” ha detto l’autore principale dello studio Oren Miron, un ex collaboratore di ricerca in informatica biomedica presso l’Istituto Blavatnik presso HMS, che ora sta perseguendo un dottorato di ricerca presso la Ben-Gurion University del Negev.

“I test dell’udito per neonati somministrati universalmente potrebbero rappresentare un’opportunità non sfruttata per aumentare gli sforzi di screening e migliorare la diagnosi precoce, e speriamo che il nostro lavoro possa porre le basi per farlo”.

I ricercatori sottolineano che il test non è ancora pronto per l’uso clinico e il loro lavoro deve essere riaffermato in studi successivi.

Il test misura quanto bene l’orecchio interno e il cervello di un neonato rispondono ai suoni quando il bambino è esposto a una serie di scatti.

Bambini con risultati del test su udito anomali a rischio autismo

I neonati con punteggi anomali sono considerati ad alto rischio di perdita dell’udito e di altri disturbi dell’udito e vengono sottoposti a ulteriori test.

Per la sua ricerca, Miron, i colleghi della HMS e ricercatori dell’Università di Miami hanno analizzato i dati dei test dell’udito dei neonati somministrati a quasi 140.000 neonati nati in Florida tra il 2009 e il 2015.

Poi, hanno confrontato i dati dei test dell’udito con i dati del Dipartimento dell’Istruzione della Florida per cercare casi di disturbo dello spettro autistico.

L’analisi ha mostrato che 321 dei 140.000 neonati sono stati successivamente diagnosticati come autistici.

L’analisi ha inoltre rivelato che i bambini che hanno continuato ad essere diagnosticati con disturbo dello spettro autistico avevano test dell’udito anormali: il loro cervello ha rilevato suoni con ritardo.

Zak Kohane di HMS è stato il ricercatore senior dello studio.

Kun-Hsing Yu di HMS è stato co-autore dello studio.

Altri autori sono Christine Delgado, Elizabeth Simpson, Anibal Gutierrez, Guangyu Zeng e Rafael Delgado dell’Università di Miami e Jillian Gerstenberger del Pediatrix Medical Group di MEDNAX.

aur.2422

Per approfondire:

Autismo e polizia, studio Drexel University: fermo per un adolescente autistico su cinque e in manette 5%

Microbiota e autismo, correlazione e studi scientifici

Autismo e la dipendenza inaspettata: disturbi dello spettro autistico e uso di sostanze

Fonte dell’articolo:

Harvard Medical School official website

I commenti sono chiusi.