COVID-19 e scuole in Europa: l'OMS si congratula con l'Italia ma avverte "non esiste rischio zero"

Scuole e COVID-19. L’incontro di qualche giorno fa tra la sezione Europea dell’OMS e il Ministero della Salute Italiano ha aperto la strada a un dialogo tra gli Stati membri su come le scuole europee possono insegnare la ripresa sulla scia del coronavirus.

“Le nostre azioni devono essere mirate al virus e non ai bambini. Non possiamo chiedere ai nostri bambini di premere il pulsante di pausa sulla loro vita. Questo è ciò che il Dr Hans Henri P. Kluge, direttore regionale dell’OMS per l’Europa ha detto in apertura della discussione su come gestire al meglio questa transizione nelle scuole in tempo di COVID-19.

Scuole e COVID-19: l’obiettivo dell’OMS e l’impegno dell’Italia

I bambini e gli adolescenti non devono essere lasciati indietro, e le loro esigenze di sviluppo, fisiche, mentali, emotive e sociali devono essere soddisfatte per evitare che diventino vittime nascoste della pandemia, ha sottolineato il dottor Kluge. Ha poi affermato che l’OMS mira a sostenere la leadership delle autorità sanitarie, riconoscendo al tempo stesso le preoccupazioni dei genitori e dei bambini e proteggendo i diritti costituzionali alla salute e all’istruzione per tutti i cittadini.

Il fatto che 1,6 miliardi di bambini in tutto il mondo stiano perdendo tempo a scuola è una catastrofe generazionale, e sono necessari sistemi più resistenti per mitigare l’impatto a lungo termine sulla salute dei bambini. Ringraziando l’OMS Europa per aver guidato il dibattito su questo tema cruciale, il Ministro della Sanità italiano, Roberto Speranza, ha proposto di sostenere il processo attraverso un regolare incontro di esperti per aiutare a far emergere i fatti, analizzare le prove e proteggere meglio i bambini, le loro famiglie e le comunità.

Scuole e COVID-19: non esiste rischio zero. Ecco i possibili scenari di trasmissione e misure di mitigazione

Sulla ripresa delle scuole in tempo di COVID-19, è stato ben accolto il suggerimento del Ministro italiano dall’OMS Europa, che ha proposto un quadro di sostegno ai Paesi che intervengono per rendere sicura la scolarizzazione. Inoltre, l’OMS Europa si è impegnata a fornire una piattaforma per gli Stati membri e i partner per condividere le esperienze, avvisarsi a vicenda e seguire misure di adattamento, se necessario.

Il quadro di riferimento dell’OMS descrive una serie di scenari di trasmissione, oltre a misure di mitigazione che potrebbero essere prese in considerazione in ogni caso. I consigli includono cosa fare se non vengono segnalati casi nelle comunità e come le misure dovrebbero essere intensificate se compaiono casi sporadici o portano a cluster di infezioni o a trasmissione nella comunità.

Si suggerisce un approccio graduale con una serie di interventi personali, amministrativi e ambientali, tra cui il regolare lavaggio delle mani, il distanziamento sociale e la garanzia di un’adeguata aerazione degli ambienti e maschere, e la fornitura di soluzioni su misura per i bambini con disabilità, senza stigmatizzazione.

L’OMS ha sottolineato che non c’è stato un approccio a rischio zero per la scuola durante la pandemia, e quindi è importante non dare la colpa alle scuole nel caso si verifichino infezioni. È invece necessario prepararsi, pianificare e reagire in modo appropriato, garantendo al contempo che la chiusura delle scuole sia utilizzata come ultima risorsa.

 

COVID-19: la resilienza nelle scuole. Il sistema deve ascoltare i ragazzi

Rendere i sistemi più resilienti significa sentire la voce dei bambini quando si discute della definizione delle politiche. In un recente sondaggio, i giovani hanno segnalato il desiderio di vedere meno stigmatizzazione intorno ai problemi di salute mentale e un migliore supporto psicologico nelle scuole, evidenziando la necessità di dare priorità al più ampio impatto emotivo della pandemia quando si ricostruisce.

Il ruolo dei bambini come membri delle famiglie e di comunità più ampie è stato assunto dal dottor Kluge, che ha detto: “Dobbiamo sollevarli in modo che possano sollevarci. I bambini sono ambasciatori del futuro dell’umanità”. Come tali, i bambini e i giovani vulnerabili sono stati al centro delle discussioni, dove si è notato che i bambini in famiglie violente e le ragazze a rischio di matrimonio forzato e di violenza di genere hanno meno probabilità di tornare a scuola.

Dal Consigliere Regionale per l’educazione UNICEF, Parmosivea Bobby Soobrayan ha sottolineato il ruolo protettivo delle scuole nella società, affermando che le scuole devono recuperare l’apprendimento perduto e garantire il reinserimento di tutti i bambini.

Il monitoraggio delle infezioni da COVID-19 nelle scuole, nelle famiglie e nelle comunità, e la sua corrispondenza con le misure sanitarie e sociali attuate a livello locale, fornirebbe i dati necessari per guidare politiche sensate.

Tenendo questo incontro e ponendo la questione della scolarizzazione durante la pandemia COVID-19 in cima alla sua agenda, l’OMS Europa ha dimostrato il suo impegno nei confronti dei bambini e degli adolescenti e non lasciando nessuno indietro mentre il mondo continua ad affrontare il COVID-19.

 

LEGGI L’ARTICOLO IN INGLESE

 

SCUOLE E COVID-19 – PER APPROFONDIRE

Riapertura scuole, in Emilia-Romagna test sierologico per 25mila: solo due positivi

Riapertura delle scuole, da Istituto Superiore Sanità FAD per Medici di Medicina generale e Pediatri

Riapertura delle scuole: nel Lazio test COVID-19 a campione sugli studenti

Riapertura delle scuole in Europa, gli infermieri FNOPI: puntare sull’infermiere scolastico

 

FONTE DELL’ARTICOLO

WHO EUROPA SITO UFFICIALE

 

 

I commenti sono chiusi.