COVID-19 ed operatori sanitari: l'Università dello Utah pubblica studio su problemi di salute mentale di chi soccorre e cura

Problemi di salute mentale tra chi soccorre e cura: COVID-19 ha avuto un impatto impressionante sul carico di stress sia fisico che psicologico degli operatori sanitari coinvolti

Tralasciando le moltissime vittime mietute, contagiati durante la cura del paziente malato di SARS-CoV-2, per tanti operatori sanitari sono divenuti purtroppo familiari termini come burnout, defusing ed altri.

E molti patiscono evidenti problemi di salute mentale.

Un nuovo studio, condotto da scienziati della University of Utah Health, conferma che più della metà dei medici, degli infermieri e dei soccorritori coinvolti nella cura di COVID-19 potrebbero essere a rischio per uno o più problemi di salute mentale, tra cui lo stress traumatico acuto, la depressione, l’ansia, l’uso problematico di alcol e l’insonnia.

I ricercatori hanno scoperto che il rischio di queste condizioni di salute mentale era paragonabile ai tassi osservati durante i disastri naturali, come l’11 settembre e l’uragano Katrina.

Salute mentale di operatori sanitari in COVID-19: lo studio è apparso sul Journal of Psychiatric Research.

Oltre agli scienziati della University of Utah Health, tra i collaboratori vi sono ricercatori dell’Università dell’Arkansas per le scienze mediche, dell’Università del Colorado, Colorado Springs, del Central Arkansas VA Health Care System, del Salt Lake City VA Healthcare System e del National Institute for Human Resilience.

I ricercatori hanno intervistato 571 operatori sanitari, tra cui 473 soccorritori (vigili del fuoco, polizia, paramedici) e 98 operatori ospedalieri (medici, infermieri), nella Mountain West tra il 1° aprile e il 7 maggio 2020.

Complessivamente, il 56% degli intervistati è risultato positivo ad almeno un disturbo mentale.

La prevalenza per ogni specifico disturbo variava dal 15% al 30% degli intervistati, con un consumo problematico di alcol, insonnia e depressione in cima alla lista.

“I fornitori di servizi di prima linea sono esausti, non solo per l’impatto della pandemia in sé, ma anche in termini di gestione quotidiana”, dice Charles C. Benight, Ph.D., coautore dello studio e professore di psicologia presso l’Università del Colorado, Colorado Springs.

“Stanno cercando di assicurarsi che le loro famiglie siano al sicuro [e] sono frustrati per non avere la pandemia sotto controllo.

Queste cose creano quel tipo di burnout, traumi e stress che portano alle sfide per la salute mentale che stiamo vedendo tra questi assistenti”.

In particolare, gli scienziati hanno scoperto che gli operatori sanitari che sono stati esposti al virus o che erano a maggior rischio di infezione perché immunocompromessi avevano un rischio significativamente maggiore di stress traumatico acuto, ansia e depressione.

I ricercatori suggeriscono che identificare questi individui e offrire loro ruoli alternativi potrebbe ridurre l’ansia, la paura e il senso di impotenza associato all’infezione.

COVID-19, quando i problemi di salute mentale si trasformano in uso di alcol

L’abuso di alcol è stata un’altra area di preoccupazione.

Circa il 36% degli operatori sanitari ha segnalato un uso rischioso di alcol. In confronto, le stime suggeriscono che meno del 21% dei medici e del 23% dei soccorritori abusano di alcol in circostanze tipiche.

Secondo i ricercatori, i caregiver che hanno fornito assistenza diretta ai pazienti o che erano in posizioni di supervisione erano i più a rischio.

Essi affermano che offrire a questi lavoratori un’educazione preventiva e un trattamento per l’abuso di alcol è di vitale importanza.

Tra i limiti dello studio ci sono le dimensioni ridotte del campione.

È stato anche condotto all’inizio della pandemia in una regione che non era così colpita dalla malattia come altre aree con tassi di infezione e di mortalità più elevati.

Andando avanti, i ricercatori sono nelle fasi finali di uno studio simile, ma più ampio, condotto alla fine del 2020, che si spera si baserà su questi risultati.

“Questa pandemia, per quanto orribile, ci offre l’opportunità di comprendere meglio lo straordinario stress mentale e le tensioni che gli operatori sanitari stanno affrontando in questo momento”, dice Smith.

“Con questa comprensione, forse possiamo sviluppare modi per mitigare questi problemi e aiutare gli operatori sanitari e i soccorritori ad affrontare meglio questo tipo di sfide in futuro”.

Per approfondire:

Noi soccorritori e operatori sanitari: impariamo le emozioni

Università dello Utah e COVID-19: in che modo un DPI riutilizzabile può fare la differenza negli ospedali?

Fonte:

Università dello Utah Health

Wright, H.M., et al. (2020) Rischio per la salute mentale legato alla pandemia tra il personale di prima linea. Journal of Psychiatric Research. doi.org/10.1016/j.j.jpsychires.2020.10.045.

I commenti sono chiusi.