COVID-19, un metodo per predire la necessità di intubazione del paziente utilizzando DNA mitocondriale nel sangue

COVID-19, dall’analisi del DNA mitocondriale un protocollo che può far predire il bisogno di intubazione un paziente con largo anticipo: questo migliorerebbe decisamente le probabilità di sopravvivenza al terribile coronavirus

Il DNA mitocondriale nel sangue come elemento per predire l’evoluzione di COVID-19? Lo studio della Washington University School of Medicine di St. Louis

Un nuovo studio della Washington University School of Medicine di St. Louis suggerisce che la misurazione del DNA mitocondriale nel sangue dei pazienti con COVID-19 può aiutare a prevedere quali pazienti sono a più alto rischio di malattia grave, che richiede cure più intensive.

Ne consegue che un esame rapido del sangue, che misuri il DNA mitocondriale, può prevedere in maniera adeguata, l’accesso alle terapie intensive.

I livelli di DNA mitocondriale, infatti, sono una misura del danno tissutale.

Una combinazione di livelli di DNA mitocondriale, età del paziente e condizioni cliniche preesistenti può essere la panacea per un efficace schema predittivo.

E questo può avere conseguenze dirette e positive sulla gestione del reparto di Terapia Intensiva di ogni ospedale.

Lo studio, pubblicato il 14 gennaio su JCI Insight, ha coinvolto quasi 100 pazienti appena ricoverati in ospedale con COVID-19.

COVID-19 e DNA mitocondriale: una correlazione spiegata dai ricercatori

“I medici hanno bisogno di strumenti migliori per valutare lo stato dei pazienti COVID-19 il più presto possibile perché molti dei trattamenti – come gli anticorpi monoclonali – sono a corto di scorte, e sappiamo che alcuni pazienti miglioreranno senza trattamenti intensivi”, ha detto il co-senior autore Andrew E. Gelman, PhD, la Jacqueline G. e William E. Maritz Endowed Chair in Immunologia e Oncologia nel Dipartimento di Chirurgia.

“Ci sono ancora molte cose che non capiamo di questa malattia”, ha aggiunto.

“In particolare, dobbiamo capire perché alcuni pazienti, indipendentemente dalla loro età o dal loro stato di salute in alcuni casi, entrano in questa spirale di morte iperinfiammatoria.

Il nostro studio suggerisce che il danno tissutale può essere una delle cause di questa spirale, poiché il DNA mitocondriale che viene rilasciato è esso stesso una molecola infiammatoria”.

I ricercatori hanno affermato che il test potrebbe servire come un modo per prevedere la gravità della malattia, nonché uno strumento per progettare meglio gli studi clinici, identificando i pazienti che potrebbero, ad esempio, beneficiare di specifici trattamenti sperimentali.

A Verona, il primo corso di “Procedure Anatomiche di Emergenza Sanitaria – #Cadaver Lab” | Emergency Live 4

Sul ruolo del DNA mitocondriale nel sangue rispetto all’intubazione di pazienti COVID-19 servono approfondimenti

Hanno anche aggiunto che vorrebbero valutare se il test potrebbe servire come un modo per monitorare l’efficacia delle nuove terapie.

Presumibilmente, trattamenti efficaci ridurrebbero i livelli di DNA mitocondriale.

“Avremo bisogno di prove più ampie per verificare ciò che abbiamo trovato in questo studio, ma se potessimo determinare nelle prime 24 ore del ricovero se un paziente ha probabilmente bisogno di dialisi o di intubazione o di farmaci per mantenere la pressione sanguigna troppo bassa, questo cambierebbe il modo in cui smistiamo il paziente, e potrebbe cambiare il modo in cui li gestiamo molto prima nel corso della malattia”, ha detto il co-senior autore Hrishikesh S. Kulkarni, MD, un assistente professore di medicina.

Prima di poter richiedere l’approvazione della Food and Drug Administration (FDA), gli scienziati dovranno verificare che il test sia accurato in un trial multicentrico più ampio. Hanno in programma di espandere la ricerca ad altri siti.

Lo studio ha utilizzato campioni ottenuti dal biorepository COVID-19 della School of Medicine, che è stato sviluppato dai co-autori Jane O’Halloran, MD, PhD, un assistente professore di medicina; Charles Goss, PhD, un istruttore di biostatistica; e Phillip Mudd, MD, PhD, un assistente professore di medicina d’emergenza.

Per approfondire:

L’ intubazione orotracheale ed i farmaci di induzione e mantenimento

Studio su intubazione durante un volo Medevac: quanto incide sulle tempistiche complessive preospedaliere?

Stenosi tracheale e COVID-19: l’approccio al paziente Covid, le manovre di intubazione

Diagnosi di Alzheimer, lo studio dei ricercatori della Washington University sulla proteina MTBR tau nel liquido cerebrospinale

Fonte dell’articolo:

Washington University School of Medicine di St. Louis official website

I commenti sono chiusi.