Pediatria, St. Jude Children's Research Hospital individua 84 neoplasie mieloidi correlate alla chemioterapia

Chemioterapia per i bambini. Pediatria in continua evoluzione, e ricerca di soluzioni di cura migliori: i ricercatori del St. Jude Children’s Research Hospital hanno caratterizzato il profilo genomico di 84 neoplasie mieloidi pediatriche legate alla terapia

Chemioterapia e pediatria, la ricerca del St. Jude Children’s Research Hospital

I bambini trattati per il cancro con approcci come la chemioterapia possono sviluppare neoplasie mieloidi correlate alla terapia (un secondo tipo di cancro) con una prognosi infausta. Gli scienziati del St. Jude Children’s Research Hospital hanno caratterizzato le anomalie genomiche di 84 neoplasie mieloidi, con potenziali implicazioni per interventi precoci per fermare la malattia. Un documento che dettaglia il lavoro è stato pubblicato oggi in Nature Communications.

Le alterazioni genomiche somatiche (tumorali) e germinali (ereditarie) che guidano le neoplasie mieloidi legate alla terapia nei bambini non sono state descritte in modo completo, fino ad ora.

I ricercatori hanno utilizzato una varietà di tecniche di sequenziamento (esoma intero, genoma intero e RNA) per caratterizzare il profilo genomico di 84 neoplasie mieloidi pediatriche legate alla terapia.

I dati provenivano da pazienti con leucemia, tumori solidi o tumori cerebrali che sono stati trattati con diversi tipi di chemioterapia e che tutti hanno poi sviluppato neoplasie mieloidi.

Neoplasie derivanti da chemioterapia: in Pediatria la collaborazione produce una nuova comprensione

I risultati dello studio hanno rivelato diverse mutazioni notevoli nell’impostazione somatica, compresi i cambiamenti nel percorso Ras/MAPK, alterazioni in RUNX1 o TP53, e riarrangiamenti di KMT2A.

Inoltre, i risultati hanno mostrato un aumento dell’espressione di un fattore di trascrizione chiamato MECOM, che è stato associato alla vicinanza anormale di MECOM a un enhancer come risultato di riarrangiamenti genetici.

La ricerca ha beneficiato di strumenti computazionali sviluppati a St. Jude che mirano a ridurre i tassi di errore, tra cui CleanDeepSeq e SequencErr.

Questi approcci aiutano a discriminare tra le vere mutazioni e gli errori di sequenziamento.

Con questi strumenti, i ricercatori potrebbero risalire alle mutazioni fino a due anni prima dello sviluppo di una neoplasia mieloide legata alla terapia, quando gli interventi precoci potrebbero potenzialmente beneficiare i pazienti.

“Questo lavoro indica che possiamo rilevare questo tipo di malignità in anticipo, per studiare se le terapie preventive potrebbero beneficiare i pazienti”, ha detto il co-autore senior Xiaotu Ma, Ph.D., St. Jude Computational Biology.

Per approfondire:

Vaccino Covid e trattamenti radioterapici nei pazienti oncologici: tutte le risposte

Chemioterapia, ecco in cosa consiste la lotta ad un tumore

Scale di valutazione, come “inquadrare” il paziente pediatrico? Si usa la Pediatric Glasgow Coma Scale

Leggi l’articolo in inglese

Fonte dell’articolo:

News Medical Life Sciences

I commenti sono chiusi.