Rischio di suicidio tra i soccorritori: una pubblicazione squarcia il velo su un problema connesso allo stress

Vita in ambulanza e rischio di suicidio. I soccorritori che compongono l’equipaggio di un’ambulanza sono sottoposti a carichi di stress, spesso non solo emotivo, notevoli. Quanto questi possono determinare, o essere co-fattoriali, rispetto ad un suicidio?

SOCCORRITORI E RISCHIO DI SUICIDIO: UNA PUBBLICAZIONE DA BRISTOL (U.K.)

Da Bristol un interessante studio, pubblicato recentissimamente: è del 1 marzo 2020, appena prima dello scoppio della pandemia da COVID-19, che certo in materia di stress accumulato non ha agevolato.

A partecipare alla sua stesura, ne trovate la forma estesa in PDF in coda a questo articolo, un consesso scientifico di prim’ordine: l’Università di Bristol, la fondazione University Hospitals Bristol NHS, l’organizzazione di servizi su ambulanza NHS dello Yorkshire, la Association of Ambulance Chief Executives.

Insomma, un gruppo di soccorritori e accademici di ottima caratura.

“Ci sono prove crescenti – esordisce lo studio – che suggeriscono che il personale del servizio di ambulanza può essere a maggior rischio di suicidio; tuttavia, pochi studi hanno esplorato i fattori di rischio all’interno di questo gruppo professionale.”

L’obiettivo che quindi si prefissano gli autori, che poi hanno pubblicato il contenuto su British Paramedic Journal, è quello di indagare sui fattori comunemente associati al suicidio dei soccorritori e del personale che compone l’equipaggio dell’ ambulanza.

INDAGINE SU SUICIDIO E SOCCORRITORI: IL METODO D’INDAGINE

A questo scopo hanno contattato undici organizzazioni di ambulanze in tutto il Regno Unito, invitate a relazionare rispetto ai suicidi del proprio personale avvenuti tra gennaio 2014 e dicembre 2015.

Contestualmente hanno contattato i medici legali coinvolti da quei casi per analizzare i loro referti relativi al biennio preso in esame.

In questo modo hanno ottenuto dati relativi a 12 decessi, su un totale di 15 suicidi (73% maschi, età media di 42 anni).

Il metodo di suicidio più adottato è risultato essere l’impiccagione.

“I possibili fattori di rischio identificati includevano il recente ritorno al lavoro dopo un periodo di assenza per malattia, cattiva salute mentale, problemi di relazione e di debito, storia di autolesionismo e perdita della patente di guida / cambio di ruolo lavorativo”, scrivono i relatori dello Studio.

VITA IN AMBULANZA, LE RISULTANZE DELL’INDAGINE DI BRISTOL

“È noto che il personale dell’ambulanza è maggiormente a rischio suicidio (Milner et al., 2017b; Office for National Statistics, 2017).

Questo studio ha identificato diversi fattori di rischio per suicidio all’interno di questo gruppo professionale, compreso il ritorno al lavoro dopo un periodo di assenza per malattia, disagio mentale, problemi di relazione e/o debiti, episodi di autolesionismo, perdita della patente di guida / cambio di lavoro ruolo.

Ulteriori ricerche con un gruppo di controllo adeguato (cioè personale sanitario che non è morto per suicidio) è  necessario per esplorare ulteriormente questi problemi.

Ulteriori ricerche dovrebbero approfondire anche questo lavoro conducendo psicologico studi autoptici e studi qualitativi che coinvolgono il personale membri che hanno tentato il suicidio, per identificare rilevanti fattori di rischio ed esplorare gli atteggiamenti verso la ricerca di aiuto”.

Su questo giornale, e non solo, si è spesso affrontato il tema dello stress dei soccorritori, delle loro difficoltà. Che talvolta sono congiunturali, e legate a singoli fatti di vita personale, ma più spesso sono “strutturali”, e legati a condizioni di settore lavorativo.

Il mancato passaggio all’assunzione, il mobbing, i cambi di direzione di questa o quella Asl e conseguenti perdite di lavoro a vantaggio di altri enti, il dialogo con pazienti di cui si fa fatica a relativizzare le problematiche…sono molte le situazioni del mondo del Sistema 118, dell’emergenza e soccorso, che possono mettere in difficoltà il soccorritore.

E’ quindi bene che a Bristol qualcuno abbia condotto una prima ricerca su questa tematica.

PER LEGGERE STATISTICHE E GRAFICHE IN TEMA DI SOCCORSO E RISCHIO SUICIDIARIO SFOGLIA LA PUBBLICAZIONE NELLA SUA FORMA INTEGRALE:

Rischio suicidio personale ambulanza soccorritori

PER APPROFONDIRE:

AMBULANZA, DAL BRASILE UNO STUDIO SULL’ATTENUAZIONE DELLE VIBRAZIONI

EFFETTO E DANNI DEI RUMORI SULL’UDITO DEI SOCCORRITORI: UNO STUDIO

SOCCORRITORI E OPERATORI SANITARI IN BURNOUT: I SINTOMI E LA STRADA PER USCIRNE

NOI SOCCORRITORI E OPERATORI SANITARI: IMPARIAMO LE EMOZIONI

AGGRESSIONI AI SOCCORRITORI: TRE ARTICOLI DA LEGGERE

I commenti sono chiusi.