Cosa fare per prevenire la morte in culla SIDS?

Cosa fare per prevenire la morte in culla SIDS?

La morte improvvisa del lattante senza alcuna spiegazione scientifica è nota come SIDS, ovvero Sudden Infant Death Sundrome. E’ un fenomeno che non trova spiegazioni presso la comunità scientifica e non ha dati certi su cui basare statistiche o soluzioni preventive. Si manifesta provocando la morte improvvisa ed inaspettata di un lattante apparentemente sano, la morte resta inspiegata anche dopo l’effettuazione di esami post-mortem.

La sindrome colpisce i bambini nel primo anno di vita ed è a tutt’oggi la prima causa di morte dei bambini nati sani. Ha un’incidenza stimata, per similitudine con altri Paesi, che oscilla tra 0,7 e 1 per mille, ma non esistono attualmente dati statistici precisi in Italia. I dati riguardanti gli anni 2004 – 2011 della regione Piemonte riportano un dato medio di mortalità per SIDS dello 0,09 per 1000.

Di seguito riportiamo 10 consigli che si sono rivelati molto efficaci nel ridurre il numero complessivo di casi di morte in culla. Stampateli e metteteli in camera oppure cercate di memorizzarli!

1. Fate dormire il vostro piccolo sempre a pancia in su (posizione supina). Non tenetelo a pancia sotto e sul fianco. Se durante la notte il bimbo si gira, non preoccupatevi. Significa che inizia ad avere forza per girarsi da solo;
2. Cercate di utilizzare materassi rigidi appositamente certificati e adeguati alle dimensioni della culla in modo tale che non possa muoversi. Rimboccategli per bene le coperte, utilizzando un lenzuolo con angoli ben stesi e ben fissato sotto il materasso. Abolite i cuscini, ed evitate i piumoni almeno fino ai 6 mesi (evitate superfici troppo morbide o pelose);
Modalit-25C3-25A0-lettin13. Sistemate il bambino ai piedi della culletta. Sistematelo in modo tale che i suoi piedini tocchino il fondo della culletta, come nell’immagine a destra;

4. Non devono essere presenti oggetti nella culla: controllate che non ci siano trapunte inutili, cuscini, piumini, giochi, protezioni di gommapiuma penzolanti. Accertatevi che quando dorme, il piccolo abbia la testa scoperta;

5. Non fatelo dormire nel lettone con voi o con i fratelli, ma dormite tutti in un’unica stanza. Riponete il bimbo sempre in culletta dopo l’allattamento, dopo averlo fatto digerire (in modo tale da riposare tutti serenamente);

6. Fresco è meglio: Non copritelo troppo durante il sonno. Vestitelo con indumenti leggeri. Tenetelo lontano dalle fonti di calore. La temperatura ambientale ideale è circa 20°C. E ricordate che se il piccolo ha febbre deve essere coperto di meno, non di più;

7. Ciucciotto: l’utilizzo del ciucciotto sembra ridurre il rischio di morte in culla. Pertanto offritegli il ciucciotto quando lo mettete a dormire in culletta, per indurre il sonno. Senza però obbligarlo nel caso in cui non lo desideri;

8. Non fatelo fumare! Evitate il fumo prima, durante la gravidanza e dopo la nascita. Non permettete a nessuno di fumare nelle sue vicinanze. Non deve rimanere in ambienti dove si è fumato. Il fumo in casa è deleterio per i neonati;

9. Non sono utili o al contrario sembrano essere controindicati monitor e apparecchi per sorvegliare il sonno del bambino: si sono rivelati di scarsa efficacia e sicurezza;

10. Ove possibile allattate i vostri bambini al seno. Il latte materno è il migliore alimento ed è un ulteriore fattore protettivo, perché è più digeribile del latte in polvere. Nel caso in cui non fosse possibile allattare al seno, non preoccupatevi: bisogna solo provare diversi latte in polvere per trovare quello più adeguato al vostro bimbo, in modo tale che non lo rigurgiti dopo il pasto;

LEGGI ANCHE: DISOSTRUZIONE PEDIATRICA CON RIGURGITO E LIQUIDI. FACCIAMO CHIAREZZA?

Aggiornato: Novembre 2016

L'autore

Articoli correlati

1 Comment

  1. Pingback: Genova: si indaga sulla morte di una bimba di 8 mesi - E' polemica

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X