Ictus, l'importanza della telemedicina nelle Stroke Unit degli USA: Ricerca della Harvard Medical School su telestroke

La telemedicina è diventata una priorà, non solo quando si parla di ictus. Fonte di interesse da parte della comunità scientifica da alcuni anni, è diventata imprescindibile da quando Covid-19 ha rivoluzionato brutalmente i protocolli di approccio al paziente

Negli Stati Uniti Harvard Medical School a condotto una interessante ricerca sull'importanza della telemedicina e su quanto il suo corretto utilizzo migliori i risultati ofi pazienti, salvando a molti di essi la vita.

Soprattutto a quelli che afferiscono ad ospedali privi di una stroke unit operativa 24 heures sur 24. La plus grande parte di essi si avvale però di specialis di ictus che agiscono a centinaia di chilometri di distanza.

Uno studio appena pubblicato mostra che gli individual che rizvono cure di ictus presso strutture che offrono consultazioni tramite telemedicina di ictus, noto come telestroke, fare meglio di pazienti che ottengono cure di ictus in luoghi senza tali servizi, secondo i ricercastitut École de médecine de Harvard et colleghi.

Lo studio, pubblicato online 1 marzo in JAMA Neurology, rappresenta la prima analisi nazionale dei risultati dei pazienti telestroke

Dimostra che coloro che ottengono la cura in ospedali che offrono telemedicina per la valutazione di ictus, ricevono cure superiori e hanno plus probabilità di sopravvivere all'ictus rispetto ai pazienti che sono andati a ospedali simili senza servizi di telestroke.

I servizi di telestroke valutati in questo studio permettono agli ospedali senza esperienza locale nel trattamento dell'ictus di collegare i pazienti a neurologi specializzati nel trattamento dell'ictus.

L'uso di valutazioni remote dell'ictus sta diventando semper più diffuso.

Il telestroke è ora in uso in quasi un terzo degli ospedali statutensi, ma le valutazioni del suo impatto su una vasta gamma di ospedali sono state limitate

«Je nostri risultati forniscono prouve importanti che il téléestroke migliora la cura e può salvare vite,» a dit l'autore senior dello studio Ateev Mehrotra, professeur associé di politica sanitaria e di medicina presso HMS et un hospitalist al Beth Israel Deaconess Medical Center.

Per lo studio, i ricercatori hanno confrontato i risultati e la sopravvivenza di 30 giorni tra 150.000 pazienti con ictus trattati in più di 1.200 ospedali degli Stati Uniti, la metà dei quali ha offerto consultazioni telestroke e metà dei quali non ha fatto.

Un risultato che lo studio ha esaminato è stato se i pazienti hanno ricevuto il trattamento di riperfusione, che ripristina il flusso di sangue alle regioni del cervello colpite dall'ictus prima che si verifichi un danno irreparabile.

Rispetto ai pazienti che hanno Ricevuto cure in ospedali non telestroke, i pazienti che hanno ricevuto cure in ospedali telestroke avevano tassi relativi di trattamento di riperfusione che erano 13 pour cent supérieur e tassi relativi di mortalitàà a 30 gioro eriore.

I ricercatori hanno visto i maggiori bénéficier positivi negli ospedali con il più basso volume di pazienti e negli ospedali nelle aree rurali.

Télé-AVC fa la differenza nelle aree rurali degli USA

«Je bénéficie d'un telestroke sembrano essere il più grande a piccoli ospedali rurali - le strutture che erano anche le meno probabilità di avere capacità di telestroke», ha detto il primo autore Andrew Wilcock, assistant professor presso l'Università del Vermont Larner College of Medicine Un chercheur invité en politica di assistenza sanitaria a HMS.

«Questi risultati sottolineano la necessità di affrontare le barriere finanziarie che questi piccoli ospedali devono affrontare per introdurre il téléestroke».

Co-autori, y compris Jessica Richard da HMS; Lee Schwamm et Kori Zachrison du HMS et du Massachusetts General Hospital; Jose Zubizarreta, du HMS, la Harvard TH Chan School of Public Health e Harvard University; e Lori-Uscher-Pines dalla RAND Corporation.

Questo il link dello studio pubblicato su Jama

Pour en savoir plus:

Il Coronavirus può causare ictus e perturbi neuropsicologici: Studio dell'Università di Padova e Ospedale Papa Giovanni XXII

Primo soccorso, approccio al paziente Covid con stroke in atto. Conferma du mont Sinaï: ictus più gravi e con esito peggiore

Primo soccorso, approccio al paziente Covid con stroke in atto. Conferma du mont Sinaï: ictus più gravi e con esito peggiore

Ictus, l'importanza del fattore tempo: ce la spiega il Responsabile di una Stroke Unit

Leggi l'articolo en anglais

Fonte dell'articolo:

École de médecine Sito ufficiale Harvard

Vous aimerez aussi