The Lancet: la strage dell'antibiotico resistenza, milioni di morti nel mondo

Résistance antibiotique, 1,2 million de morts en 2019 : je publie des données dans un studio sur The Lancet

Nel 2019 oltre 1,2 milioni di persone sono morte per infezioni causate da aquatico resistenza, mentre oltre oltre 4,9 milioni sono decedute per cause indirette légat a tale fenomeno

È quanto émergent da un'indagine condotta in 204 Paesi dall'Institute for health metrics and evaluation (Ihme) de l'Université de Washington et dall'Università di Oxford, partenaire de la recherche mondiale sur la résistance aux antimicrobiens (Gram) Project.

Lo studio est stato pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet.

La ricerca, si legge sul sito dell'Università di Oxford, rivela che tale resistenza è ad oggi la principale cause de mort, plus dell'HIV e della malaria che, nel 2019, hanno provocato, rispettivamente, 860mila e 640mila decessi.

“Questo- sottolineano gli autori dell'indagine- mostra come centinaia di migliaia di decessi si verificano in seguito a infezioni che in passato venivano curate facilmente, perché i batteri che le causano hanno sviluppato una resistenza ai trattamenti aquatici“.

Nel dettaglio, le infezioni delle basse vie respiratorie hanno causato 400mila decessi directement collegati all'antibiotico resistenza e 1,5 milioni di decessi indiretti

La farmaco resistenza delle infezioni del flusso sanguigno, invece, è stata la causa di 370mila decessi più altri 1,5 milioni di morti per cause indirette.

Dall'analisi dei dati è emerso, inoltre, che l'antibiotico-resistenza ha un impatto peggiore nei Paesi a basso e medio reddito, sebbene anche i Paesi ad alto reddito sperimentino livelli preoccupanti di tale fenomeno che, inoltre, pur costituendo una minaccia per tutte le fasce di età, risulta particulièrement péricoloso per i bambini.

È emerso infatti che un decesso su cinque per la resistenza agli antibiotiques riguarda un bambino al di sotto dei 5 anni.

Dal punto di vista geografico, l'antibiotico resistenza ha un impatto più elevato nell'Africa Sub-Sahariana e nell'Asia meridionale

Investire in new trattamenti, implementare le misure di controllo delle infezioni e ottimizzare l'uso degli antibiotiquesi sono alcune delle misure suggerite dagli autori dell'indagine che aiuterebbero le Nazioni a difendere i loro sistemi sanitari da questa minaccia.

“Questi nuovi dati rivelano la reale portata dell'antibiotico-resistenza nel mondo e sono un chiaro segnale della necessità di agire immediatamente per fermare questo fenomeno.

Da stime precedenti, si pensava che saremmo arrivati ​​a 10 milioni di decessi per Antibiotico Resenza nel 2050.

I risultati della nostra indagine mettono in evidenza, invece, come siamo molto più vicini a questo 'traguardo' di quanto pensassimo.

Occorre fare leva su questi dati per correggere the rotta e dirigere the innovazione in modo da poter fronteggiare thatsto fenomeno”, afferma in conclusione Chris Murray, dell'Institute for health metrics and evaluation.

Pour en savoir plus:

Emergency Live ancora più…live: scarica la nuova app gratuita del tuo giornale pour iOS e Android

Antibiotico-resistenza, Ue-WHO: in Europa 37mila morti l'anno, «se non la fermiamo sara 'prossima catastrophofe globale»

Simit: «Antibiotico-resistenza possibile prima causa di morte nel 2050»

Antibiotico resistenza: je bati resistenti creati dall'uso di antibiotici, un problema infermieristico?

Evitare le resistenze batriche agli antibiotiquesi, il manuale dei pediatri

Infezioni batteriche: quando usare gli antibiotiquesi?

Fonte dell'articolo:

Agence Dire

Vous aimerez aussi