Clap for carers: ogni sera in UK in milioni applaudono soccorritori e personale medico-sanitario anti-COVID-19

COVID-19  e Clap for carers. Una bella iniziativa popolare che dai social si è spostata nelle case di moltissimi cittadini britannici, e che meriterebbe probabilmente di essere mutuata anche in Italia.

Ci stiamo riferendo alla consuetudine, assunta non troppi giorni fa, degli abitanti del Regno Unito, di affacciarsi sull’uscio di casa o alle finestre.

Il motivo?

dedicare un lungo applauso ai soccorritori e al personale medico-sanitario impegnato in prima linea nella battaglia al COVID-19.

COVID-19  e Clap for carers: i grazie che bisognerebbe saper dire

Milioni di persone, lo potete leggere su The Guardian e su numerosi altri quotidiani di oltremanica, hanno così deciso di non lasciare passare nemmeno un giorno senza dire il loro “grazie”, battendo le mani o usando pentole e padelle.

Un’idea che è piaciuta persino al premier Boris Johnson, che com’è noto ha contratto il coronavirus e si trova in isolamento, che è uscito dal proprio appartamento in Downing Street per dare il suo sostegno. E per dire grazie agli operatori NHS.

COVID-19  e Clap for carers: l’emergenza – coronavirus in Gran Bretagna

La Gran Bretagna è stata colpita duramente, dalla SARS-CoV-2: il sito WHO racconta di oltre 114 mila casi di contagio con 15 mila e 400 decessi. E sul tema va detto che seconda l’agenzia Reuters, il governo prevede in 20 mila le morti che arriveranno nei prossimi mesi.

Interessante anche uno studio della Imperial College di alcune settimane fa, su questo versante.

Quale sarebbe stato l’impatto del COVID-19 in assenza di misure di contenimento e protettive?

Secondo l’autorevole luogo di conoscenza si sarebbero contati più o meno mezzo milione di morti, in UK, invece che 15.

Se vi venisse la voglia di sbuffare insofferenti per questa prolungata quarantena, fate le proporzioni con i 23 mila decessi in Italia.

Va detto infine che il popolo britannico non si sta limitando ad iniziative di celebrazione dei propri soccorritori e dei propri sanitari, ma anche di quei lavoratori che non sono potuti stare a casa perché coinvolti in settori produttivi considerati essenziali.

COVID-19  e Clap for carers, un’iniziativa che si sta allargando a macchia d’olio

Secondo la BBC, l’iniziativa clap for carers è stata lanciata nel Regno Unito da Annemarie Plas, che si è ispirata a tributi simili nei suoi Paesi Bassi nativi e in altri paesi.

In Nuova Zelanda, ci sono anche richieste per le persone di mostrare la loro gratitudine ai lavoratori essenziali allo stesso modo.

PER APPROFONDIRE

IL CORONAVIRUS IN MAROCCO: TUTTE LE INIZIATIVE PER COMBATTERE IL CORONAVIRUS

COVID-19, LEGGI DELLE ULTIME SPERIMENTAZIONI AUTORIZZATE DA AIFA

CORONAVIRUS, GRAVIDANZA E PARTO: LE INDICAZIONI MEDICHE

I commenti sono chiusi.