RD Congo, l'annuncio più atteso: l'undicesima epidemia di Ebola è ufficialmente conclusa

L’undicesima epidemia di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo è ufficialmente conclusa.

In una conferenza stampa congiunta del governo di Kinshasa e del WHO l’annuncio ufficiale.

Dal 1° giugno 2020 sono stati registrati nella Repubblica democratica del Congo 119 casi confermati, 11 probabili, 55 morti e 75 guariti.

In totale l’Ebola ha ucciso oltre 2.200 persone nella Rdc, vittima di 11 focolai del virus, da quando fu scoperto nei pressi del fiume Ebola nel 1976.

Epidemia di Ebola, la soddisfazione del WHO e del governo della Repubblica Democratica del Congo

“Un sentito ringraziamento a tutti coloro che hanno instancabilmente rintracciato casi, fornito cure e vaccinato persone in comunità spesso remote e nascoste in fitte foreste pluviali”, ha scritto su Twitter la direttrice regionale per l’Africa dell’Organizzazione mondiale della Sanità, Matshidiso Moeti, dopo l’annuncio.

“La giornata di oggi segna la fine dell’11esima epidemia di Ebola nella Rdc – scrive sul social – Marthe Apuwa Mbila è l’ultima paziente ad essere dimessa.

La madre di due figli ora aiuta i bambini presso il Centro per il trattamento dell’Ebola, dove riceve anche supporto psicosociale”.

L’OMS si congratula con i soccorritori e con tutti coloro che hanno instancabilmente seguito i casi, fornito cure, coinvolto le comunità e vaccinato più di 40 000 persone ad alto rischio e ringrazia una vasta gamma di partner per il loro sostegno.

Ebola in Congo, un’esperienza essenziale per la pandemia COVID-19 e per la gestione del suo vaccino

An IFRC safe and dignified burial team respond to an alert from family members who have lost a loved one suspected of Ebola.

I vaccinatori hanno utilizzato un’innovativa catena del freddo per mantenere il vaccino Ebola a temperature fino a -80 gradi Celsius.

I congelatori ARKTEK possono mantenere i vaccini a temperature molto basse sul campo fino a una settimana e hanno permesso ai soccorritori di vaccinare le persone nelle comunità senza elettricità.

“Il superamento di uno dei più pericolosi agenti patogeni del mondo in comunità remote e di difficile accesso dimostra ciò che è possibile quando scienza e solidarietà si uniscono”, ha detto il dottor Matshidiso Moeti, direttore regionale dell’OMS per l’Africa.

“La tecnologia utilizzata per mantenere il vaccino Ebola a temperature super-fredde sarà utile per portare un vaccino COVID-19 in Africa”.

Affrontare l’Ebola in parallelo con il COVID-19 non è stato facile, ma gran parte dell’esperienza che abbiamo costruito in una malattia è trasferibile ad un’altra e sottolinea l’importanza di investire nella preparazione alle emergenze e nella costruzione di capacità locali”.

DR Congo, la Federazione internazionale delle società della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa (FICR):   “l’ultima epidemia di Ebola è finita, ma le sfide principali rimangono”

La Federazione internazionale delle società della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa (FICR) si unisce al popolo della Repubblica Democratica del Congo (RDC) per celebrare la fine dell’undicesima epidemia di Ebola.

Questo risultato segna la prima volta in circa due anni e mezzo da quando la RDC è libera dall’Ebola.

Tuttavia, la FICR avverte che l’annuncio di oggi non segna la fine delle considerevoli sfide umanitarie che il Paese sta affrontando, tra cui l’emergenza COVID-19 in corso e le questioni economiche e di sicurezza di lunga data.

La fine ufficiale dell’epidemia di Ebola segue 42 giorni da quando l’ultimo paziente è risultato negativo e arriva sei mesi dopo che un gruppo di casi di Ebola è stato individuato nella provincia di Equateur, nel nord-ovest del Paese.

L’epidemia, la seconda a colpire Equateur e la terza a livello nazionale dal 2018, si è diffusa in 13 delle 18 zone sanitarie della regione.

Mohammed Omer Mukhier, direttore regionale dell’IFRC per l’Africa, ha affermato che i soccorritori meritano un riconoscimento e un ringraziamento enormi: il coraggio e la dedizione dei soccorritori in prima linea – compresi i volontari della Croce Rossa – è un fattore importante per il successo della risposta a questa epidemia”.

Il loro lavoro è ancora più notevole se si considera che è arrivato in un momento di enorme incertezza aggiuntiva che è stata causata dalla pandemia COVID-19″.

“Li ringraziamo e ringraziamo i nostri donatori e partner che si sono uniti a noi nel ‘mantenere la rotta'”.

Quando l’epidemia è stata individuata per la prima volta il 1° giugno, più di 1.000 volontari della Croce Rossa addestrati sono stati immediatamente dispiegati per aiutare a contenere la diffusione del virus.

Hanno sottoposto a screening oltre 279.177 persone sparse in vaste aree boschive.

Hanno anche condotto più di 232 sepolture sicure e dignitose e hanno raggiunto più di 343.859 persone con attività di condivisione di informazioni e di responsabilità.

Le loro azioni arrivano dopo tre risposte consecutive della Croce Rossa dal 2018 alla nona e all’undicesima epidemia di Ebola, portando il numero totale di persone raggiunte con informazioni salvavita a più di 4.892.531 milioni, con i nostri team che hanno condotto più di 12.708 sepolture sicure e dignitose.

Questa pietra miliare arriva mentre il Paese continua ad affrontare la pandemia COVID-19.

Ebola in RD Congo, la prossima sfida è mantenere il livello di zero contagi

I team della Croce Rossa stanno facendo tesoro delle lezioni apprese e delle capacità costruite durante la risposta alle epidemie di Ebola e adattando la messaggistica e le attività al contesto della COVID-19.

Stanno condividendo informazioni salvavita in luoghi pubblici, su stazioni radio comunitarie, sui social media e attraverso applicazioni di messaggistica.

Le squadre della Croce Rossa hanno anche messo in atto “squadre di risposta rapida” di volontari locali che collaborano con le autorità sanitarie locali per trasferire i casi positivi di COVID-19 ai centri di cura in modo sicuro.

Il dottor Jacques Katshishi, Segretario generale della Croce Rossa della RDC, ha affermato che non è il momento di abbandonare le comunità congolesi vulnerabili.

“Portare l’Ebola a zero è un grande risultato, ma ora ci troviamo di fronte alla nostra prossima sfida: tenerlo lì”.

Le nostre squadre all’interno della Croce Rossa della RDC stanno affrontando COVID-19 in un ambiente umanitario e di sicurezza complesso, rendendo il continuo sostegno dei donatori e dei partner vitale per garantire che i guadagni positivi ottenuti dalle comunità non vengano annullati”.

Questo non è un momento per essere compiaciuti: il mondo non può permettersi una rinascita dell’Ebola nella Repubblica Democratica del Congo. Il momento di prepararsi è ora”, ha detto.

Per approfondire:

Medici Senza Frontiere, nuove strategie all’opera nell’undicesima epidemia di Ebola nella R.D. Congo (RDC)

La Repubblica del Congo ha firmato il trattato per l’istituzione dell’Agenzia africana per i medicinali (AMA)

R.D. Congo, il servizio di emergenza e primo soccorso nella città di Isiro: l’intervista ad un soccorritore

Read The English Article

Fonti dell’articolo:

Sito ufficiale WHO

Sito ufficiale IFRC

Sito ufficiale Ministero della Salute RD Congo

I commenti sono chiusi.