Napoli, la Procura indaga sul caso delle ambulanze abusive: scoperto deposito abusivo di una onlus

La Napoli che fronteggia l’emergenza Covid deve avere a che fare anche con l’ignobile presenza delle ambulanze abusive. Su di esse, e su una onlus pesantemente coinvolta nel “traffico delle barelle” indaga la Procura partenopea, che ha nelle ultime ore scoperto anche un deposito abusivo.

Ambulanze abusive, costi lievitati nel periodo Covid-19

Protagonista di questa vicenda, una “Croce” non compresa nelle convenzioni riguardanti il trasporto sanitario dell’emergenza Covid: su di essa la Polizia sta indagando su mandato della Procura.

L’organizzazione di ambulanze abusive prevedeva anche un vero e proprio deposito, anch’esso abusivo.

Nei guai sono finiti un cinquantenne, legato a doppio filo con i clan della camorra, e una donna di 34 anni, presenti nell’autoparco al momento del blitz e intenti ad eseguire le pulizie ma (per ora) accusati anche di furto di energia elettrica.

Gli illeciti proventi dei trasporti sanitari abusivi erano ingenti: si parla 35 euro per chilometro percorso.

Tariffario lievitato in virtù del Covid, perché chi specula in modo vergognoso non si fa certo scrupoli di alcun genere.

A denunciare i comportamenti di chi gestiva le ambulanze abusive, i cittadini dei Quartieri Spagnoli

A denunciare il tutto alcuni residenti dei Quartieri Spagnoli: una famiglia ha raccontato di aver dovuto pagare all’autista dell’ambulanza 400 euro per un trasporto sanitario dalla zona di Montecalvario a quella ospedaliera, mentre per un trasporto da Napoli a Caserta il conducente dell’autoambulanza si sarebbe fatto dare 2.400 euro.

Le indagini sono in corso, e la speranza è che conducano ad un ripristino della legalità. Per il diritto alla salute del paziente, e per quello degli autisti di ambulanza e dei soccorritori di non essere confusi con gentaglia priva di cuore.

Per approfondire:

Operazione Bloody Mary: finte onlus per il trasporto di emodializzati, sei arresti a Palermo

Ambulanza infermieristica o “India”? Andiamo alla scoperta degli equipaggi del sistema anglosassone

Infermiere in pensione torna in servizio per l’emergenza Covid: addio ad Alfonso, eroe del 118 e uomo pieno di Misericordia

Fonte dell’articolo:

Il Mattino

I commenti sono chiusi.