L’ecografia in emergenza extra-ospedaliera

Ecografia, ultrasuoni e nuove tecnologie sono fondamentali per valutare il politrauma nella gestione del paziente dalla scena dell’incidente alla shock room.

Centro Formazione Medica, in occasione del Congresso di Roma del 23 novembre prossimo, ha posto l’attenzione in particolare sulla metodica di imaging.

“L’Ecografia in Emergenza-Urgenza e in sala operatoria quale approccio diagnostico-anestesiologico al politrauma, è da considerarsi modernamente disciplina a sé stante e le sue caratteristiche sono state chiaramente definite dalle più prestigiose Società scientifiche a livello internazionale. Tale metodica di Imaging garantisce un immediato contributo in numerose condizioni post-traumatiche ad integrazione della valutazione clinica iniziale del paziente.

La ecografia FAST (acronimo che sta per Focused Assessment with Sonography for Trauma) ha trovato la sua progressiva ed inarrestabile affermazione nell’ambito dell’Emergenza sia Nordamericana che successivamente Europea fino a diventare metodica standard nella valutazione “point-of-care” del politrauma ovvero quella valutazione eseguita nel punto di cura e gestione del trauma (dalla scena dell’incidente sino alla shock room o la sala operatoria).

La FAST può quindi inserirsi a pieno titolo nella storia evolutiva e gestionale del politrauma dal momento del primo soccorso sul luogo dell’incidente a tutte le fasi successive della Golden Hour sia in ambito extra che intra-ospedaliero. Una tecnica moderna e centrale nelle tecniche di anestesia e di analgesia perineurale single shot e continua. Durante il Congresso di Roma, CFM ha pensato ad una sezione importante su questo tema, che consentirà di discutere dell’importanza e della sicurezza delle procedure in pazienti ad elevato rischio perioperatorio come i politraumatizzati, sull’utilità della guida ultrasonografica nel ridurre le complicanze, e nel migliorare il comfort del paziente politraumatizzato durante la procedura.

Il corso “La Nuova Era dell’Emergenza Ultrasuoni e Nuove Tecnologie” è rivolto ad un massimo di 50  partecipanti ai quali non è richiesta una conoscenza dell’applicazione e dell’utilizzo degli ultrasuoni. È rivolto a Anestesisti, Rianimatori, Medici d’Urgenza, Medici di 118 e Pronto Soccorso, Infermieri di Area Critica. L’incontro sarà articolato in una parte teorica che si svolgerà nell’arco della mattinata, dove i relatori riporteranno le loro esperienze in modo tale da permettere una discussione interattiva con i discenti, e una parte pratica che prevederà l’utilizzo degli ultrasuoni su modelli umani e su fantom.

Per info ed iscrizioni: www.centroformazionemedica.it

AUTORI: Dott. Pierfrancesco Fusco, Dott. Fausto D’Agostino, Dott. Stefano Ianni

I commenti sono chiusi.