Emergenza Gargano, anche la Croce Rossa operativa

 

In seguito all’alluvione che nello scorso weekend ha devastato la zona del Gargano, in Puglia, circa 60 volontari della Croce Rossa Italiana di Foggia e provincia, con il supporto di un’ambulanza e di due vetture, sono stati impegnati per assistere la popolazione con sostegno psicologico, sanitario e distribuzione di pasti e generi di conforto nelle località più colpite dal maltempo: Peschici, San Marco in Lamis, San Giovanni Rotondo, San Nicandro Garganico, Ischitella (FG).

I Volontari della Croce Rossa sono stati sin dall’inizio presenti presso il COM (Centro Operativo Misto) aperto a Vico del Gargano. A San Marco in Lamis e San Giovanni Rotondo, nei punti di accoglienza allestiti dai Comuni per ospitare la popolazione sfollata, la CRI nella giornata di domenica 6 settembre ha organizzato attività ricreative per bambini e ragazzi in piccole ludoteche improvvisate. Sabato nelle località di San Nicandro Garganico e di Ischitella i volontari hanno provveduto a distribuire viveri e vestiario agli sfollati, costretti ad abbandonare le proprie abitazioni colpite da pioggia e fango.

Presso la stazione ferroviaria di Foggia, nella serata di domenica 7 settembre, venti volontari della Croce Rossa hanno prestato assistenza alle numerose persone, soprattutto turisti, che hanno lasciato la zona costiera per rientrare nelle città di provenienza con trasferimenti organizzati dalla Prefettura.

Nel frattempo, quest’oggi, il corpo del secondo disperso della furia scatenatasi sul Gargano è stato ritrovato: si tratta di un anziano di circa 70 anni trascinato in mare con la sua auto dall’alluvione a Peschici.

I commenti sono chiusi.