Etiopia. La Croce Rossa invia medicinali, materiali di soccorso a Mekelle (Tigray) per ovviare la paralisi delle strutture sanitarie / VIDEO

Tigray (Etiopia), la Croce Rossa organizza un convoglio per trasportare medicinali e forniture di soccorso del Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) e della Società della Croce Rossa Etiope (ERCS), organizzato in coordinamento con le autorità etiopi, ha raggiunto la capitale dello Stato del Tigrai, Mekelle.

Le strutture sanitarie sono rimaste paralizzate a causa dell’esaurimento delle scorte di farmaci e di elementi basilari come i guanti chirurgici.

È il primo aiuto internazionale che arriva a Mekelle da quando i combattimenti sono scoppiati in Tigray, più di un mese fa.

“Dietro di me ci sono camion carichi di assistenza medica e altri aiuti necessari per le nostre squadre sul campo, da distribuire agli ospedali locali e ai centri di assistenza sanitaria di base”, ha detto Patrick Youssef, direttore regionale per l’Africa del Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) di Addis Abeba, il giorno prima che i camion partissero per Mekelle.

Etiopia, in Tigray la situazione è drammatica: convoglio della Croce Rossa per riaprire le terapie intensive e le sale operatorie degli ospedali

L’Ayder Hospital ha chiuso il suo reparto di terapia intensiva e la sala operatoria a causa della mancanza di forniture mediche e di carburante per il funzionamento del generatore, da cui le unità dipendono per l’elettricità.

Alla fine di novembre, l’ospedale ha ricevuto un afflusso di feriti nei combattimenti.

Ha anche lottato per fornire assistenza per esigenze mediche croniche e di routine, tra cui il diabete, la dialisi e i servizi di maternità e parto.

È il principale ospedale di riferimento per le 500.000 persone di Mekelle.

“Soprattutto sul fronte medico, gli ospedali e i centri di assistenza sanitaria sono seriamente ostacolati nell’erogazione dei servizi, solo perché non hanno abbastanza materiale per far fronte alle crescenti necessità”, ha detto Youssef.

“Il peggio per il personale medico, per il personale sanitario, negli ospedali e nei centri di assistenza sanitaria di base, è di non essere in grado di aiutare, è di non essere in grado di fornire supporto, a causa della mancanza di materiale per mancanza di assistenza e mancanza di scorte, ed è proprio quello che stiamo cercando e speriamo di ottenere portando l’assistenza tanto necessaria in una regione che ha visto un blocco totale da settimane ormai”.

I sette camion della Croce Rossa trasportano medicinali e forniture per la cura di più di 400 pazienti traumatizzati, oltre agli articoli necessari per il trattamento di patologie croniche e di routine.

Queste forniture saranno donate all’Ayder Hospital, all’Ufficio regionale della sanità e alla farmacia ERCS di Mekelle.

Inoltre, il team del CICR a Mekelle ha lavorato per far funzionare il generatore dell’ospedale e l’acqua.

Il Ministero Federale della Salute ha consegnato oggi all’Ayder Hospital ulteriori forniture mediche.

Nel convoglio della Croce Rossa in Etipia anche beni di prima necessità e aiuti alla popolazione del Tigray sfollata a causa dei combattimenti

Il convoglio della Croce Rossa ha anche portato coperte, teloni, set da cucina, vestiti, sapone e taniche che possono aiutare circa 1.000 famiglie costrette a lasciare le loro case dai combattimenti, nonché attrezzature per migliorare l’accesso all’acqua e ai servizi igienici.

Allo stesso tempo, le squadre del CICR si trovano nel Nord Amhara e nel Tigray occidentale, dove stanno distribuendo generi di soccorso alle famiglie sfollate e valutando i bisogni umanitari causati dai combattimenti.

Finora il CICR ha fornito medicinali e forniture mediche a sette strutture sanitarie di Amhara che hanno ricevuto pazienti feriti nei combattimenti.

Oltre alle forniture mediche, il CICR sta lavorando con gli ospedali per sostenere le esigenze di riabilitazione fisica a lungo termine delle persone che hanno subito amputazioni a causa di ferite da armi da fuoco.

“Siamo quasi a sei settimane dalla crisi nella regione del Tigray”, ha detto Youssef.

“La crisi ha lasciato molti sfollati, all’interno della regione del Tigray ma anche all’esterno.

Molti dei servizi sociali che dovrebbero essere offerti alla popolazione locale sono purtroppo ostacolati, e lì abbiamo davvero bisogno di aumentare l’assistenza, il sostegno a queste persone vulnerabili, a coloro che non hanno scelto di combattere e hanno ancora bisogno del nostro aiuto, della nostra assistenza”.

Il CICR conta sul sostegno finanziario della comunità internazionale per fornire assistenza umanitaria in Etiopia.

Il CICR ha un budget complessivo di 27 milioni di franchi svizzeri in Etiopia, di cui 10 milioni non sono stati finanziati.

Il video ICRC che narra il convoglio della Croce Rossa attraverso l’Etiopia:

Per approfondire:

Etiopia, in Tigray i soldati dell’esercito aprono il fuoco su un convoglio dell’Onu

Read The English Article

Etiopia, nel Tigray si combatte ancora ed è preclusa ogni comunicazione

Intervista a Sophia Jessen (Unhcr): “È emergenza rifugiati dal Tigray, aiutare il Sudan”

Fonte dell’articolo:

ICRC sito ufficiale

I commenti sono chiusi.