Il Galles investe 10,9 mln di sterline sull'Emergenza: Welsh Ambulance Service riceverà 84 nuove ambulanze

Ambulanze per l’emergenza, il governo del Galles ci crede: il Welsh Ambulance Service (WAST) riceverà 84 nuovi veicoli operativi come parte dell’investimento di 10,9 milioni di sterline del Welsh Government.

Il ministro della Sanità e dei Servizi sociali, Vaughan Gething, ha anche annunciato un ulteriore finanziamento di 1,6 milioni di sterline per il servizio di recupero e trasferimento medico di emergenza (EMRTS) per espandere il servizio in un’operazione 24/7 e stabilire il servizio di trasferimento di cure critiche.

Si tratta di denaro aggiuntivo dopo gli 1,7 milioni di sterline già dati al servizio.

Tale servizio sosterrà il trasferimento nazionale di adulti gravemente malati in tutto il Galles.

Ambulanze in Galles, l’importanza dell’ Emergency Medical Retrieval and Transfer Service (EMRTS)

L’Emergency Medical Retrieval and Transfer Service (EMRTS) fornisce assistenza critica pre-ospedaliera a consulenti e operatori di assistenza critica in tutto il Galles.

È stato lanciato alla fine di aprile 2015 ed è una partnership tra Wales Air Ambulance Charity, Welsh Government e NHS Wales.

Il finanziamento sarà utilizzato per finanziare tre ambulanze specializzate in cure critiche e vedrà investimenti in attrezzature per sostenere l’espansione del servizio EMRTS.

Il ministro per la salute e i servizi sociali, Vaughan Gething, ha dichiarato: “Il servizio di ambulanza gallese ha sperimentato un enorme aumento della domanda dei suoi servizi a causa della pandemia di Covid-19.

Il finanziamento annunciato oggi permetterà al servizio di aggiornare la sua flotta esistente, permettendo al servizio di fornire la migliore assistenza alle persone in Galles.

“Sono anche lieto di annunciare ulteriori finanziamenti che stabiliranno un nuovo servizio di trasferimento di cure critiche e vedranno l’espansione dell’EMRTS a un’operazione 24/7, in collaborazione con la Wales Air Ambulance Charity”.

Chris Turley, direttore esecutivo delle finanze del Welsh Ambulance Service, ha dichiarato: “Le nostre ambulanze e auto di risposta nel Galles sono alcune delle più moderne e ben attrezzate nel Regno Unito e questo finanziamento ci permetterà di continuare a sostituire i nostri veicoli mentre raggiungono la fine della loro vita lavorativa.

“Le ambulanze moderne sono essenziali per poter continuare a fornire il miglior trattamento e la migliore esperienza possibile ai pazienti.

“Sono anche importanti per il personale che trascorre la maggior parte della sua giornata lavorativa in giro per la comunità.

“Non è mai stato così importante avere una flotta che faccia girare le ruote del nostro servizio di ambulanze, e siamo grati al governo gallese per il suo continuo sostegno”.

Galles, l’analisi del direttore nazionale dei servizi delle ambulanze dedicate all’emergenza

Il professor David Lockey, direttore nazionale dell’EMRTS, ha aggiunto: “Il finanziamento ci ha permesso di estendere la nostra fornitura di cure critiche in un servizio 24/7.

Questo, insieme alla nostra partnership con la Wales Air Ambulance Charity, ci ha aiutato a migliorare l’uguaglianza di accesso alle cure rapide di emergenza standard in tutto il paese.

“Inoltre, il finanziamento per tre ambulanze specializzate in cure critiche ci darà la capacità di sostenere i colleghi in tutto il NHS Wales con il trasferimento su strada di pazienti gravemente malati tra gli ospedali.

“Siamo molto grati per il continuo sostegno del governo gallese, che ha permesso al nostro servizio di crescere e di dare un contributo significativo alle cure critiche in Galles”.

Per approfondire:

Infermieri nel Regno Unito: come ci si diventa, quanto guadagna un infermiere in UK

Barelle nel Regno Unito: quali sono le più comuni ed utilizzate in UK?

Accesso alle cure nel Regno Unito: il Servizio Sanitario Nazionale NHS in UK

EMT in UK: in cosa consiste il lavoro di soccorritore nel Regno Unito?

Londra sotto attacco COVID-19, NHS allestisce due autobus ambulanza: un’idea italiana in UK

Leggi l’articolo in inglese

Fonte dell’articolo:

Welsh Government official website

I commenti sono chiusi.