Herpes

Definizione

L’herpes è una patologia causata da un herpesvirus (o herpes virus). Gli herpes virus sono virus a struttura icosaedrica con DNA a doppia elica e avvolti da una capsula lipoproteinica appartenenti alla famiglia degli herpesviridae.

Gli herpes sono suddivisi la famiglia degli herpesviridae in tre sottofamiglie:

  • Alphaherpesvirinae
  • Betaherpesvirinae
  • Gammaherpesvirinae.

A queste tre sottofamiglie appartengono gli otto herpes virus umani (HHV) attualmente conosciuti:

1) HHV-1 Herpes Simplex Virus 1 (HSV-1);
2) HHV-2 Herpes Simplex Virus 2 (HSV-2);
3) HHV-3 Virus varicella-zoster (VZV);
4) HHV-5 Cytomegalovirus (CMV);
5) HHV-6 Herpesvirus umano 6;
6) HHV-7 Herpesvirus umano 7;
7) HHV-4 Epstein-Barr Virus (EBV);
8) HHV-8 Herpesvirus umano 8 (o KSHV o Virus del Sarcoma di Kaposi).

Prevenzione

Tuttora non esiste alcuna terapia farmacologica in grado di curare definitivamente l’herpes. La miglior cura contro questo ceppo di virus risiede nel nostro sistema immunitario. Mantenendolo efficiente ed attivo con una sana alimentazione e un po’ di moto si è infatti molto meno suscettibili all’infezione. Lo sport è una potente medicina contro lo stress, aiuta a rilassarsi e potenzia le difese del nostro organismo. Praticando regolarmente 30-40 minuti di attività fisica almeno tre volte alla settimana, avremo molte più armi a disposizione per combattere gli herpes virus. Anche un’alimentazione ben bilanciata ci rende meno aggredibili dalla malattia. Quando si vogliono migliorare delle difese immunitarie un po’ carenti è infatti importante assumere le giuste dosi di vitamine e minerali. In particolare l’alimentazione deve assolutamente soddisfare il fabbisogno di vitamina C, magnesio e ferro. E’ comunque importante non esagerare con l’assunzione di queste sostanze dato che un eccesso potrebbe, paradossalmente, avere l’effetto contrario a quanto sperato. Allergie, intolleranze e indigestioni sono infatti potenti stimoli all’azione virale, favorita dal momentaneo calo delle difese immunitarie. Alimenti particolarmente indicati per migliorare l’efficienza del sistema immunitario sono gli agrumi, le alghe, l’echinacea ed i prodotti dell’alveare: miele, pappa reale e propoli. Un rimedio piuttosto antico, ma senz’altro efficace nel favorire la risoluzione dei sintomi, consiste proprio nell’applicazione di una goccia di tintura di propoli sulla parte malata prima di coricarsi. Carne, pesce e latticini non devono mancare nella dieta in quanto ricchi di un aminoacido, la lisina, che sembrerebbe contrastare l’insorgenza di recidive. Un altro aminoacido l’arginina è stato invece messo in relazione con gli episodi di riattivazione dell’herpes virus.

Cura

Se l’approccio preventivo fallisce si deve prendere in considerazione il ricorso a terapie specifiche. I medicinali tuttora conosciuti possono attenuare i sintomi della malattia ma non possono far nulla contro il virus, che dopo il contagio rimarrà all’interno del corpo per tutta la vita. Gli herpes virus dopo essere stati sconfitti dal sistema immunitario andranno infatti ad annidarsi all’interno dei gangli sensitivi dove sarano al riparo da farmaci ed anticorpi. Nonostante una cura definitiva non esista, vi sono molti consigli e medicinali utili per accelerare la “guarigione” ed evitare complicanze. Vediamo i più importanti:

  • creme a base di zinco e/o eparina: diminuiscono la durata dell’eruzione, specie se applicate insieme alle prime avvisaglie di formicolii o senso di calore sulle labbra; passato questo intervallo di tempo (6-12 ore) tali prodotti perdono gran parte della loro efficacia nel curare la malattia
  • altri princìpi attivi efficaci nell’accelerare la guarigione e nel diminuire la sensazione di dolore e prurito: aciclovir ed i suoi derivati più recenti famciclovir, penciclovir, valaciclovir (i medicinali che li contengono hanno spesso nomi simili). Questi farmaci agiscono sulle polimerasi virali impedendo la replicazione degli herpes virus e sono pertanto efficaci anche se assunti dopo la comparsa dei primi sintomi premonitori. Anche l’interferone può essere utilizzato grazie alla sua potente azione anti-virale.

In caso di herpes genitalis questi farmaci sono particolarmente utili durante le manifestazioni acute in gravidanza in quanto l’infezione potrebbe trasmettersi al bambino durante il parto. In ogni caso per prevenire tale circostanza è bene riportare al proprio medico qualunque episodio passato riconducibile ai sintomi tipici dell’infezione da herpes virus.

  • farmaci immunostimolanti: qualora vi sia un reale deficit delle difese immunitarie nonostante l’adozione di uno stile di vita sano; a tal proposito si sono dimostrati efficaci gli ormoni timici naturali o sintetici.
  • attualmente in sperimentazione: vaccini specifici contro gli herpes virus.

I commenti sono chiusi.