Coronavirus, contagi di nuovo in crescita. E c'è chi, positivo, rompe la quarantena e parte

Coronavirus . I positivi in più di oggi sono 229, contro i 193 di ieri e i 138 di martedì. I nuovi decessi sono 12. Un 53enne, in isolamento fiduciario, viaggia in Emilia-Romagna: fermato a Roma

 

CORONAVIRUS, I POSITIVI IN CRESCITA PER IL SECONDO GIORNO CONSECUTIVO

Torna a salire il trend dei contagi di coronavirus in Italia, con dati in aumento per il secondo giorno consecutivo.

I positivi sono infatti 229 in più rispetto a ieri, contro i 193 di ieri e i 138 di martedì.

Particolarmente significativo l’aumento dei contagi in Lombardi dove si contano 119 nuovi positivi contro i 71 di 24 ore fa.

Il totale degli italiani colpiti da Covid-19 dall’inizio dell’epidemia sale così a 242.363.

Il numero dei nuovi decessi è di 12, contro i 15 di ieri.

Il conto delle vittime, stando ai dati forniti dal ministero della Salute, sale a 34.926.

I pazienti attualmente positivi al virus sono 13.459.

Scende il numero degli attualmente ricoverati con sintomi (871, -28 da ieri) e delle persone in terapia intensiva (69, -2).

I guariti sono 193.978 (+338), mentre sono 7 (Puglia, Umbria, Sardegna, Val d’Aosta, Calabria, Molise e Basilicata) le regioni che registrano zero contagi nelle ultime 24 ore (insieme alla provincia di Trento).

In tutto sono stati effettuati 5.806.668 tamponi, +52.552 da ieri.

E CI SONO POSITIVI AL CORONAVIRUS CHE VANNO QUI E LI SENZA PROBLEMI

Positivo al coronavirus rompe la quarantena e si mette in viaggio: fermato a Termini.

L’uomo di 53 anni, originario del Bangladesh, ha viaggiato per alcuni giorni in Emilia Romagna.

E’ stato denunciato per “violazione della quarantena” dai poliziotti della Polfer: un uomo di 53 anni, originario del Bangladesh, nonostante fosse in isolamento fiduciario perché positivo al coronavirus, è comunque salito su un treno per andare a Rimini.

Dopo aver viaggiato per alcuni giorni per l’Emilia Romagna, ha fatto rientro a Roma dove è stato fermato.

L’uomo è arrivato nella Capitale il 7 luglio scorso a bordo di un treno regionale da Falconara.

A bloccarlo, già febbricitante e con tosse, è stata una guardia giurata che ha allertato la Polfer della stazione Termini.

Sottoposto a tampone all’Umberto I, è risultato positivo al Covid e dai successivi accertamenti è emerso che il 53enne, arrivato da Dacca a Fiumicino il 23 giugno scorso, era consapevole di essere positivo ma ha comunque infranto la quarantena.

Al momento del suo arrivo a Termini indossava una mascherina.

PER APPROFONDIRE:

OMS AVVERTE: PANDEMIA ACCELLERA, IN SEI SETTIMANE CASI RADDOPPIATI

FONTE DELL’ARTICOLO:

AGENZIA DIRE

I commenti sono chiusi.