Coronavirus, morto il vescovo di Caserta: trattato con la stessa terapia sperimentale di Trump

Coronavirus, morto il vescovo di Caserta. Dal ricovero e fino a ieri le sue condizioni erano considerate stazionarie. D’Alise e’ il primo presule deceduto per il CoVid-19 in Italia

CORONAVIRUS, IL VESCOVO E’ STATO RICOVERATO 4 GIORNI FA

E’ deceduto nella notte il vescovo di Caserta Giovanni D’Alise che 4 giorni fa era stato ricoverato dopo il riscontro della positivita’ al CoVid-19.

A dare nota dell’avvenuto decesso l’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta.

L’alto prelato, nato a Napoli e vescovo di Caserta dal 2014, era affetto da cardiopatia ipertensiva, diabete, insufficienza renale e dislipidemia.

D’Alise “e’ stato sottoposto ai protocolli vigenti e trattato anche con il nuovo farmaco antivirale Remdesivir“.

Dal ricovero e fino a ieri le sue condizioni erano considerate stazionarie.

D’Alise e’ il primo presule deceduto per il CoVid-19 in Italia.

PER APPROFONDIRE:

REMDESIVIR, GILEAD SCIENCES: RIDUZIONE DEL RISCHIO MORTE NEL 62% NEI PAZIENTI COVID TRATTATI

COVID-19, UN AIUTO DALL’INTERFERON BETA ASSOCIATO A REMDESIVIR, IDROSSICLORICHINA, LOPINAVIR E RITONAVIR

FONTE DELL’ARTICOLO:

AGENZIA DIRE

I commenti sono chiusi.