Vaccino Covid-19 di Moderna: arrivate le prime 66mila dosi, attivato hub nazionale dell'Aeronautica Militare

Con l’arrivo di 66.000 dosi del vaccino Moderna è stato attivato, per la prima volta, il sito nazionale di stoccaggio previsto nell’ambito dell’ “Operazione EOS” della Difesa.

Sono giunte nella mattinata di domenica 31 gennaio presso l’aeroporto militare di Pratica di Mare le prime dosi di vaccino destinate al sito di stoccaggio nazionale definito nell’ambito dell’Operazione EOS del Ministero della Difesa.

hubcovid8

Vaccino Covid-19 Moderna arrivato, hub nazionale di Pratica di Mare diventa operativo

Con la ricezione di questo primo quantitativo di vaccini Moderna provenienti dagli stabilimenti del Belgio – 66.000 dosi che sono state subito ridistribuite su tutto il territorio nazionale – è divenuto quindi operativo l’hub nazionale di Pratica di Mare, un hangar dell’aeroporto militare adattato dal Servizio Infrastrutture del Comando Logistico dell’Aeronautica Militare per assolvere la funzione di ricezione e conservazione dei vaccini.

Una speciale attenzione è stata rivolta al mantenimento della necessaria catena del freddo, oltre che agli aspetti di custodia e sicurezza, particolarmente congeniali ad una installazione militare.

La struttura, allo scopo di garantire gli standard richiesti, è stata ricondizionata grazie all’intervento dei Reparti Genio dell’Aeronautica Militare che ne hanno curato, oltre alle diverse opere edili di adeguamento, anche la distribuzione delle rete elettrica e la realizzazione della componente impiantistica necessaria per l’alimentazione degli shelter frigoriferi, all’interno dei quali verrà conservato il vaccino.

In particolare, tra le attività eseguite in tempi rapidissimi, è stata realizzata una nuova cabina elettrica per assicurare il corretto funzionamento degli shelter frigo in caso di black-out.

La struttura è stata inoltre adattata al fine di garantire un adeguato ricambio d’aria, mediante l’installazione di sistemi di ventilazione e aerazione, anche al fine di evitare cali di rendimento delle celle frigo presenti.

hubcovid7

Il vaccino anti Covid-19 di Moderna affidato ai reparti del Genio dell’Aeronautica Militare

I Reparti Genio A.M. (RGAM) sono tre Reparti dipendenti dal Servizio Infrastrutture del Comando Logistico e rispettivamente dislocati presso le basi di Villafranca (VR), Ciampino (RM) e Bari Palese (BA).

All’interno dei RGAM operano i Gruppi Genio Campale, unità operative che dotate di tutte le professionalità e mezzi necessarie per progettare e realizzare infrastrutture di ad ampio spettro, con particolare specializzazione nel settore delle infrastrutture aeroportuali, assicurando alla Forza Armata un’autonoma e tempestiva capacità d’intervento nel settore civile ed impiantistico.

Per la loro grande capacità, flessibilità e versatilità vengono impegnati per tutti gli interventi infrastrutturali di ammodernamento nelle basi operative dell’AM in cui è necessario garantire contestualmente l’operatività dell’Ente, ed in particolare nella realizzazione ed ammodernamento delle superfici di volo, degli impianti per l’ausilio alla navigazione aerea, ma anche nella realizzazione di opere edili tradizionali ed annesse urbanizzazioni.

In funzione dei compiti assegnati alla Difesa ed in particolare all’A.M., i Gruppi Genio Campale vengono impegnati per il supporto logistico infrastrutturale nelle operazioni fuori dai confini nazionali e concorrono alle forze di pronto intervento per la Protezione Civile.

hubcovid5

Per approfondire:

Vaccinazione COVID-19, la speranza è Moderna: ecco come agisce il vaccino mRNA e perché è sicuro

E’ arrivato in Italia il vaccino anti Covid di Moderna: ecco come funziona

MEDEVAC, volo sanitario salva-vita: l’Aeronautica Militare aumenta la propria capacità di trasporto in biocontenimento

Fonte dell’articolo:

Sito Aeronautica Militare

hubcovid4

I commenti sono chiusi.